w

16 aprile 2011

tartelletta stracchino e cipolle. una miss en place... per il brunch.

 

 
 No, non è un errore di battitura od un segnale di scarsa conoscenza, leggasi ignoranza, so che si scrive "mise"; ma mi piaceva l'idea di giocare un po' col titolo del post e del contest di Ambra, che ha per tema la "mise en place", appunto. La mia intenzione era quella di fare una ricetta per il brunch. Saranno le giornate che si allungano, l'aria tersa e a volte ancora frizzantina, o la natura che ha cominciato a far bella mostra di sé, la voglia di una sana colazione in giardino (per chi ce l'ha) o sul terrazzo, sorge quasi spontanea; se poi l'ora dell'allestimento la trasforma in un brunch, ancora meglio. Io il giardino non ce l'ho (ancora!), quanto al terrazzo... chiamare i miei tre metri quadri invasi dalle piante: "terrazzo",  mi sembra davvero pretenzioso. Ma quello ho, e mi sono dovuta un po' arrangiare. Dunque, la cosa è stata un po' comica (fortuna che i vicini non si sono affacciati...). Ho spostato ed accatastato piante, ho allestito "la tavola" (una tavola di legno grezzo 80x60 che qualcuno un giorno vorrebbe gli ritornassi disegnata, coperta da un telo di lino e tenuta sollevata da terra da pile di... libri), il tutto con l'attenzione a come "girava" il sole, in una specie di corsa contro il tempo. Non vi dico le posizioni kamasutriche che ho dovuto assumere per scattare qualche immagine! Beh, per divertirmi, mi sono divertita... e sulla tavola, come richiamo bucolico, ho voluto anche mettere la mia Miss. Una coccodella (così una mia nipotina, quando era piccola, chiamava i piccioni) di squisita fattura (I made it... Eccoti, Sara, un indizio in più... forse due, se ho fatto una traduzione "maccheronica"!).
 
 
Ingredienti (per 5-6 tartellette)
60 grammi di farina 00
100 grammi di farina integrale
80 grammi di burro
2 cipolle rosse medie
150 grammi di stracchino
qualche oliva in salamoia
olio e.v. d'oliva
sale q.b.
qualche rametto di santoreggia (timo o rosmarino)

Esecuzione:
preparate la pasta brisé: mischiate le due farine con due pizzichi di sale, unite il burro freddo ed intridete fino ad avere un effetto "sbriciolato", poi compattate la pasta l'aggiunta di un po' d'acqua ghiacciata. Fate un panetto e mettete in frigo per almeno mezz'ora.

Sbucciate le cipolle, tagliatele sottilmente e fatele stufare con un po' d'olio e.v.. Aggiustate di sale.

Imburrate gli stampini da tartelletta. Spianate la brisé col matterello, tagliate in base alle dimensioni degli stampi e foderate questi ultimi con la pasta. Bucherellate il fondo della pasta.

Distribuite lo stracchino a pezzetti e coprite con le cipolle stufate. Infornate a 180 gradi per una ventina di minuti.
Lasciate intiepidire, sformate e decorate con le olive in salamoia e rametti di santoreggia o timo (la mia santoreggia era persino fiorita!)


45 commenti:

  1. Che meraviglia!!!Sembrano squisite! In bocca al lupo per il contest!

    RispondiElimina
  2. DELIZIOSE è la parola che mi viene in mente! Per le foto ( ne è valsa la pena di fare posizioni kamasutriche :-D ) e per queste tartellette..non potevi imbadire una tavola in modo migliore per richiamare la primavera e la pasqua!
    Brava cara, buona domenica!
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. foto splendide! e sicuramente queste tartellette sono squisite!
    In bocca al lupo per il contest!

    RispondiElimina
  4. Ma che bella tavola hai imbastto?! E' perfetta per un brunch all'aperto...e quetse tartelette...mi hanno letteralmente mandato in tilt! Adoro le cipolle e con lo stracchino ci stanno d'incanto! Compliemnti per la presentazione e per la ricetta stragolosa!

    RispondiElimina
  5. Eccomi qua Fausta... Già ti immagino nelle posizioni più acrobatiche per fare queste splendide foto, e mi pare di rivedermi (anch'io a volte per catturare la giusta angolazione della luce sembro uscita dal circo Orfei), ma cosa non si farebbe per immortalare al meglio le nostre creature? E poi in fondo tanta fatica è pienamente ripagata, guarda qua che capolavoro!!! Davvero bellissimo, e non meno buono, immagino (un brunch così lo farei a ogni ora, anche adesso). L'unico problema è l'indizio (anzi due, addirittura) che lasci in fondo sulla coccodella: davvero quell'I made it mi spiazza completamente, accidenti! Va bene, ci devo studiare su per capire a cosa ti riferisci (il piccione l'hai fatto tu, ok, e l'inglese? Sei una ceramista che lavora con l'estero? Boh, meditare, meditare..)... sempre sorprendente la nostra Fausta, mitica!!! Grazie e a presto!

    RispondiElimina
  6. queste tartellette sono meravigliose e molto, molto invitanti!!! Bravissima cara, bellissima anche la mise en place....in bocca al lupo per il contest!!!

    RispondiElimina
  7. Ah, ora ho capito!! Il tuo inglese non è maccheronico, si dice proprio così!! Quanto alla ceramica, be', un po' ci avevo preso.. però no sono riuscita decifrare la frase incisa (Costruirò... e cos'altro?)! Ma quanta creatività che hai, si vede che l'occhio e la mano sono quelli di un'esperta, in tutto ciò che fai e con cui ci delizi ogni giorno!!! Brava Fausta e grazie per fornirmi ogni giorno tasselli in più su di te, sei sempre più interessante! Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Ma tu guarda...! Se non ci avessi svelato le pose camasuteiche e il resto si direbbe un vero giardino!! Complimenti sei una trasformista oltrw che una cuoca perfetta! Poi tu e Sara mi spiegate che state combinando con gli indovinelli, io nn ci ho capito niente, tra ovetto, piccione, hai le galline che ti fan le uova fresche??c'ho preso?? No eh? :-) E poi la tavola che dovrebbe tornare ridisegnata...da pittrice allo sbaraglio quale sono, mi hai incuriosito troppo!

    RispondiElimina
  9. Cara Fausta, mi hai fatto divertire e a parte il tuo esserti improvvisata Elastic girl per allestire il tutto, il risultato è assolutamente strepitoso. La Miss è elegante, discreta, attraente al primo sguardo, così deliziosamente timida che le chiederei un appuntamento al primo morso. In bocca al lupo perchè hai fatto un bellissimo lavoro. Baci, Pat

    RispondiElimina
  10. Senti un pò, il tentativo di partecipare al tuo contest c'è stato, ma è stato archiviato nella rumenta! Sono molto depressa prof, oggi non me ne è andata dritta una e vedere queste cosine mi fa sentire ancora più inadeguata...assumerò uno chef in incognito e scriverò i testi, ti garba?

    RispondiElimina
  11. Bellissima l'idea delle tartellette devono essere buone e complimenti per la tua mise en place: molto graziosa. A presto e buona domenica !

    RispondiElimina
  12. una vera delizia, le tue tartellette! devo provarle assolutamente! un bacione! :)

    RispondiElimina
  13. Ciao! deliziose le tue tartellette! semplicissime da preparare e davvero perfette per un antipasto elegante e originale!
    bacioni

    RispondiElimina
  14. Ma Fausta.....le tue foto sempre più belle....perfette....direi da rivista! si....sembrano le foto su di una rivista..... Brava....e poi, cercando la posizione giusta ti manterrai anche in forma...(battutaccia!!!) Anch'io esaurisco quando devo immortalare i miei piatti :)
    Beh, cosa dire.....bravissima.....da te mi aspetto sempre il meglio :)

    RispondiElimina
  15. Una ricetta molto invitante e originale, bravissima e complimenti per la fantastica presentazione!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. @ Marcella e Marjlou: grazie per gli auguri (ho dei titani come "rivali", ma mi sono divertita)
    @ Luana: grazie Lù, sei sempre molto gentile
    @ Claudia: ma sai che erano pure buone?
    @ Sara: sapevo che la faccenda ti avrebbe incuriosito e messo in moto le tue capacità "indagatorie" (in senso buono!). Grazie per la tua curiosità; come direbbe Angela si scopre, poco alla volta, che dietro al video ci sono delle persone. Buona domenica
    @ Menta: grazie per gli auguri! Ho poche chances, ma non importa!
    @ Acky: che curiosa! Vabbè... tanto ti ho svelato tutto sul tuo blog...
    @ Patty: non saprei, la miss non è una che si concede tanto facilmente... però per te ci metterò una buona parola
    @ Tinny: :(( no! ma che dici? ma come ha fatto a finire tutto nella rumenta! Era così immangiabile? (credo che tu sia ipercritica nei confronti di te stessa!)
    @ Chiara e Germano:contenta che vi piaccia... un buon fine settimana anche a voi
    @ Le ricette: ma sai che sono gustose sul serio? Le rifarò e me le gusterò un po' meglio senza pensare alla mise en place!
    @ Manu e Silvia: è vero, sono semplici. gustose, veloci. Si può volere qualcosa di più?
    @ Gegè: ti vedo tornata in gran forma. Bene! un po' ci mancavi...
    @ Lady: grazie, i tuoi commenti sono sempre graditissimi

    RispondiElimina
  17. buonissime e poi super presentazione. bacetti!!

    RispondiElimina
  18. Che bella tavola Fausta, creativa e colorata come ti immagino io... Per non parlare della tartelletta, semplice e piena di sapore. Io sono ancora qui che mi arrovello su questa miss, se non mi spiccio scadrà l'occasione, un abbraccio e buona domenica

    PS: per il tuo contest posso usare gli stessi ingredienti e realizzare una versione dolce e una salata... rispondimi cara Sibilla...

    RispondiElimina
  19. guarda...la fatica che hai fatto e la "malafigura" con il vicinato è ripagato da queste foto stupende e questa preparazione cheffosa :))) ma brava Fausta!! ottimo lavoro, buona domenica e baci :X

    RispondiElimina
  20. Io non voglio neanchè pensare ai miei vicini, sicuramente credono che io sia pazza visto che sposto sempre il tavolo che uso per fare le foto. e visto che il mio balcone è pieno di piante, ogni volta devo spostare tutto, un quasi trasloco continuo:). Bella presentazione e ricetta. Buona domenica!

    RispondiElimina
  21. p.s.: visto l'interessamneto ho prolungato la scadenza del contest per la pasta fillo fino al 18 maggio, ti aspetto!

    RispondiElimina
  22. mmmmmmmmmmmmm...che buone!!!!!baci e buona domenica!!!!

    RispondiElimina
  23. Ciao carissima! Grazie per quello che hai scritto, mi fa davvero piacere che ti venga in mente! Che dire, non credo di essere autocritica più del normale, sul serio. La torta era immangiabile per il semplice fatto che ho cappellato, ed ho peccato, al contrario di "arroganzaculinaria" perchè ho improvvisato. Poi, le mie farine sono bastarde e non perdonano. Risultato, bruttissima da vedere e morbida come un pneumatico da neve da mangiare...! Ma ci riprovo. Un bacione, buona domenica. P.s. il ciccio ti saluta.
    p.p.s. per il libro, sarebbe divertente, ma tra il dire ed il fare...

    RispondiElimina
  24. Tanto lo puoi benissimo immaginare quello che sto pensando, anzi non sto pensando, il cervello si è incantato e riesco perfino a sentire il sapore della tartelletta ...

    RispondiElimina
  25. ...mmh! quasi-quasi mi auto invito, posso stringermi tantissimo e starci tra il tavolino ed il vaso! Pur di avere una di queste miniquiche in viola farei follie, sono bellissime, Fausta, BRAVA, BRAVA!

    RispondiElimina
  26. Veramente una tavola deliziosa!!!! Le tartellette devono essere buonissime e le foto sono spettacolari veramente!!! Molto brava Fausta!!!!! Un bacio e buona serata...

    RispondiElimina
  27. Hai preparato davvero un brunch coi fiocchi :) Geniale la tua idea di preparare la torta di rose, non avevo mai pensato di farla in quello stampo! Aspetto la tua ricetta per provarla anch'io!!!

    RispondiElimina
  28. La foto è bellissima *_* proprio la mise en place sei stata bravissimna =)

    RispondiElimina
  29. Ciao Fausta, ti rispondiamo qui per il pain d'epice: è un pane nero molto dolce, è fatto con miele, fiocchi d'avena e cannella.
    Per i nostri falafel siamo partite da una ricetta molto simile a quella di delle crocchette, ed abbiamo sostituito la farina con questo pane.
    Visto che abbiamo notato piace anche a te il contrasto dolce-salati, te lo consigliamo anche per dei crostini sfiziosi.
    baci

    RispondiElimina
  30. Hai fatto delle foto veramente bellissime.....bacini la stefy

    RispondiElimina
  31. Queste tartellette sono davvero uno spettacolo!!!Per non parlare della delicatezza di questa tavola!!!Bella proposta!!Smack!!

    RispondiElimina
  32. @ Aurore: grazie
    @ Marina da Sibilla: sì che puoi usare gli stessi ingredienti (ora mi incuriosisci...). Aspetto la tua miss, smetti di arrovellarti e produci (sono curiosa anche di godermi le tue bellissime immagini)
    @ Sonia: grazie, vedo che comprendi; magari succede anche a te? (ma finora non mi hanno ancora beccato)
    @ Ancutza: anch'io trasloco continuamente (e che botte alle sedie quando le sposto!). Per il contest... aspettami che arrivo
    @ Fede: grazie e buona settimana
    @ Tinny: la prossima volta, prima di rumentare, spedisci qui che voglio "toccare" con mano... ma consolati, la seconda andrà meglio! ;)
    p.p.s. un po' di buona volontà!
    @ Angela: standby finito?
    @ Cinzia: sai che ho pensato a te per l'uso del viola? Avevo tante cose da mettere in quella tonalità... e non ci sono state sulla "tavola"! Sniff... però vedo che hai colto ugualmente "l'essenza" della questione (e se non lo fai tu...)
    @ Patrizia: erano buone davvero; le devo rifare. Grazie ed un bacio
    @ Una cucina: grazie... per la torta vedremo se sarò in grado! Tra qualche guiorno provo...
    @ Cey: grazie... spero dia almeno un po' l'idea...
    @ Manuela e Silvia: proverò anche i crostini, avete ragione i contrasti di sapore mi piacciono tanto
    @ Stefy: grazie. Mi piacerebbe sapere che effetto fa la foto senza aver avuto esperienza del "backstage"
    @ Ambra: grazie

    RispondiElimina
  33. sono bellissime e sicuramente squisite, mi sonodivertita molto a leggere il tuo post e mi sono immaginata di vederti sul terrazzo! Il risultato però è un vero capolavoro fotografico. Bacioni

    RispondiElimina
  34. Ottime direi!!ne mangerei volentieri qualcuna hihihi è iniziato il mio primo contest ti và di partecipare?http://tina.giallozafferano.it/2011/04/18/two-gust-is-megl-che-oneil-mio-primo-contest/

    RispondiElimina
  35. allestimento meraviglioso foto e ricette perfette insomma tesoro un ottimo lavoro!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  36. Grande Fausta! Che meraviglia!!! Sai che per pasqua vorrei fare una torta salata simile a queste tue delizie?!?! Un bacione e buon lunedì!

    RispondiElimina
  37. Ciao Fausta! bè ormai non potevamo tirarci indietro! no i crostini li avevamo provati con baccalà mantecato (il contrasto è spettacolare) o con marmellate di verdure (nel nostro caso di peperoni) o anche semplicemente con le verdurien ina grodolce!bacioni

    RispondiElimina
  38. Ciao sono Anna di Fantasia in cucina, ho scoperto il tuo blog e ti seguo molto volentieri,se ti fa piacere vieni a fare una visitina anche dalle mie parti,ciao e complimenti

    RispondiElimina
  39. Che bel blog che ho trovato! Ti seguo...passa a trovarmi e dammi qualche consiglio =) Buona giornata

    RispondiElimina
  40. Ciao Ale! Benvenuta nel mio blog. Passo sicuramente dal tuo... aspettami

    RispondiElimina
  41. @ Fantasia: un benvenuta anche a te! Ogni tua visita mi farà felice. Ormai ti sarai accorta che mi sono anche già iscritta al tuo blog. buona serata

    RispondiElimina
  42. Deliziose, belle belle Fausta... Mi ripeto, il tuo blog mi piace tanto :D
    Baci,
    Sara

    RispondiElimina
  43. golosa e splendidamente presentata! adoro le cipolle e questa me la segno! ciao Ely

    RispondiElimina
  44. questa e' una cosa FAVOLOSA! L'ho mangiata una volta ma al posto dello stracchino c'erano fette di formaggio di capra (che io amo)...e' buonissima! BRAVA!!!

    RispondiElimina