w

09 febbraio 2011

minestra di piselli



Poichè non ne avevo ancora proposto, eccomi con una minestra, questa volta; un'altra ricetta della tradizione familiare. Si tratta di una minestra invernale, a base ingredienti semplici: riso, piselli secchi ed un giro d'olio a concludere (a me ne è scappato un po' troppo; colpa della -solita - fretta di fotografare ed anche un po' del tappino dosatore) . Non c'è molto da aggiungere, se non che non è da considerarsi una ricetta dell'ultimo minuto, vista la cottura che, per una resa ottimale, dev'essere lenta e prolungata. A me piace tantissimo e se ne avanza... meglio: il riso sarà un pochino scotto, ma in compenso la preparazione acquisterà una cremosità ed un sapore unici che la renderà molto simile ad un risotto. Anche questa è una di quelle ricette da fare "a occhio" (io vado a bicchieri) ma anche questa volta, per venirvi incontro, ho provato a pesare gli ingredienti.

Ingredienti (per 2 - 3 persone):
160 grammi di piselli secchi
160 grammi di riso da minestre (io Vialone nano)
una piccola cipolla
olio q.b.
sale q.b.

Esecuzione:
scegliete i piselli eliminando quelli di colore giallo, sciacquateli bene sotto il getto del rubinetto e metteteli in una pentola capiente (per queste dosi utilizzate almeno tre litri d'acqua) piena d'acqua fredda, senza salare.

Portate lentamente ad ebollizione, schiumate e fate sobbollire col coperchio leggermente scostato per evitare che l'acqua fuoriesca.

Continuate a cuocere a fuoco dolce controllando che l'acqua non si consumi; eventualmente rabboccate con altra acqua rigorosamente bollente (è preferibile però evitare troppa evaporazione con l'uso del coperchio; aggiungendo l'acqua, anche se calda, sarà difficile che i piselli si disfino totalmente).

La cottura dovrà prolungarsi per un paio d'ore; durante questo tempo i piselli cominceranno a sciogliersi e a formare una crema. Se questo non dovesse succedere, potrete sempre provvedere frullando col minipimer  ad immersione.

A metà cottura aggiungete un leggero soffritto di cipolla (fatela solo appassire con un cucchiaio d'olio).

Quando i piselli saranno quasi totalmente disfatti aggiungete il riso e portate a cottura. Tenete sempre a disposizione un po' d'acqua calda per un eventuale rabbocco.

Condite con un filo d'olio e gustate.


15 commenti:

  1. Che delicata questa minestra...A volte questo genere di piatti li preferisco alle solite paste super condite che è ovvio siano buone...
    Il diffile sta nel realizzare un buon piatto con pochi e semplici ingredienti.
    Fausta ti auguro una serena giornata
    Marcella

    RispondiElimina
  2. Una minestra sublime, veramente raffinata e invitante!!! Complimenti cara, un abbraccio e felice giornata

    RispondiElimina
  3. beh... questa la devo proprio provare!!! ti farò sapere.......

    RispondiElimina
  4. Ciao a tutte; se la fate aspetto il vostro parere. Buona serata

    RispondiElimina
  5. Adoro i passati di verdure con il riso e altri cereali, sono sostanziosi ma leggeri!!! Brava come sempre, Fausta!!!

    RispondiElimina
  6. MOlto raffinata e profumatissima questa minestra, adoro i piselli!!!! Un abbraccio Fausta!

    RispondiElimina
  7. Nulla succede per caso ed è vero ;-)
    Il tuo sarà anche un "piccolo blog" ma ne esistono di più "piccoli" sopratutto dal lato umano. Buonissima giornata e..aspetto il post ;-)

    RispondiElimina
  8. Mannaggia!! Avevo tralasciato la ricetta, da noisi chiama "risi e bisi" ed è per me la rievocazione di ricordi e tempi andati, di nuovo un saluto.

    RispondiElimina
  9. Eccolaaa :) l'aspettavo :) Giusto adesso sono rientrata dalla pausa pranzo e ho preso i piselli, ma senza il riso :)E' un bel piatto semplice e buono e si,confermo cio che dice Marcella, non è pesante come i classici minestroni che poi rimangono sullo stomaco tutto il giorno!!! :)

    RispondiElimina
  10. ciao Sara, in effetti legumi e cereali piacciono molto anche a me, e sono un alimento completo.

    ciao Speedy, gentilissima, come sempre! I piselli secchi, poi, hanno un gusto particolare.

    grazie, Accantoalcamino, il discorso rimane aperto... Ma risi e bisi non si fa con i piselli freschi?

    ciao Gegè, la tua vivacità è dirompente! Grazie per la consueta vitalità con cui commenti le mie ricette!

    RispondiElimina
  11. Buono,veramente una zuppa delicata e corroborante.
    Non l'ho mai fatto lo provero' senz'altro poi ti faccio sapere.
    Un abbraccio Fausta

    RispondiElimina
  12. Dipende, in inverno si faceva con quelli secchi, "bisi spacai", ciao :-)

    RispondiElimina
  13. Buona buona questa minestra, ideale per queste giornate fredde (chi in tele dice che abbiamo un anticipo di primavera mente spudoratamente, almeno per quel che riguarda l'emilia romagna), poi io adoro minestre, zuppe vellutate...fa proprio per me! Brava!

    RispondiElimina
  14. Veramente favolosa!! :) Sembra molto cremosa, proprio quello che ci vuole a fine giornata!!

    RispondiElimina
  15. Grazie Francesca, se ti dicessi che assomiglia molto da vicino ad un risotto? Cremosa allo stesso modo, solo con un po' più di "brodo" rispetto al riso. Ciao

    RispondiElimina