w

01 marzo 2011

tartellette con mele e robiola

Oggi pochi preamboli, solo il tempo per scrivere questa ricetta, con la quale parteciperò al contest "Frutta in pentola" lanciato da Farina, lievito e fantasia. Dapprima avevo pensato ad un secondo di carne, un po' controvoglia poiché non amo troppo questo alimento; poi, però, mi è capitata sott'occhio questa ricetta ed è stato un colpo di fulmine. Naturalmente qualche piccola modifica l'ho fatta; non vi dico quali, ma vi assicuro che "ci stanno bene"! Sottolineo inoltre che sia la mela che il succo di pompelmo, già previste dalla ricetta originale e che inizialmente mi avevano lasciato un po' perplessa, conferiscono invece un tocco di freschezza in più che non solo non guasta ma, al contrario, ritengo coronamento  indispensabile alla buona riuscita del piatto.
Infine... poiché volevo ottenere dei tortini di una determinata dimensione, non avendo gli stampi adatti ho aggirato il problema. So che "chi si loda s'imbroda", ma posso aggiungere l'aggettivo "brillantemente"? Beh, su, ormai l'ho detto, tanto vale... dunque lasciatemi dire che ho aggirato brillantemente il problema!


Ingredienti (per 4 persone)
per la pasta:
160 grammi di farina 00
60 grammi di gherigli di noci
60 grammi di olio e.v. (possibilmente ligure per la delicatezza del sapore)
2 tuorli
sale q.b.
per il ripieno:
300 grammi di robiola
un piccolo pompelmo rosa
2 ciuffi di basilico
un albume
sale q.b.
una mela non trattata (io ho utilizzato una golden non troppo matura dal sapore leggermente acidulo)
un cucchiaino di zucchero di canna
20 grammi di burro

Esecuzione:
per la pasta: tritate bene i gherigli ed aggiungeteli agli altri ingredienti previsti. Impastate bene; nel caso l'impasto dovesse risultare troppo poco lavorabile (un po' asciutto) aggiungete poca acqua. Formate una palla e mettete in frigo per mezz'ora.

Tagliate la mela in senso orizzontale (nel caso non fosse bio sbucciatela) e ricavatene quattro fettine spesse 2/3 millimetri. Fate fondere il burro in una padella, aggiungete le mele, spolverizzate con lo zucchero di canna e lasciatele insaporire brevemente girandole su entrambi i lati. Dovranno rimanere ancora leggermente croccanti.

Spremete il pompelmo, filtrate il succo ed unitelo alla robiola. Lavorate il formaggio, aggiungete le foglie di basilico spezzettate e l'albume leggermente montato. Regolate di sale.

Togliete la pasta dal frigo, dividetela in quattro parti uguali, stendete su un ripiano leggermente infarinato e rivestite quattro stampini. La pasta sarà molto friabile e "sbriciolosa", dovrete fare un po' di rappezzi (se volete ovviare al problema utilizzate una classica brisé al burro); in compenso è molto malleabile ed in cottura si compatterà.
Nel caso non abbiate stampini potrete "fabbricarveli", come ho fatto io, con un anello di cartone da pasticceria (avvolgete il cartoncino intorno ad un barattolo della giusta dimensione e pinzate le estremità) coprendo poi con alluminio. Questa soluzione vi agevolerà anche nella sformatura (basterà semplicemente sfilare o tagliare il cartoncino e scostare i lembi dell'alluminio).

Dividete il ripieno tra le quattro tartellette, ponete sulla superficie di ognuna una fettina di mela ed infornate a 180 gradi per 25/30 minuti.


Lasciate leggermente intiepidire, sformate, guarnite con basilico e qualche fettina di mela e servite.

23 commenti:

  1. soluzione molto molto ingegnosa!!! complimenti!!!

    RispondiElimina
  2. Interessantissima questa ricetta...per non parlare della genialata degli stampini home-made, super!! ebbrava Fausta! E in bocca al lupo per il contest! un bacione :) Alessia

    RispondiElimina
  3. che squisitezza queste tartellette! sai che proprio ieri ho visto dei siti su come realizzare dei coppapasta fai da te?
    bravissima!!! :-D

    RispondiElimina
  4. Ciao Fausta, come promesso eccomi a segnalarti l'articolo. Spero sia di tuo gradimento. Ho inserito anche un paio di link al tuo blog. Ti ringrazio della disponibilità.

    Ecco il link che parla del tuo blog e delle tue foto:

    http://lafotodiwilly.blogspot.com/2011/03/le-foto-del-blog-caffe-col-cioccolato.html

    RispondiElimina
  5. Deliziose e molto originali nella presentazione, un'idea fantastica, prendo nota, bravissima, un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Mica quando vieni a pranzo da me devi portare per forza il dolce?

    RispondiElimina
  7. @ Antonella: grazie! Spero di riuscire di nuovo a chattare un po' con te! In questi giorni la casa nuova mi da un po' da fare...
    @ Menta Piperita: eggrazie Alessia! Incrocio le dita anch'io... ma la concorrenza è agguerrita!
    @ Le Ricette: ma allora dimmi dove l'hai visto che sono curiosa. (non puoi mica lanciare il sasso...)
    @ Willy: grazie, sei stato molto gentile. Ho già letto e non so come tu abbia fatto a tirare fuori tante cose da una foto. Ti seguirò; come ti ho detto ho molto da imparare in merito.
    @ Lady: un grazie di cuore anche a te, sei sempre molto gentile
    @ Marcella: Vabbè, vah, ho capito... vengo a pranzo da te e... porto il pranzo! ;)
    Un bacio

    RispondiElimina
  8. Carissima Fausta... ma mi vuoi far cappottare dalla sedia!? Queste tartellette sono a dir poco FANTASTICHE!!Ma la pasta è tipo una frolla? Bellissima l'idea delle noci!!
    E poi ho qualche cosina da dire:
    1.Anch'io stamattina ho postato la ricetta per il contest "Frutta in Pentola"..
    2.E' da un paio di settimane che pensavo di fare delle crostatine, ma mi chiedevo come fare con lo stampo che non ho.. e tu arrivi con questo tuo home made..
    MA STIAMO DIVENTANDO TELEPATICHE????!!!! :-D
    Un bacione!!

    RispondiElimina
  9. e come dice il proverbio "la necessità aguzza l'ingegno", ma non suggerisce anche la meravigliosa ricetta che c'è dentro..
    sono bellissime... se abitassimo vicine ti potevo prestare le mie mini-quiche prese in francia, peccato, avrei fatto uno scambio equo x una tua tartelletta in pagamento ;))

    RispondiElimina
  10. Che peccato che io mi sia persa questo contest, con queste ricette fantastiche mi stava venendo voglia...queste tartellette sono meravogliose, sia la ricetta che la presentazione originale, bravissima!

    RispondiElimina
  11. Faustina, ti ho risposto in privato per email. Leggi lì :-)

    RispondiElimina
  12. @ Luana: non saprei se la pasta si può definire frolla, in ogni caso è fatta con olio anziché col burro e rimane un po' più sbriciolosa, ma secondo me molto buona. Il metodo formine home-made in effetti ha stupito anche me per la facilità di esecuzione e di sformatura (è vero che l'ho pensato io, ma a volte mi succede di fare di quelle cose che... lasciamo perdere! A priori non so mai se il metodo funzionerà... qui è andato tutto a meraviglia!)
    @ Cinzia: è proprio così! Sia chiaro... se vuoi far cambio io spedisco la crostatina e tu spedisci lo stampino (mi conviene!) ;).
    @ Acky: il contest non e ancora finito! Certo, siamo agli sgoccioli, ma se ti sbrighi sei ancora in tempo :).GRazie e un bacio
    @ Le ricette: grazie mille... letto, memorizzato! Userò quanto prima!
    Ora scusate ma me ne vado a letto... devo avere un po' di febbriciattola; sento qualche brividino sospetto e domani devo di nuovo "essere in pista" per alcune iincombenze inerenti la mia casa in costruzione.

    RispondiElimina
  13. Questa ricetta mi piace tantissimo!!! Hai abbinato i gusti in modo strabiliante e la presentazione è favolosa! Complimenti :)

    RispondiElimina
  14. Non ci deludi mai, cara Fausta, tre ingredienti (o poco più) per un piatto leggero e gustoso. Si può chiedere di meglio? Brava come sempre!
    P.S. io di libri ne ho molti meno di te (circa 300,per il momento), ma la mia biblioteca è poco convenzionale e povera di classici della letteratura, ahimé... però la mia biblioteca culinaria cresce sempre di più!!! A presto!

    RispondiElimina
  15. Una buona ricetta e una bella idea con il contenitore handmade, brava e grazie per l'idea ♥

    RispondiElimina
  16. E'vero :) hai sempre bellissime idee....questa è troppo originale :) :) Sei mitica!!!

    RispondiElimina
  17. Non sono un'appassionata della frutta come ingrediente nei piatti salati, ma queste tue tartellette mi hanno fatto uscire gli occhi di fuori. Complimentissimi!
    [e complimenti anche per il fai da te sulle attrezzature da cucina :)]

    RispondiElimina
  18. che bontà!!!..vieni a trovarmi..ho una sorpresa per te! a presto!

    RispondiElimina
  19. Ciao, ti invito a partecipare al mio contest "il plumcake: dal dolce al salato".
    Valgono solo le ricette postate dal 23 gennaio 2011, data di inizio del contest.

    RispondiElimina
  20. sono bellissime! mi incuriosisce l'uso delle noci nella pasta di base... devono essere buonissime!

    RispondiElimina
  21. 'anvedi la fausta che si fa pure gli stampi... grande!

    RispondiElimina
  22. Splendida ricettina, brava Fausta!!!

    RispondiElimina
  23. Ahhh ho letto solo adesso la tua risposta! Brava vieni da me io porto il dolce!
    Baci

    RispondiElimina