w

15 dicembre 2010

la puglia in un carciofo


La ricetta per un secondo gustoso?
Questi carciofi li avevo "scoperti" lo scorso inverno, quando, sempre alla ricerca di qualche modo stuzzicante per cucinare le verdure che ad Antonio non piacciono molto, avevo curiosato in uno dei blog che seguo abitualmente: Gustosa...Mente.
Poi la stagione dei carciofi era finita, senza che ne facessi niente.
Ora che questi ortaggi, che annovero invece tra i miei preferiti, sono tornati a far capolino sulle bancarelle del mercato, ecco che ho rispolverato l'idea e ieri l'ho realizzata.
Ho seguito la preparazione quasi alla lettera, unica variazione le olive al posto delle acciughe ed una piccola giunta di pecorino grattugiato nel ripieno.
Resisto stoicamente, pertanto, alla tentazione di uno spudorato copia-incolla; voglio invece mantenere il titolo originale, in omaggio ed in segno di ringraziamento a Leda, che mi ha concesso la pubblicazione della sua ricetta.  
A titolo di cronaca aggiungo che la pietanza ha convinto anche la mia dolce metà... un piccolo passo per l'uomo, un grande passo per l'umanità.     

Ingredienti:
4 carciofi
100 grammi di pane raffermo
una tazza di brodo vegetale
1 spicchio d'aglio
4-5 pomodori secchi
1 cucchiaio di capperi dissalati in acqua
1 uovo
peperoncino a piacere
qualche oliva snocciolata
2-3 cucchiai di pecorino o parmigiano grattugiati
2-3 cucchiai di pangrattato
sale q.b.

Esecuzione:
Pulire i carciofi, tagliarli a metà e togliere le spine interne. Recuperare anche il cuore dei gambi e lessarli per qualche minuto, insieme ai carciofi, in acqua acidulata con succo di limone, lasciando il tutto un po' al dente.  

Ammollare il pane nel brodo vegetale; scavare leggermente i carciofi in modo da poterli poi riempire.

Mettere in un mixer: i cuori dei carciofi ed i gambi lessati, il pane ben strizzato e tutti gli altri ingredienti tranne il pecorino. Frullare bene poi aggiungere il formaggio ed amalgamare a mano. Aggiustare di sale.

Riempire i carciofi col composto, metterli in una teglia oliata, spolverizzare con pane grattugiato, condire ancora con un filo d'olio e far cuocere in forno riscaldato a 180 gradi per mezz'ora circa, fino a gratinatura.

4 commenti:

  1. Un grazie forse non basta ... per aver visitato il mio blog, per aver provato una mia ricetta, per avermi chiesto il permesso di pubblicarla, per la gentilezza con la quale ti sei presentata, per le belle parole spese in questo post, per averci messo del tuo!

    Un caro saluto e ... continua così :))
    Leda

    RispondiElimina
  2. Non posso fare a meno di tentare, anche la fase di preparazione del carciofo, mi procura spesso fastidiose punture accompagnate da esclamazioni colorite...*@#@ ... ma porca biiiiip*

    RispondiElimina
  3. ...manca un se, anche se la fase ecc ecc

    p.s. cara Fausta, perch[ non posti la ricetta dell-apple crumble che sta facendo proseliti dopo il successo di domenica??

    RispondiElimina
  4. Grazie a te, Leda, per la cortesia... ti aspetto ancora nel mio blog. Per quanto mi riguarda, continuerò senz'altro a seguire il tuo.

    Cari amica di piume (oltre che di penna), prova i carciofi che sono veramente gustosi! (ma la citazione tratta dell'allunaggio s'è capita?)
    p.s. io veramente l'apple credevo mi sarebbe arrivato da te, in qualità di ricetta dei lettori, visto che l'hai fatto tu!
    Domani... biscottini

    RispondiElimina