w

23 febbraio 2011

vellutata di cannellini con radicchio rosso


L'altro giorno, al supermercato, ho trovato delle belle cassettine contenenti diverse varietà di radicchio veneto. Del contenuto, freschissimo, facevano parte il tardivo, che è quello che preferisco in assoluto, ma anche il lungo, il semilungo, a palla tonda ed il variegato di Castelfranco. Un piccolo dépliant ne spiegava differenze e proprietà organolettiche, oltre che nutrizionali, ed in più, in "regalo", qualche ricettina. Niente di così originale, sia chiaro, però qualche idea circa i modi di cucinare le varie specie c'era. Ecco cos'ho fatto col semilungo; quello di questa foto, per intenderci.
Inutile dire che qualche variazione l'ho "dovuta" apportare, altrimenti che divertimento ci sarebbe nel cucinare?
Io ho usato fagioli toscanelli che hanno la buccia abbastanza sottile, se usate borlotti od altri tipi dalla buccia più consistente dovrete, una volta cotti, spellarli per fare in modo che, frullandoli, la vellutata risulti tale.
In alternativa potrete anche passarli al setaccio (ma la cosa mi sembra più laboriosa). Inoltre, non ho voluto insaporire con altri aromi (rosmarino, soffritto), volevo ottenere un gusto più "nature" e così è stato. Nulla vieta, naturalmente, di scegliere diversamente. 
Infine: poiché sembra che la mia ultima ricetta sia stata abbastanza apprezzata anche per l'assenza di contenuto di glutine, ho pensato di mettere anche qui una versione gluten-free, un piccolissimo "regalo" per coloro che soffrono di celiachia.


Ingredienti (per 4 persone):
250-300 grammi di fagioli secchi    
un cespo di radicchio rosso semilungo
150 grammi di robiola (anche ricotta o altro formaggio cremoso)
olio e.v.
sale e pepe q.b.
pane tostato o, per la versione gluten-free, 100 grammi di riso thai o basmati (3 bocconcini a testa)


Esecuzione:
preparate i fagioli mettendoli in ammollo la sera prima. La mattina lessateli e frullateli con un po' dell'acqua di cottura. Regolate di sale.

Nel frattempo: pulite e lavate il radicchio, tagliatelo a striscioline, mettetene un po' da parte per l'eventuale decorazione e dividete il resto tra quattro piatti fondi.

Condite leggermente la robiola con poco olio e formate quattro quenelles.

Quando la vellutata sarà pronta, ancora calda, versatela nei piatti in modo che vada a coprire l'insalata che col calore appassirà leggermente.

Guarnite con il radicchio tenuto da parte, qualche fagiolo intero, la quenelle di robiola ed il pane tostato. Condite con un filo d'olio e, a piacere, con poco pepe.

Per la versione senza glutine.
Mettete il riso in un pentolino ed aggiungete acqua in quantità pari ad una volta e mezzo il volume (volume, non peso) del riso.  Aggiungete un pizzico di sale.

Portate ad ebollizione a fiamma vivace, poi abbassate al minimo e continuate la cottura finché l'acqua risulterà completamente evaporata (13 minuti circa, secondo varietà).

Versate in una ciotola, lasciate intiepidire e, senza condire, formate delle palline. L'amido del riso consentirà ai bocconcini di non disfarsi.

Oliate leggermente la superficie delle palline e cuocete brevemente alla piastra o in forno. Utilizzate queste "polpettine" al posto del pane tostato.
                     
   
                           
   

22 commenti:

  1. ehi ma tu fai proprio sul serio, eh! Che bella preparazione, questa crema, mi piace!

    RispondiElimina
  2. ... fausta che dire.... ma te le inventi proprio tutte.... io sono una patita di vellutate questo è proprio proprio da fare!!

    RispondiElimina
  3. Davvero Fausta, ogni tua ricetta mi stupisce!
    Non vado pazza per le vellutate, ma guardando le foto.. beh qualche cucchiaio me lo papperei!!!
    Buona giornata cara!

    RispondiElimina
  4. bella e buona! :) carinissime le polpettine di riso

    RispondiElimina
  5. Molto gustosa la ricetta e spettacolare la presentazione!!! Complimenti carissima, un abbraccio e felice giornata

    RispondiElimina
  6. Molto carine e creative le tue ricette, piacere di conoscerti

    RispondiElimina
  7. Che bella ricetta complimenti ♥

    RispondiElimina
  8. Ciao! Complimenti per il tuo delizioso blog! Questa ricettina è invitantissima, prenderò sicuramente spunto :) Alessia

    RispondiElimina
  9. Che buono il radicchio!! Qui non si trova sempre ma quando lo becco lo compro sempre. Lo adoro nell'insalata ma la prossima volta provo questa versione. Sicuramente é ottimo! La cocottina é un amore!! Baci!

    RispondiElimina
  10. Non sai quanto il tuo pensiero per i celiaci come me mi faccia commuovere!!! Grazie per l'attenzione che hai e perché dimostri SEMPRE che il cibo che possono mangiare i celiaci è buono tanto quanto se non di più (come in questo caso!!!)
    P.s. Visto che hai fatto queste polpette fantastiche perché non partecipi anche tu all?MTChallenge??? Secondo me vinceresti!
    P.s. Qui il link: http://menuturistico.blogspot.com/2011/02/mtchallenge-di-febbraio-la-ricetta.html

    RispondiElimina
  11. Questa ricetta è ottima!!!!! Complimenti, marina

    RispondiElimina
  12. complimenti per il tuo blog, è bellissimo! mi iscrivo così ti seguo sempre! se ti va sei la benvenuta nella mia cucina! un bacione! :-D

    RispondiElimina
  13. Uno splendido piatto, complimenti Fausta!!!!

    RispondiElimina
  14. A tutte: grazie... inutile dire che i complimenti fanno sempre molto piacere!
    @ Fantasie: in casa mia girella diversi parenti ed amici che devono o vogliono sottoporsi a diete prive di glutine, perciò sono abbastanza sensibilizzata circa l'argomento. Il fatto è che non mi piace l'utilizzo dei mix di farine che si trovano già pronte in vendita, per cui... necessità aguzza l'ingegno! Usiamo materie prime non elaborate e lavoriamo un po' di fantasia; il divertimento, in cucina, è anche questo, no?
    @ Le ricette dell'Amore Vero: Grazie, verrò a visitarti presto con molto piacere!

    RispondiElimina
  15. ciao Fafà,
    l'ultima...per guarire dai miei problemi di stomaco, parrebbe che io debba restare senza farina per almeno 60 gg (più cura omeopatica).

    Quando si dice la coincidenza!

    RispondiElimina
  16. Ciao.. eccoci per caso nel tuo bellissimo blog questa ricetta è fantastica complimenti ...
    Piacere di conoscerti e per non perderci di vista siamo tra i tuoi seguitori ...
    Un saluto dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  17. @ Qua: beh, questo si dice: "cadere a fagiolo!". Un bacio
    @ I viaggi del goloso: verrò presto anch'io nel vostro blog a dare una sbirciatina. A presto

    RispondiElimina
  18. no ti prego!
    canellini+crostino+formaggio....mi vuoi fare morire! Amo i canellini, con il pomodoro sul pane al grill e con formaggio, oppure in insalata ed in zuppa, magari con 150 gr di cipolla :) Questa zuppetta sara' la mia cena ben presto, grazie!

    RispondiElimina
  19. Grazie di essere passata da me, mi fa tanto piacere che ti sia piaciuto...e ti ringrazio anche di avermi dato modo di conoscere il tuo blog che mi piace molto, per la creatività delle ricette e le foto chiare e belle. Questo piatto e la sua presentazione sono davvero speciali.
    grazie davvero, a prestissimo!

    RispondiElimina
  20. ti ringrazio per i complimenti che hai fatto ai miei saccottini.. mi piace molto il tuo blog sai proporre ricette stuzzicanti e belle da vedere a presto Simmy

    RispondiElimina