w

09 maggio 2011

torta delle rose... o quasi


Ieri, complici la festa della mamma, il mese di maggio e lo stampo, ancora nuovo nuovo, regalatomi da Francesca, volevo cimentarmi in una torta delle rose. Non potevo scegliere giornata più incasinata; oltre a diverse incombenze avevamo pure deciso di andare a togliere un po' d'erba dal nostro futuro giardino e la cosa era improrogabile, visto che stava soffocando quelle poche piante che abbiamo già messo a dimora. Dunque, il giorno prima decido che impasto fare (diretto; per l'indiretto mi mancava la concentrazione) optando per questo, di Anice & cannella. La mattina impasto. Per il primo pomeriggio non sarebbe sicuramente lievitato ma aspettare fino a sera sarebbe stato troppo? Nel dubbio metto in frigo qualche ora e lo tiro fuori subito dopo pranzo, prima di uscire di casa. Arrivo alle sei, pronta a formare la torta e quello si trova ancora quasi al punto di partenza... Grrr... Metto in forno, colpetto di calore, luce accesa ed alla fine la pasta comincia a dare segni di vita. In poche parole cuocio a sera inoltrata. All'uscita dal forno era una cosa morbidissima e succulenta, oggi è ancora morbida ma non più "issima". Devo dire che qualche variazione l'ho fatta, non ultima il ripieno per il quale ho preferito la marmellata. Doveva cuocere qualche minuto in meno, ma avevo paura che sotto fosse ancora troppo crudo e comunque, a dispetto del colore, in parte dovuto anche alla marmellata, gusto e consistenza non ne risentono per nulla. In sintesi: una quasi-torta delle rose perfezionabile ma buona (però non ottima!).


Ingredienti:
470 grammi di farina manitoba (anziché 420)
un uovo
180 grammi di latte
50 grammi di olio e.v.o. (anziché 60 di burro)
90 grammi di zucchero (anziché 75)
8 grammi di sale
11 grammi di lievito di birra
scorza di un limone (mia aggiunta)
30 grammi di miele (mia aggiunta)
inoltre per il ripieno:
un vasetto di marmellata a piacere (io prugne gialle fatta da me)
mischiato a due manciate di uvetta
ed una quindicina di noci tritate grossolanamente
infine:
zucchero a velo per spolverizzare

Esecuzione:
sciogliere il lievito nel latte utilizzando la planetaria col gancio a K, poi aggiungere tanta farina quanta ne servirà per ottenere una crema (io ne ho messo 6 cucchiai). Unire l'uovo ed amalgamare, poi la farina restante (montare il gancio da impasti), il sale ed incordare.

A questo punto unire l'olio (o il burro ammorbidito) e la scorza di limone. Poichè il burro mantiene la pasta più morbida dell'olio io ho compensato aggiungendo il miele ed ecco che mi sono ritrovata con un impasto un po' troppo molle. Ho dovuto aggiungere ancora farina (ecco perché ne ho messo 50 grammi un più della ricetta originale) per ottenere una pasta lavorabile.

Far lievitare fino al raddoppio.

Poiché utilizzavo uno stampo a fiore volevo altenare "spirali" piccole e grandi, per cui ho diviso la pasta in due parti, una il doppio dell'altra e per entrambe ho dato delle pieghe a tre (qui le foto della stessa Paoletta), prima in un senso, poi nell'altro.

Ho steso col matterello formando due rettangoli, ho coperto col ripieno e poi arrotolato, diviso in  tranci e disposto le "spirali" in teglia.

Ho lasciato lievitare ed ho infornato a 180 gradi per 35 minuti (30 sarebbero stati sufficienti).

Una volta cotta e sformata ho spolverizzato con abbondante zucchero a velo.


33 commenti:

  1. Bellissima!!! :) Con questo stampo viene proprio bene in effetti! L'interno sembra molto soffice e goloso, anche se dici che non era ottima... Ma ha un aspetto favoloso lo stesso! Brava!

    RispondiElimina
  2. Wow che bella soffice che è!!!complimenti cara!!buona settimana!!

    RispondiElimina
  3. Una magica meraviglia floreale. Dirti che sei stata bravissima mi sembra il minimo :)

    RispondiElimina
  4. davvero buonissima!!! e molto soffice!

    RispondiElimina
  5. Nonostante le tue critiche l'aspetto a me pare bellissimo e la lievitazione è perfetta. Ciao cara, buona serata

    RispondiElimina
  6. Ma cara, se mi chiamavi ti spiegavo io come farla...Per la cronaca, accanto alla mia farmacia, c'è un Bar Pasticceria mooolto in che fa la stessa torta. Bè, la maggior parte delle volte, se non sempre, è parecchio più brutta di questa. Che bravina che sei, un bacione.

    RispondiElimina
  7. FA VO LO SA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!bravissima!

    RispondiElimina
  8. cosa darei per un pezzettino!!!

    RispondiElimina
  9. Un vero capolavoro, vorrei tanto assaggiarla!!! Sei bravissima, un bacione

    RispondiElimina
  10. io penso che l'autocritica sia costruttiva, per questo mi piaci.
    Riguardo al dolce sembra soffice, ben lievitato e buonissimo, ma aspetterò con ansia la versione OTTIMA.
    A presto Fausta.

    RispondiElimina
  11. a me non sembra per niente male ...
    a presto

    RispondiElimina
  12. A me sembra perfetta e sicuramente con un sapore delizioso!!! Un bacione!!!

    RispondiElimina
  13. Che bella questa torta di rose un classico che nn stanca mai e poi la conosco e sofficissima e golosa..una di quelle roselline ci starebbe benissimo adesso!!baci Imma

    RispondiElimina
  14. un classico per la festa della mamma! ti è venuta bene, ha un bell'aspetto! complimenti :)

    RispondiElimina
  15. bella, sai che nn l'ho mai fatta? Però una volta, con un impasto di pasta brioche, proprio come accaduto a te, nn avevo i tempio per la cottura e l'ho messa in frigo. Al momento giusto per me l'ho lasciata a temperatura una mezzìoretta, l'ho reimpastata nell'impastatrice e fatto le brioches, son venute così soffici che ho pensato fosse dovuto proprio al passaggio in frigo ;)
    bacione, carissima!

    RispondiElimina
  16. Ho davvero un bellissimo aspetto e sembra anche molto soffice, bravissima Fausta!!! Baciotti

    RispondiElimina
  17. Ciao Fausta, ma alllora non sono la sola a cuocere i dolci dopo cena! Molto bello il tuo dolce, e anche le rose, piacerebbe molto anche a me farlo, ma in questo periodo, con i nuovi ritmi lavorativi, devo ancora organizzarmi con tempi di lievitazione e cottura, per cui mi limito ad ammirare e a prendere nota per quando sarò una perfetta manager del mio tempo... Ma quanto manca all'insediamento definitivo in casa nuova? Sono curiosa di sapere com'è, di sicuro se è accogliente come il tuo blog dev'essere la casa delle fate!!! Nel frattempo ti mando un grande abbraccio e i miei complimenti per il tuo gusto e bravura!

    RispondiElimina
  18. Anche a me sembra buonissima e anche bella! Poi per carità tutto è perfettibile.. Sai che ti dico? che io un pezzetto a quest'ora per colazione lo mangerei proprio volentieri! ma anche a merenda, o dopo pranzo, o dopo cena......
    brava!

    RispondiElimina
  19. Mi fai sorridere... l'autocritica è un ingrediente che a volte mi manca, tu invece sei sempre terribilmente onesta ;-) A me questo tuo dolce piace, ha un'aria chic... sarà lo zucchero a velo?!
    A presto e buon lavoro nella nuova casa

    RispondiElimina
  20. @ tutte (tutti): in questi ultimi giorni sia la connessione che la sottoscritta vanno e vengono (io da casa, la connessione dal mio pc!)
    Scusate quindi se non vi rispondo singolarmente come uso fare sempre, sono comunque venuta a fare un giretto su ognuno dei vostri blog...
    In attesa che la situazione si normalizzi un po'... un bacione a tutti e una buona giornata

    RispondiElimina
  21. Dall'aspetto sembra ottima, ma se dici che è perfezionabile mi fido di te! Secondo me tu sei un po' come me; ipercritica sulle cose che fai tu, quindi ti capisco. Io comunque una rosellina la mangerei!
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  22. Mi piacciono molto gli impasti lievitati ma il mio terrore é sempre lo stesso. Che non lievitino...e cosi ne faccio ben pochi. Questa torta delle rose ti é venuta molto bene, bella soffice. Magari averne un pezzetto ora. Buona giornata cara! :)

    RispondiElimina
  23. A me non sembra una "quasi-torta delle rose", ma una torta delle rose molto bella. L'aspetto mi piace e sembra anche molto soffice. Per me sei stata brava. Un saluto e buon lavoro per la nuova casa. :)

    RispondiElimina
  24. nel tentativo di affondare i miei denti me li sono frantumati sul monitor!! a me pare perfetta ed è sicuramente bellissima! e le foto poi.... mitica fausta, bacioni .XX

    RispondiElimina
  25. Se se, le solite scuse, perchè dopo una torta da pasticceria, te la tiri e cerchi scuse...vergognati.

    RispondiElimina
  26. Ti è venuta benissimo.....ottima da assaporare e buonissima da mangiare....un bacio stefy

    RispondiElimina
  27. Adoro la torta di rose,bravissima. Se ti piace la nutella è ottima anche farcita con mascarpone e nutella.

    RispondiElimina
  28. Io la trovo splendida, e la cottura mi sembra proprio giusta! Complimenti e buona giornata!

    RispondiElimina
  29. Sembra la descrizione di una mia giornata. Decido di fare cento cose contemporaneamente e per dividermi tra le varie attività corro come una matta.
    La torta delle rose non è proprio semplicissima. La tua mi sembra perfetta.
    Complimenti davvero!

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  30. che meraviglia!!! me la faceva sempre mia mamma quando ero piccola! scopro con piacere il tuo blog e da oggi ti seguo! se ti va passa a trovarmi :-) buona giornata

    RispondiElimina
  31. ma è splendida, che sei, fishing for compliments? ;-)
    vengo qui da tinny, mi ha fatto morire con tutti quei complimenti, toccherà anche a me fare una torta di mele? :-)

    RispondiElimina