w

21 gennaio 2011

torta di pane raffermo


Oggi una torta che potrebbe far parte di una rubrica a sè intitolata: non si butta via nulla; è infatti a base di pane raffermo. Un tempo ne "producevo" parecchio; ora sto più attenta nell'acquisto di questo alimento e mi capita ormai di rado di avanzarne. Dolci a base di pane avanzato ne troverete diversi; la mia, di  torta, deriva da un miscuglio tra ricette lette nel tempo e variazioni personali apportate in base agli ingredienti di cui avevo man mano disponibilità. In poche parole, base a parte, di volta in volta è sempre diversa, anche perchè nelle dosi  sono sempre andata "a occhio". L'altro giorno, dopo anni che non la facevo, avendo avanzato un bel po' di pane mi sono lanciata nuovamente nella sua realizzazione, e questa volta ho pesato tutto. Naturalmente non aspettatevi una torta leggera e friabile simile al pandispagna; al contrario otterrete un prodotto che, anche se ben lievitato, risulterà sempre un po' umido. Se pensate pertanto di poterlo bagnare nel latte della colazione, scordatevelo; però, gustato "nature", trovo sia un dolce che merita ben più di una possibilità.                 


Ingredienti:
100 grammi di pane raffermo
200 grammi di latte
140 grammi di zucchero
30 grammi di farina (2 cucchiai)
20 grammi di cacao
2 uova
50 grammi di noci*
una mela* (200 grammi circa) tagliata a cubetti
una bustina di lievito
uvetta a piacere*
2 cucchiai di panna da montare*
zucchero a velo per decorare

* la mela: si può non mettere ma, come sempre, conferisce morbidezza; le noci: ci stanno bene, se non le avete potrete sostituirle con nocciole o mandorle; l'uvetta: non è indispensabile, potete sostituirla con altra frutta secca (fichi o albicocche) o non mettere nulla; la panna: io ne avevo di avanzata, nel caso non l'abbiate aggiungete comunque un elemento grasso: poco olio o poco burro sciolto. Altre eventuali aggiunte che potete fare: canditi; un po' di liquore


Esecuzione:
tagliate il pane a pezzi abbastanza piccoli e bagnatelo col latte intiepidito.

Lasciate riposare in modo che il liquido si assorba, poi frullare per ridurre tutto a crema.

Aggiungete le uova, leggermente montate con lo zucchero, poi via via tutti gli altri ingredienti tenendo per ultimo il lievito.

Versate in una teglia imburrata, o rivestita di cartaforno, ed infornate a 180 gradi per 50 minuti. Fate la prova "stecchino" tenendo presente che la torta non si deve asciugare troppo.

Sfornate e, una volta raffreddata, cospargete di abbondante zucchero a velo.

10 commenti:

  1. ma cosa leggo..... compri il pane e non lo fai tu?!?!!!!!....

    RispondiElimina
  2. oh mannaggia...ma non sfugge niente, eh? Per la verità, ora che ho il tempo, spesso lo faccio io, ma a volte mi capita invece di doverlo comprare... è per questo che AVANZA! (il mio ce lo pappiamo proprio tutto!) Ti ho tranquillizzato? ;-) ciao

    RispondiElimina
  3. assolutamente una torta da fare per usare gli scarti e poi perchè è buonissima.adoro veramente la tortadi pane ela facccio spesso, non metto di solito la mela ma devo rimediare!

    RispondiElimina
  4. è vero che è molto buona e la cosa che più mi piace è che puoi aggiungere quel che vuoi e viene sempre. Insomma, una vera torta del riciclo! (la mela la metto perchè "fa volume", apporta gusto e morbidezza; la tua sarà senz'altro ottima anche senza!)

    RispondiElimina
  5. Una torta-riciclo che mi piacerebbe sperimentare... Segno e archivio, ok? Intanto grazie per la ricetta.
    A presto,

    Sabrine

    RispondiElimina
  6. ciao Sabrine, grazie del commento... vedo che il tuo blog è gia molto ricco. Verrò anch'io, di tanto in tanto, a dare un'occhiata... non se ne sa mai abbastanza. A presto

    RispondiElimina
  7. Bravissima Fausta, che piacere conoscerti con questa ricetta reciclosa, odio gli sprechi!!!! Mi iscrivo come tua sostenitrice, così non ti perdo d'occhio; se vuoi passare a conoscermi e contraccambiare, ne sarei felice! Un abbraccio e alla prossima ricetta. . .

    RispondiElimina
  8. Grazie, ho già contraccambiato e sono venuta a dare un'occhiata in casa tua. Ho trovato delle idee interessanti e sicuramente anch'io tornerò a trovarti. ciao

    RispondiElimina
  9. Ma ciaooooooooooo :)
    Ho visto che ti sei unita ai miei follower e sono venuta a dare una sbirciata, e ho trovato questa!
    Bellissima, lo sai che l'ho fatta anche io:)
    Come te...riciclando un po di cosette
    la panna non l'avevo, ma non ci avrei proprio pensato!
    Anche la tua mi piace proprio..brava, ti seguirò volentieri, e non sminuire il tuo blog...è delizioso!:D

    RispondiElimina
  10. grazie per i complimenti, Cranb.... la panna non la metto mai neanch'io, ma mica potevo buttarla, no?

    RispondiElimina