w

02 aprile 2011

timballo di broccoli, patate e cotto


Una ricetta che, se non fosse che la cucina è anche cura estetica per la presentazione del piatto, cosa che ti può far apparire un uovo sodo come prelibatezza infinita, non varrebbe neanche la pena di postare.
Poiché però la mia idea era quella di cercare di presentare il solito piatto di broccoli e patate in maniera un po' diversa, spulciando i miei libri di cucina, mi è capitata sotto mano questa preparazione e l'ho rifatta praticamente uguale.
La necessità dell'utilizzo di questo ortaggio come ingrediente principale nasceva dall'acquisto del medesimo sull'onda delle emozioni suscitate dall'arrivo in Italia della nuvola radioattiva giapponese (cavoli and family sono potenti antitumorali, sembra che possano proteggere le nostre cellule anche dalle radiazioni, chissà poi se è vero); nella scelta della ricetta, invece, sono stata guidata puramente e spudoratamente da criteri estetici. Sarebbe davvero paradossale, se prima del momento della raccolta il mio piccolo fiore verdolino fosse già stato investito dalla nube giapponese e da una bella pioggerella marzolina; ormai era deciso che dovesse essere broccolo e broccolo è stato. Con le patate, come tutti i broccoli che si rispettino.

Ingredienti (dosi indicative per 4 persone):
un broccolo medio-piccolo
4 patate
200 grammi di prosciutto cotto di  ottima qualità
200 grammi di panna da montare
olio extra vergine d'oliva
2 cucchiai di paté d'olive (io ho sostituito con qualche oliva taggiasca denocciolata sott'olio che secondo me stanno molto meglio in quantomeno "invadenti" al gusto)

Esecuzione:
pulite il broccolo, tagliatelo a cimette e lessatelo oppure cuocetelo al vapore. Lasciatelo raffreddare poi tritatelo grossolanamente col coltello e condite con olio extra vergine d'oliva.

Lessate le patate, preferibilmente con la buccia. Sbucciatele e schiacciatele con una forchetta, poi condite.
 
Frullate finemente il prosciutto insieme a metà della panna. Montate la rimanente panna ed amalgamatela delicatamente alla preparazione al prosciutto per farne una mousse.

Con l'aiuto di un coppapasta componete delle "torrette", direttamente nei piatti di portata, disponendo uno strato di patate, uno di broccoli ed uno di mousse.

Completate con qualche oliva o col paté.

Gustate a temperatura ambiente.

L'insieme, a me, è piaciuto. Antonio me ne ha rubato ben due forchettate (a lui avevo preparato dell'altro perché non sopporta broccoli, cavoli & C.) e questo lo considero un successo. Può essere utilizzato sia come antipasto che come piatto unico o secondo gustoso. Visto che è bene gustarlo freddo (non di frigo!) lo trovo molto più adatto all'attuale clima primaverile piuttosto che a quello invernale. Insomma, potrete farlo giusto ora, con gli ultimi  broccoli di stagione.      

                     
   
                           
   

23 commenti:

  1. stupenda questa ricetta e davvero un'ottima presentazione. buona domenica!!

    RispondiElimina
  2. Cara Fausta, il tuo gusto estetico rende questo timballo bello come una charlotte al pistacchio, fantasttico! Sono una grande amante del broccolo, lo cucino spesso, nella pasta, nel risotto, con il pesce, nella ratatouille... non delude mai, nemmeno al vapore con un filo di ottimo olio. Se poi si aggiunge, come scrivi tu, che fa pure bene alla salute (mia mamma, da quando è scoperto che è un antitumorale, lo inzupperebbe anche nel caffèllatte!), direi che proprio non si può farne a meno! Il tuo occhio ai buoni sapori e ai giusti accostamenti cromatici lo rende delicato come lo spettacolo che questa primavera ci offre negli ultimi giorni, a dispetto del nome che gli è toccato in sorte e del profumo poco gradevole che emana in cottura. Un motivo in più per spalancare le finestre e gustarsi questa delizia baciate dal sole! Grazie come sempre e un grande abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Ciao Fausta, questo sformato è stupendo è simile ad uno che ho postato due giorni dopo avere aperto il mio blog, anch'io lo aveve preso da un libro di cucina, cambia la forma e la consistenza del broccolo... se ti va di vederlo si chiama sformato di broccoli con mousse di prosciutto! Complimenti anche per le foto... approfitto per dirti che sei bravissima e ti ho messa nel mio blogroll, cerco di non perderti di vista ^__^ Bacioni!

    RispondiElimina
  4. Una ricetta sublime e una presentazione fantastica!!!! Complimenti cara, un bacio e buon we

    RispondiElimina
  5. Bellissimo come un dolce saporito come un salato, non posso che farti tanti complimenti per questa ricetta fantastica :-)

    RispondiElimina
  6. @ Aurore: grazie e un bacio
    @ Sara: anche a me piacciono tantissimo broccoli e cavoli... peccato però che quando li compro poi me ne debba fare una scorpacciata da sola per non buttarne via! Ma non mi lamento, visto le proprietà che hanno! Quanto alla presentaziune, l'ho copiata spudoratamente, ma mi sembrava così perfetta com'era...
    @ Sar@: E' vero! Sono venuta a dare un'occhiata e la ricetta è proprio la stessa (presentazione un po' diversa, ma per il resto...). Vuol dire che è piaciuta a tutt'e due e questo non può che farmni piacere. Grazie per avermi messa nella tua blogroll, te ne sono grata e son d'accordo: non perdiamoci di vista.
    @ Lady e Letiziando: un grazie di cuore

    RispondiElimina
  7. Buonasera prof, volevo avvisarla che sono rientrata e che, appena mi sarà possibile, verrò volontaria all'interrogazione per rimediare quel votaccio...!!
    Comunque, bellissima 'sta ricettina, eh? Un piattino semplice semplice che metti nel piatto così e via!...Sempre brava, cara.

    RispondiElimina
  8. Ciao dalla tua cara amica Simmy.. questa ricetta è deliziosa adoro gli ingredienti che hai usato devo annotarmela un bacio a presto Simmy e buon fine settimana

    RispondiElimina
  9. Che bella, giusto ho del cavolfiore.. si può non stare a sottilizzare tra broccoli e cavolfiori, no? mi sa che te la rubo, e poi c'è il prosciutto, magari i miei volpini se la pappano pure loro. Complimenti!

    RispondiElimina
  10. wow la presentazione è perfetta gli abbinamenti anche insomma questa è una signora ricetta sotto tutti i punti di vista e anche gustosissssssssima!!bacioni imma

    RispondiElimina
  11. Ciao Fausta, intanto buona domenica! A proposito di nube radioattiva ti dico solo che io sn a Parigi (sto x tornare) e che ieri sera stanchi della cucina francese volevamo andare ad un ristorante giappo: Ci avviciniamo all'insegna lo sai come si chiamava? Fukushima! No, questo era troppo! Cmq viva l'estetica e la tua bellissima presentazione! Anch'io come sara avevo pensato ad una bella charlotte al pistacchio, con topping amarene, talmente è bella ed elegante! Un bacino

    RispondiElimina
  12. questo timballo ci piace tantissimo! davvero una bella presentazione!

    RispondiElimina
  13. Cara Fafà,
    col broccolo non c'entra un cavolo(eh,eh...che bel accostamento), ma stasera ho creato!
    Base fatta dalle crepes alle castagne che hai postato qualche giorno fa, ripieno di crema al limone inventata da me (tuorlo, zucchero, succo di limone, farina di riso e farina normale per addensare, latte, il tutto con preparazione da crema pasticcera e rigorosamente ad occhio).
    Non sembrerò molto modesta ma erano buonissimissime (Qui dixit).

    Buona serata e un abbraccio

    RispondiElimina
  14. @ Tinny: l'aspetto al dunque, mia cara ragazza! ;)
    Spero che la vacanzina sia andata bene e che vi siate divertiti. A presto; un abbraccio
    @ Simmy: sei sempre davvero gentile. Un bacio anche alle tue belvette
    @ Cinzia: non sottilizziamo, per carità! Farai un timballino giocato su toni bianco/rosa... bellissimo. Vedrai piacerà anche ai lupacchiotti. Ciao e buona serata
    @ Dolci a gogo: un grazie di cuore... anche per essere passata dal mio blog
    @ Acky: quindi poi non siete andati in quel ristorante? La cucina parigina non è granché; tra Fukushima e bistrot... non avrei saputo scegliere. Per quanto riguarda il dolcetto (pistacchio/topping all'amarena) non vi conviene stimolarmi! Va a finire che ne faccio uno proprio così (nel caso ve ne darei la maternità)
    @ Lerocher: grazie, come sempre siete davvero gentili
    @ Qua: lo sapevo che ti sarebbe bastato il "la" per farti svolazzare libera e felice nel mondo della gastronomia creativa! Bravissima! (chissà Quo come sarà goduto)

    RispondiElimina
  15. Quanto mi piace la verdura, bellissimo e gustoso il tuo timballo, brava Fausta, baci cara!

    RispondiElimina
  16. Ma è carino da matti que beoccolino. Eè quasi un peccato mangiarlo.....ma mi sa che avrà già fatto quella fine.. Fausta! Come non conosci Julia Child? Cercherò di rimediare. Un bacione

    RispondiElimina
  17. Ciao, la ricetta sarà anche semplice smeplice, ma la presentazione la rende davvero ricercata ed originale.
    complimenti per la fantisa nella creazione.
    baci baci

    RispondiElimina
  18. Ma che bello questo tortino. Complimenti anche per i colori, cosi belli e delicati. E la presentazione mi piace molto. Un bacione cara!!

    RispondiElimina
  19. Mmmhhh, ma che buono questo piattino!! E poi è semplicissimo da preparare!! Ah ah ah è vero che la presentazione da il suo effetto, come alcuni titoloni che vedi sul menù di alcuni ristoranti!!:-D Ma la tua non è per niente eccessiva!
    Brava brava! ;-)

    RispondiElimina
  20. No che non ci siamo andati alla fine! Però la cucina francese ha i suoi alti e bassi, nn è tutta negativa...! Dai allora ti fomentiamo x il dolcetto pistakki&amarene, grande accoppiata :-))

    RispondiElimina
  21. @ Speedy: una ricetta che è una cavolata :)... ma gustosa sul serio!
    @ Meris: il bocconcino ha fatto la fine che meritava. Attendo fiduciosa delucidazioni circa la signora Julia Child; ormai mi è indispensabile per l'equilibrio mentale!
    @ Manuela e Silvia: scopiazzai... (come ho avuto modo di dire...)
    @ Kristel: è vero, si presenta bene! e' anche buono
    @ Luana: sono proprio d'accordo... ma perché le uova al tegamino non le possono chiamare: Uova al tegamino???
    @ Acky: vero, la cucina francese ha anche i suoi pregi (pochi, però ;)). Guarda che se mi "aizzi" poi ne paghi le conseguenze!

    RispondiElimina
  22. Ciao Fausta. Era un po' che non passavo a trovarti e devo dire che stai migliorando ancora con le fotografie. Ti faccio i miei complimenti. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  23. sto curiosando tra tutto ciò che mi sono persa... una ricetta più meravigliosa dell’altra e le presentazioni.. molto più che stupende.. un abcio

    RispondiElimina