w

11 maggio 2011

fagottino di scamorza e perle di miele



Oggi sarò telegrafica (con buona pace di molti!). Dunque, nel lontano millesettecento...
Scherzavo. Era già qualche tempo che mi frullava in testa questo esperimento, letto su un intrigantissimo libro di cucina molecolare regalatomi da Antonio lo scorso anno (questo, con una bellissima copertina argentata cui l'immagine, presa dal web, non rende merito).
Alcune cose sono davvero impossibili da riprodurre (più che altro alcuni ingredienti sono, per me, irreperibili) però questo esperimento mi piaceva tanto. In più, volevo partecipare ancora con una ricetta al contest di Ancutza; ho unito le due cose ed ecco cosa ho tirato fuori. Se il piatto vi sconfinfera FATELO! E'  facile (vi assicuro che è molto più difficile descriverlo che eseguirlo), rapido, ma soprattutto è gustoso e scenografico, adattissimo come antipasto in una cena fatta per stupire un po'. L'accoppiata miele-formaggio è ormai un classico, potrete variare il sapore scegliendo formaggi e mieli diversi ed abbinandoli a vostro gusto.
Causa qualche impegnuccio per qualche giorno non posterò altre ricette, però continuerò a seguire i vostri blog, con molto, molto piacere.


Ingredienti per 4 persone:
per le perle di miele:
50 grammi di miele (io acacia)
1 grammo di agar-agar in polvere
olio a scelta (un bel bicchiere)
per i fagottini:
12 quadrati di pasta fillo di dimensione adatta a contenere il formaggio scelto
poco burro o olio
4 fette spesse di scamorza affumicata (o tomini o altro formaggio a scelta)

Esecuzione:
travasate l'olio in una bottiglietta stretta ed alta e ponete in frigo per almeno ventiquattr'ore. Potrete scegliere il tipo di olio che volete; dopo questo uso si potrà tranquillamente recuperare e riutilizzare, basterà filtrarlo. Pertanto io sono andata sul mio solito e.v. ligure, dal sapore delicato.

Quando vorrete fare le perle dovrete: mettere sul fuoco un pentolino con il miele, 50 grammi d'acqua e l'agar-agar. Portare ad ebollizione e lasciar bollire, mescolando, per tre minuti, finché l'agar-agar sarà sciolto.
A questo punto dovrete "aspirare" il liquido con l'aiuto di una siringa senza ago e farlo cadere, goccia a goccia, dentro la bottiglietta con l'olio. Il freddo farà solidificare subito il miele che si depositerà sul fondo sotto forma di perline. Mettete in frigo fino all'utilizzo (io le ho fatte il giorno prima).

Per il fagottino: ungete le sfoglie di pasta fillo con un velo d'olio (io sono un po' nevrotica sull'uso di grassi animali, ma sarebbe preferibile usare del burro sciolto) e racchiudete ogni dischetto di formaggio con tre sfoglie, lasciando la parte unta all'esterno. Per evitare "fuoriuscite" di formaggio dovrete alternare le "chiusure" della pasta procedendo così: appoggiate il formaggio al centro di una sfoglia e chiudete sovrapponendo i lembi sulla parte superiore, girate sotto-sopra il fagottino, mettetelo al centro di un'altra sfoglia e ripetete l'operazione di chiusura. Rigirare sotto-sopra ed ultimate con un'altra sfoglia.

Cuocete in forno a 180 gradi per una ventina di minuti, fino  a coloritura.

Nel frattempo scolate le perle (io ho smosso un po' il fondo della bottiglietta con l'aiuto di uno spiedino di bamboo in quanto alcune perle si erano attaccate tra loro) recuperando l'olio per utilizzi successivi e mettetele a scolare su un foglio di carta da cucina.

Sformate il fagottino, decorate con le perline di miele e servite.

                     
   
                           
   

37 commenti:

  1. Ciao Fausta, che bel piatto hai preparato oggi, un antipasto decisamente sfizioso ed elegantemente presentato.

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia questi fagottini! sono una vera goduria per gli occhi e per il palato, comlimenti. ciao!

    RispondiElimina
  3. Una ricetta raffinata e originale!!! I miei complimenti, un bacione

    RispondiElimina
  4. fantastici! originalissimi, sei bravissima. quelle perle sono bellissime!

    RispondiElimina
  5. Bella ricettina, un fagottino elegante e appetitoso ... le perle sono una vera chicca, mi piacciono moltissimo, come sempre bravissima Fausta! Alla prossima :) un abbraccio

    RispondiElimina
  6. buono!!!...elegante!!!...da svenire!!! .... da oggi ti seguo anch'io...ciao

    RispondiElimina
  7. Ma che bella ricetta!!!! Te lo dico io mi sono innamorata delle perline di miele!!! Devo assolutamente farle! Complimenti! Bacioni,Titti

    RispondiElimina
  8. Ma che meraviglia...Veramente delizioso...

    RispondiElimina
  9. E io che credevo fossero cristalli, bellissima la rifarò sicuramente perchè mi piace provare cose nuove .
    Ciao loredana

    RispondiElimina
  10. ...E le cappe aspiranti e lo spettrometro di massa?....Per la nuova casa ti regalerò un gascromatografo, un becco Bunsen ed un paio di...pipette. Bacini cara, fai sempre delle robine splendide...non credo che esista la versione glutenfree della fillo...che c...ulo, almeno questa non tenterò di scopiazzartela!

    RispondiElimina
  11. E' vero che è scenografico! Mamma mia quante cose mi stavo perdendo...manco un pò e tutti vanno avanti senza di me....
    Appena posso ci provo anch'io con questa pasta fillo...vengono fuori proprio delle "robine" (cfr) deliziose!

    RispondiElimina
  12. Fausta, che "perle" di saggezza ci proponi ogni giorno! E nonostante tu sia di corsa tra un trasloco e un acquisto per la nuova casina (che poi ci racconterai con un accurato dossier fotografico, vero?), hai pure il tempo di cimentarti con la cucina molecolare (che non mi arrischio a sperimentare, per preconcetti miei che un giorno dovrò vincere).. ma sei davvero una dea indiana o cos'altro? Bellissimi questi fagottini, manco a dirlo, e immagino siano anche più buoni (adoro miele e formaggio, in tutte le sue sfumature di stagionalità)... Ah, non potrei dimenticarmi, grazie per il tuo salto sul mio blog, anche se di fretta, sai sempre come farmi sciogliere! Un grande abbraccio e a presto!

    RispondiElimina
  13. wow, ma quanto e bella e buona la tua ricetta, non so neanche da dove iniziare. Complimenti per l'originalissima idea di fare le gocce di miele con l'agar-agar: esatamente il tipo di decorazioni che preferisco: naturali,sane, comestibili e veloci da fare. Anche se sul blog metto solo delel ricette dolci sono ugualmente fan formaggi. e mi piace anche la presentazioni con i fiori dell'erba cipollina, anch'io li uso in questo periodo, molto decorativi(in più se non vengono tagliati indeboliscono la pianta). Grazie per la ricetta e in bocca al lupo!(per il contest e la casa)

    RispondiElimina
  14. Ma sei proprio tremenda!!! Ti sei inventata una cosa proprio originale e carinissima!!! Buonissimo il fagottino di fillo, ma quelle perline mi fanno proprio morire!!! Un bacione...

    RispondiElimina
  15. Noo faustina con questo superi veramente te stessa!Pure questi esperimenti "chimici" sai fare!Adoro il miele, in tutti gusti e forme, perciò lascio usare a te siringhe varie, e io mi gusto questo fantastico piatto una volta pronto!!
    Come procede il trasloco cara?!
    Un bacisssimo!

    RispondiElimina
  16. Wow Fausta che bel fagottino!!! Premetto di non essere per la cucina molecolare ma l'esperimento m'intriga eccome!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Ma che sei Maga Magò? Da quando ho visto lavorare Carlo Cracco che ha grattuggiato un panetto di olio extravergine su dei fusilli sconditi, non ne voglio più sapere di cucina molecolare. In compenso, la tua non la chiamerei molecolare, piuttosto "bijouterie en cuisine" perchè quelle perle di miele potrebbero stare benissimo sul mio collo (chissà che bello poi farsele togliere...e tu sai come, eheheheh). Un abbraccio geniaccia! Pat

    RispondiElimina
  18. Che bello! Mi piace. Le perle di miele mi hanno incantato. Complimenti.

    RispondiElimina
  19. Ma non mi dire...questa è magia...! bravissima, come sempre :-) devo dire che sei un genio, ma anche Patty nn scherza con l'idea che ha avuto...;-) concordo e mi viene una curiosità! hu hu ...! baci e buona serata.

    RispondiElimina
  20. Che bello questo piatto! Come sono le perline di miele? Anche io sono incuriosita dalla cucina molecolare ma non l'ho mai provata... In fondo sono affezionata alla tradizionale :)

    RispondiElimina
  21. Bellissime le perline di miele...scenografiche da matti!!! Voglio provare assolutamente...mi salvo la ricetta!! Grazie mille!!!

    RispondiElimina
  22. Altrochè se mi sconfifera!! L'abbinamento formaggio-miele mi piace da morire e quelle perline sono proprio ma proprio belle!
    Curiosa come sono...questa ricetta la devo provare assolutamente!!
    brava e originale

    RispondiElimina
  23. interessante ;)


    cioa cris
    www.ilcucinotto.it

    RispondiElimina
  24. Mannaggia Fausta, anche io ho perso quasi dieci commenti e tutti bellissimi, per un momento ho pensato che il mio computer fosse impazzito, poi girando i blog, ho capito che era un problema generale...ma come ti dicevo, con quelle perline al miele li' ci si potrebbero fare tante belle cosine, basta un po' di fantasia ed io so che a te non manca ( hihihi)...la ricetta e' magniifica davvero! Se vuoi ascoltare il bacio sulla bocca, puoi cliccare sul titolo della canzone all'apertura del mio post, e la potrai sentire. Sono certa che ti piacera'...."Bella, che ci importa del tempo....." un bacio, Pat

    RispondiElimina
  25. Fausta è una ricetta formidabile! Mi piace tanto l'alternanza fra la tecnica classica e quella sperimentale.
    Il risultato è un piatto elegante, goloso, per niente banale.
    Complimenti davvero!

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  26. questo è il genere di ricettina che adoro!

    RispondiElimina
  27. Ciao Fausta! grazie per la visita..la mia torta era un po' insipida...ma è piaciuta...e questi fagottini?? chissà che bontà! :-)

    RispondiElimina
  28. Fantastico questo fagottino!!lascialo ancora qualche giorno!!!che meraviglia complimenti!!buona settimana cara

    RispondiElimina
  29. L'aspetto è davvero invitante...slurp! Le perle di miele mi incuriosiscono molto, sono uno spettacolo in foto, brava!
    Spero di preparare la ricetta dolce sabato per partecipare al tuo contest, ci tengo!
    Bacioni

    RispondiElimina
  30. Ciao fausta! Mi piaceva camminare nel tuo blog! Oltre alle ricette bene, ero affascinato dal altri post che avete messo. Così ora sto seguendo il tuo blog.
    Vi invito a conoscere il mio blog, anche. Se ti piace una parte dei tuoi amici: http://kibe-cozinhandocomamigos.blogspot.com/

    Baci dal Brasile!

    Luiz

    RispondiElimina
  31. ciao Luiz claudio, felice di conoscerti! Grazie per i complimenti e a presto.

    RispondiElimina
  32. Fausta como tú dices que es fácil hacer los paquetes de queso,yo los haré ,me encantan todas tus recetas,te queda todo muy lindo ,adoro la comida italiana en especial sus dulces,tus recetas deben ser admiradas por todos,por ello quiero tenerte muy cerca,cariños y abrazos.

    RispondiElimina
  33. I termine "molecolare" spesso non rende giustizia, queste perle sono la cosa più sana e bella che uno possa "infilarsi" tra una papilla e l'altra...buona giornata :-)

    RispondiElimina