w

01 maggio 2011

cardarelli e la focaccia genovese


 

Cara Meris è finalmente venuto il tuo momento. Prendo la palla al balzo, il contest di Vaniglia e cannella, appunto, e comincio oggi a postare qualche ricetta della mia terra. Veramente una l'ho già pubblicata qualche tempo fa, ma ora -preparatevi, eh? -, ho pensato di pubblicarne altre tre, una dietro l'altra, scelte in base ai miei gusti personali, quello sì, sempre, ma anche in modo da poter, attraverso loro, raccontare un qualcosa della Liguria e della mia città. Meris infatti vorrebbe che le ricette fossero "condite" con notizie, immagini, leggende... ma per dirla tutta io non me la cavo granché bene a raccontare aneddoti e storie (ed anche le foto non sono granché ma per quelle vi dovrete accontentare).
Così ho pensato di farlo attraverso altre suggestioni: l'abbinamento con una poesia, con un autore famoso, con una persona di spettacolo d'altri tempi... il tutto è molto fumoso, per il momento, ma se mi seguirete vedrete che un senso, questa cosa, ce l'ha (beh, diciamo che spero che ce l'abbia!). Tenete presente che la cucina ligure è essenzialmente povera e per lo più di origine contadina. Ecco che le erbe, anche e soprattutto quelle selvatiche, la fanno da padrone; qualche pesce, quello sì, poca carne e sempre legata al piccolo "allevamento" personale (conigli e capre) oppure "rimaneggiata" in modo da far rendere al massimo, trasformandola in piatto completo e saziante, un taglio modesto (cima alla genovese).
La prima ricetta è legata ad una poesia, quale potrebbe essere più indicata di "Liguria" di Vincenzo Cardarelli?
Le immagini sono mie tranne l'ultima (tramonto a Camogli) scattata da Chiara, del blog "Viaggiare con i bambini" che voglio qui ringraziare per avermi molto gentilmente concesso il permesso alla pubblicazione. Grazie Chiara!

     
È la Liguria terra leggiadra.
Il sasso ardente, l'argilla pulita,
s'avvivano di pampini al sole.


È gigante l'ulivo.



 A primavera
 appar dovunque la mimosa effimera.


                                                                       Ombra e sole s'alternano
                                                                       per quelle fondi valli
                                                                       che si celano al mare,



per le vie lastricate
che vanno in su,...



                                        fra campi di rose,...

                                      ...pozzi e terre spaccate,...

...costeggiando poderi e vigne chiuse.
                                                            
                                                              In quell'arida terra il sole striscia
                                                              sulle pietre come un serpe.

                                                              Il mare in certi giorni
                                                              è un giardino fiorito.


Reca messaggi il vento.
Venere torna a nascere
ai soffi del maestrale.


O chiese di Liguria, come navi
disposte a esser varate!
O aperti ai venti e all'onde
liguri cimiteri!


                                     Una rosea tristezza vi colora
                                     quando di sera, simile ad un fiore
                                     che marcisce, la grande luce
                                     si va sfacendo e muore.


                   (Vincenzo Cardarelli - CornetoTarquinia 1/05/1887
                                           Roma 18/06/1959)


L'immagine della terra spaccata ed arsa, ma così generosa nella coltura dell'olivo mi ha dato il "la" per una ricetta semplice ma di cui l'olio è parte essenziale: la focaccia. Se siete arrivati fin qui senza essere morti di noia, potete fare un piccolo sforzo in più...
La vera focaccia genovese dev'essere abbastanza bassa, morbida dentro e croccantina fuori; ma veramente buona la si mangia solo a Genova. Noi possiamo solo provare ad avvicinarci pallidamente. L'idea del vino me l'ha data un'amica che la fa molto bene; nei "sacri testi" che ho consultato ne ho trovato traccia solo una volta, però questa è venuta davvero benissimo!
   

Ingredienti  per una teglia rettangolare 30x22:
220 grammi di farina 00
10 grammi di lievito di birra fresco
30 grammi di olio e.v. per l'impasto
5 grammi di sale
130 grammi circa di "liquidi" (metà acqua e metà vino bianco buono!)
un cucchiaino di zucchero
inoltre:
olio per la teglia e per la salamoia
sale grosso per la superficie

Esecuzione:
fare la fontana con la farina; al centro mettere il lievito e lo zucchero, da un lato il sale. Impastare con acqua e vino in parti uguali ed aggiungere anche l'olio. Non impastare troppo (fonte: I viaggi del goloso) basterà amalgamare bene gli ingredienti per pochi minuti.

Lasciar riposare una mezz'ora poi allargare leggermente in una teglia BEN oliata. Lasciar lievitare un paio d'ore.

Allargare la pasta stendendola con le mani. Inumidire con acqua e fare delle pieghe a 3 prima in un senso poi nell'altro. Girare "sotto-sopra" e lasciar ancora riposare e riprendere la lievitazione (un'oretta circa).

Stendere bene fino agli angoli della teglia. Aggiungere la salamoia (molta acqua e molto olio), fare delle fossette con la punta delle dita, cospargere con sale grosso e cuocere al ALTA temperatura (io per il momento purtroppo ho un forno che non va oltre i 220°, ma se potete andate sui 250°) Il tempo di cottura dipenderà dalla temperatura; io ho impiegato una ventina di minuti.Al termine rendere croccante la superficie accendendo il grill per un paio di minuti.

42 commenti:

  1. E' perfetta ed è un vero peccato non poterla assaggiare! Bravissima, un bacione

    RispondiElimina
  2. Carissima, stupenda terra la LIguria!!!A pasqua appena arrivata non so quante focacce mi sono divorata, e appunto pensavo tra me e me di essere un pò stufa della focacia alla pugliese con la patata, bella alta e morbida ma forse, non so perchè, mi sa di invernale...quindi capiti proprio a proposito!!anzi, l'avessi pubblicata prima l'avrei fatta stasera!!!

    RispondiElimina
  3. Bello questo post...ma è piu' buona la focaccia!!copio e ci provo ...sara' l'ennesima volta che provo a farla...fosse quella giusta? dalla foto sembra di si...grazie e buona serata Fausta!

    RispondiElimina
  4. Ciao Fausta, che bello il tuo post, davvero completo, Cardarelli, la tua Liguria, la magnifica focaccia... si può volere di più? A questo punto mi manca solo di venirci di persona e toccare con mano (soprattutto la focaccia!), e mi piacerebbe davvero farlo, visto sono a due passi dalla tua terra! Complimenti, aspetto le prossime ricette con ansia! Buon primo maggio e un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Sono pazza per la focacce!!! Genovese ancora non ho provato, sto praticando per ora Barese e Mantovana... ci proverò pure presto Genovese!

    Buona domenica
    Irina

    RispondiElimina
  6. Ma quale noia, il tuo post l'ho letto tutto d'un fiato, la poesia si fondeva con le immagini, che bel post Fausta !!!!,sono ansiosa e curiosa di leggere il prossimo, un bacione e brava.

    RispondiElimina
  7. @ Lady: IO l'ho assaggiata!
    @ Sere: che aspetti? falla domani! ;) felice di conoscerti!
    @ Makenia: a me è venuta... non si vede perché a te non dovrebbe...
    @ Sara: la Liguria ti accoglierà a braccia aperte! (sei davvero a due passi!) Hai visto? Credo non se ne sia accorto quasi nessuno (logico, d'altra parte, io me ne sono accorta solo perché ho scritto il post) ma Cardarelli nacque il I maggio! E' casuale, credimi, l'ho notato oggi mentre trascrivevo i dati anagrafici... era destino. Un bacio
    @ Irina: davvero? Ti stai specializzando! Conosco la barese ma la mantovana mi manca... verrò a lezione da te!
    @ Riccioli: grazie! Sono contenta che ti sia piaciuta... ora apsetta e vedrai ;)
    @ Qua: ... so perché! Ma tu non sai... che stamattina, complice il fatto che Antò era alla manifestazione, io con una certa nonchalance ho "marinato" e mi sono fatta una passeggiata nei vostri luoghi... le foto sono quasi tutte di oggi (orto e campagna tutto bene! Asini: nessuno, aspettiamo Quo. Rose e salvia in fioritura. Allarme non scattato - credo!-) Un bacione grosso grosso e una buona serata
    p.s. ho letto del gelato: sono contenta

    RispondiElimina
  8. Ciao, che nervi questa focacciaaaaa! Ma perchè tutto quel che fai è splendido? Ogni volta che ti curioso vorrei far tutto! Anche questa...non ne posso più! La tua passeggiata...posti splendidi, bellissime foto. Il Ciccio mi dice che uso troppo spesso "meraviglioso"...ed io non lo uso...Focaccia MERAVIGLIOSA!!!! Ti ho mandato un mail poco fa circa "idda". Un bacione.

    RispondiElimina
  9. Che bel post! Mi piace l'idea di descrivere la tua meravigliosa terra, attraverso le parole di un poeta.
    La focaccia ti è venuta benissimo. Fai bene a postare ricette della tua terra, la cucina regionale è un valore che non bisognerebbe mai perdere.
    Mi sono aggiunta ai tuoi sostenitori.

    Baci

    Giovanna

    RispondiElimina
  10. fausta t'è venuto benissimo, e poi la poesia.. mi hai fatto venire in mente le elementari e vederla così con tutte le foto tipiche del nostro territorio... stupenda!

    RispondiElimina
  11. Ciao Fausta, il tuo splendido post mi ha commossa e ha risvegliato in me i milioni di ricordi che sono legati a quella bellissima e affascinante terra che è la Liguria. La focaccia è superba, se è buona al palato quanto è bella per gli occhi, e immagino di si, dev'essere superlativa. Bravissima

    RispondiElimina
  12. molto bella questa focaccia, e mi è piaciuto molto tutto il post, dalla poesia di cardarelli alle bellissime foto!

    RispondiElimina
  13. Fausta carissima, bell oquesto post che ci parla di Terra e di radici, le tue! I paesaggi che ci regali mi piacciono, sono di una liguria "dal di dentro", non è la faccia marittima ben più nota.
    La ricetta della focaccia me la appunto, come ho già detto ci vado matta e questa sembra proprio sofficissima
    Un bacione, buona settimana!

    RispondiElimina
  14. Fausta, davvero un bellissimo post...sei stata veramente bravissima!!! La focaccia poi ti è venuta benissimo per non parlare delle foto che la ritraggono perfettamente e che fanno vedere bene quella parte superiore croccantina da addentarla subito!!! Un bacione e buona settimana!!!

    RispondiElimina
  15. Complimentissimi che belle immagini!!La focaccia poi è uno spettacolo!!Buon inizio settimana!!

    Per il problemino che ti dicevo avrò fatto qualche errore installando il modem..oggi chiamo e cerco di risolvere.Scusami ancora :)

    RispondiElimina
  16. @ Tinny: ma dài, smettila! Anche i vostri posti sono incantevoli! Anzi, guarda, forse preferisco la riviera di levante a quella di ponente... quanto a idda bisogna che risolviamo! un MERAVIGLIOSO baciotto
    @ Giovanna: grazie e benvenuta. Cardarelli non era ligure, ma ha saputo descrivere benissimo questa terra, come solo i poeti lo sanno fare...
    @ Pasticciona: le foto le ho fatte "a due passi" da casa! (Montegrazie) Da quelle colline si intravvede il mare... (c'era un po' di foschia, peccato!)
    @ Donatella: grazie... ti aspettiamo non appena i tuoi impegni te lo consentiranno!
    @ La gaia: grazie grazie
    @ Cinzia: grazie per le tue parole... è vero, la Liguria non è solo mare, anzi!
    @ Patrizia: grazie Patrizia, sei davvero gentile, peccato non poter consentire l'assaggio attraverso il monitor!
    @ Tina: non preoccuparti, non c'è problema. Come ti dicevo, ho colto la palla al balzo!

    RispondiElimina
  17. che fame! mi è venuta una voragine nello stomaco.
    :-)

    RispondiElimina
  18. Quando penso alla Liguria la prima cosa che mi viene in mente non è tanto il famoso pesto, ma la focaccia. Potrei vivere di sola focaccia. La tua è meravigliosa con i chicchi di sale grosso e bella unta di olio. Complimenti perchè leggendo il tuo post accompagnato dalle belle foto e i versi di Cardarelli ho respirato "aria" di Liguria.

    RispondiElimina
  19. Fausta tu sei fantastica. Io, te lo giuro, mi sono commossa. Oltre a quella meraviglia della ricetta, le foto sono stupende, poi la poesia.... Grazie fausta, grazie di cuore.

    RispondiElimina
  20. sono senza parole davanti a questa focaccia meravigliosa.. ha un aspetto davvero perfetto.. non sapevo si dovesse usare il vino bianco.. proverò la tua versione.. unbacio

    RispondiElimina
  21. che foto meravigliose! e che squisita focaccia! bravissima Fausta, un gran bel post, bacioni :XX

    RispondiElimina
  22. Che bel posto, spero di andarci un giorno. Ho già pranzato ma con una focaccia cosi bella morbida potrei pranzare una seconda volta! Bacioni cara! :)

    RispondiElimina
  23. Non conosco questo poeta e di conseguenza la poesia, ma questa focaccia è fantastica.. come hai descritto tu la VERA focaccia genovese, croccante fuori e mordida dentro.. MMMMMMMMHHHHHH!!!!!
    Buona settimana cara!

    RispondiElimina
  24. Ma che bella questa pagina Fausta! Non sai con che partecipazione ho letto le parole di questa poesia, io che amo questa terra di Liguria visceralmente, come ho detto mille volte, per non parlare più prosaicamente della focaccia!!!
    Davvero tanti complimenti A presto, un abbraccio
    Carla Emilia

    RispondiElimina
  25. Complimenti Fausta hai fatto un post meravigloso, sia nele testo che nelle foto. Che dire della ricetta una vera delizia tutta da provare, visto che un morso allo schermo non lo posso dare!

    RispondiElimina
  26. Non puoi immaginare quanto adoro quella focaccia!!! Foto stupende, anche tu con le tue foto hai saputo descrivere alla perfezione quei luoghi ;) Bacino angela

    RispondiElimina
  27. Cara Faustina, la focaccia ligure me la sogno. Da piccola, quando vivevo a Milano, nel forno sotto casa mia la facevano così buona che ancora ricordo il sapore.Non credo sia stata buona come la tua, che è meravigliosa a vedersi, ma voglio pensare che tentando di farla, magari ritrovo quel sapore. Chissà. In ogni caso la foto parla, e dice: mangiami! (per non pensare a quello che potrebbe raccontarmi farcita di crescenza, e mortadella, e crudo freschissimo, e carciofini e ....fermamiiiii). Ma anche niente, è perfetta così. Bravissima. Ti abbraccio, che bell'inizio settimana. Pat

    RispondiElimina
  28. Bellissimo il post con la poesia illuminata da foto splendide.
    La Liguria è davvero una terra meravigliosa!
    E la tua focaccia ricorda quelle mangiate sul lungomare.
    Buona serata

    RispondiElimina
  29. Che bella l'idea di aiutare le parole con delle immagini, e come se non bastasse bellissime!
    Si vede e si legge l'amore che hai per la tua regione...
    Sulla focaccia non dico nulla, vorrei solo addentarla!!!

    RispondiElimina
  30. Scatti delle foto eccezionali e la tua focaccia genovese deve essere veramente buona.
    Ho aperto un blog da poco e, se ti va,mi farebbe piacere averti come ospite.
    Non pensare di trovare fotografie bellissime come la tua focaccia ma le ricettine non sono niente male.
    Mi sono appena inserita tra i tuoi lettori fissi.
    Maria

    RispondiElimina
  31. @ T'AmaR'as, Meris, Fr@, Fabiana, Sonia, Kristel, Luana, Arbanella, Pellegrine, Angela, Patty, Ivana, Fabrizia, Marina, Mariabianca: un pezzetto di focaccia lo regalo, virtualmente, a tutte. Grazie per aver apprezzato il post ed aver intuito quanto sia legata alla mia terra. Per molte di voi la focaccia è un ricordo di viaggi o soggiorni passati, spero un giorno possiate ritornare a gustarla di persona.
    Un grazie anche alle nuove iscritte... per loro mi auguro che possano trovare qualcosa, in questo blog, che possa invogliarle a rifarlo.
    una buonissima giornata!

    RispondiElimina
  32. Cara Fausta mi hai commosso, non potevi rendere merito alla tua terra in modo migliore!!!
    Bellissima la poesia e bellissime le foto, per non parlare della focaccia che ti è venuta benissimo!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  33. Buongiorno cara!!!ti auguro una splendida giornata

    RispondiElimina
  34. Ma che belle foto... E che bella focaccia :) Per caso stai cercando di invogliarmi a tornare in liguria? Perchè ci stai riuscendo :) :) Ci sono stata solo una volta nel 2005...

    RispondiElimina
  35. Un post bellissimo che fa vivere qui posti meravigliosi! La focaccia? Mammamia che fame, certo che la divorerei!?

    RispondiElimina
  36. Complimenti per il post.Non conoscevo questo poeta,ma la Liguria si.Leggendo la tua poesia intervallata dalle foto splendide si riesce proprio ad assaporare un'atmosfera magica,e poi la focaccia finale mitica.
    Bravissima.
    Un abbraccio e buon pomeriggio.
    Fausta

    RispondiElimina
  37. Allora, della serie facciamoci del male, la voglio provare a fare. Se poi la userò come freesbee ingiardino, pazienza. Ti volevo chiedere, mi posti un uovo al tegamino? Io non ce la faccio più...

    RispondiElimina
  38. che belle foto!
    la focaccia è fantastica! :P

    RispondiElimina
  39. Mi piacerebbe tanto assaggiarla....adesso....in questo preciso momento...un bacio e buona notte stefy

    RispondiElimina
  40. Che bellissime foto e che voglia di mare!!!! Arriverò presto a Sanremo, abitano i miei genitori, baci Fausta!!!!

    RispondiElimina