w

21 ottobre 2011

strudel di mele... o di pere



Oggi, uno strudel. Non perdo tempo in preamboli inutili; lo strudel è un dolce stra-conosciuto e penso molto apprezzato. L'interesse si concentra sempre per lo più sulla pasta, mentre il ripieno può variare in qualche particolare, secondo i gusti, ma è sempre buono. Per me, poi, che amo molto i dolci a base di mele, la versione con questo frutto è davvero succulenta. Cominciamo dalla pasta: io l'ho realizzata come imparato diverso tempo fa ad un corso di pasticceria, molto casalingo e "base" ma per certi versi illuminante e si tratta di una sorta di sfoglia, ma semplificata (la sfogliatura è ben evidente nelle immagini). Per chi ha dimestichezza con quest'ultima farla sarà una passeggiata, chi invece è alle prime armi potrà provarla come introduzione "soft" al mondo delle "pieghe". La lavorazione non è così lunga come si potrebbe pensare ed ha il vantaggio di poter essere suddivisa e realizzata in tempi diversi. Anche la pasta, una volta preparata, può tranquillamente sostare in frigo per un giorno o due. Io ho fatto due strudel diversi pertanto vi lascio entrambi i ripieni; scegliete quello che vi piace di più.



Vi voglio infine ricordare che da qualche giorno sul web c'è un blog in più... questo,


dove Tinny ed io tenteremo di divertirvi con un po' di ironia. Se vorrete potrete partecipare anche voi alla sua costruzione (per sapere come andate "di là"). Venite a visitarci; vi aspettano un post a settimana e tante sorprese con un blog tutto cliccabile!


Ingredienti:
per la pasta:
per il panetto 70 grammi di burro e 30 grammi di farina

per il pastello 200 grammi di farina; 50 grammi di zucchero; un uovo; un pizzico di sale; scorza di limone (facoltativa)

per il ripieno n1:
2 mele
100 grammi di marmellata (io questa di arance e cioccolato che, a discapito delle immagini, è davvero buona)
100 grammi di uvetta
30 grammi di noci sminuzzate grossolanamente
30 grammi di pinoli
qualche biscotto
un po' di cannella
3 cucchiai di zucchero da spargere sul ripieno

per il ripieno n 2:
una grossa pera abate non troppo matura
5-6 amaretti (io amaretti morbidi di Sassello)
3 cucchiai di pangrattato
50 grammi di noci sminuzzate grossolanamente
100 grammi tra uvetta e albicocche secche a pezzetti
100 grammi di marmellata di limone
2 cucchiai di zucchero ed un po' di miele da spargere sul ripieno
poco zenzero fresco grattugiato (secondo gusto)


Preparate il panetto impastando la farina ed il burro. Dategli una forma regolare (tipo panetto di burro ma un po' più sottile); avvolgete in plastica da cucina o alluminio e mettete in frigo a rassodare per un'ora.

Preparate il pastello impastando tutti gli ingredienti insieme ad un po' d'acqua. Ve ne serviranno circa 50 grammi, ma dipende anche dalla dimensione dell'uovo. La pasta dovrà comunque essere abbastanza consistente.

Tirate il pastello col matterello fino ad una dimensione adatta a contenere il panetto ed a chiudere i lembi. Il panetto risulterà così completamente avvolto in uno strato di pasta. Girate l'involucro sotto-sopra in modo da lasciare i punti di giunzione del pastello a contatto con l'asse.

Stendete la pasta ad uno spessore di 3/4 mm formando un rettangolo poi prendete uno dei lati corti e portatelo oltre il centro del rettangolo, sovrapponete il lato opposto (piega a 3) e mettete in frigo per una mezz'ora.

Ripetete ancora una volta la piega a 3; stendete ad uno spessore di massimo un paio di mm, distribuite sulla superficie il ripieno scelto (cominciando dagli ingredienti "secchi" come i biscotti e gli amaretti sbriciolati ed il pangrattato), arrotolate, praticate qualche taglietto lungo lo strudel ed infornate a 180 per circa 35 minuti. Spolverizzate, se vi piace con zucchero a velo.

Per le pieghe: qui  si vedono abbastanza bene; unica differenza è che non trattandosi di vera "sfoglia" dovrete fare due volte le pieghe a 3 e non la prima a 3 e la seconda a 4.



33 commenti:

  1. Ciao Fausta ma sai che è la prima volta che vedo uno strudel fatto in questo modo? Ti confesso che ho provato 3-4 ricette diverse e sono risultate tutte un disastro (sicuramente per errore mio).Il fatto è che in tutte le ricette mi si diceva di tirare la sfoglia talmente sottile da vedere in trasparenza e lì trovavo la difficoltà: o la pasta mi veniva spessa e sotto i denti era orribile oppure la facevo talmente sottile da romperla tutta....sono caparbia e,qualche volta,riproverò ancora.
    A vedere il tuo strudel mi sembra sia venuto perfetto....brava Fausta!!!

    RispondiElimina
  2. adoro lo strudel...deve essere squsito anche con le pere...mi segno subito la ricetta! ;)

    RispondiElimina
  3. Ciao Fausta , bentrovata! Delizioso il tuo strudel, ieri ne ho fatto uno simile ma con una pasta diversa, da provare anche la tua versione... Complimenti per il nuovo vestitino del tuo blog è molto carino! Una abbraccio, a presto ;-)

    RispondiElimina
  4. Panetto, pestello, mattarello...non capisco prof.
    Ma il panetto si schiaccia col mattarello ed il pestello si usa col mortaietto???
    Il tuo strudel è davvero bellissimo, chiederò alla pasticceria dove lo hai comprato se me lo possono fare senza glutine...

    RispondiElimina
  5. Mi piacciono le pere, mi piace lo strudel, quindi è da provare!

    RispondiElimina
  6. Mamma mia! Ma questo è uno strudel di alta pasticceria! Davvero complimenti,Fausta... Sei di una bravura mostruosa! :-)

    RispondiElimina
  7. Che buono lo strudel!!!! In tutte le sue versioni,il mio preferito....baci maria

    RispondiElimina
  8. carissima, sai che lo strudel credo proprio di non averlo mai fatto? Sarà che quei soliti ingredienti non mi fanno impazzire, ma l'idea tua di uscire dal solito seminato mi apre un mondo!
    Grazie per le spiegazioni sul pastello, che ha secondo me molta importanza nella buona riuscita del tutto :)
    e ovviamente corro dall'altra parte!!!

    RispondiElimina
  9. Favoloso! Semplicemente favoloso. Bravissima cara.......un bacio e buon WE

    RispondiElimina
  10. ma è magnifico!!!complimenti!!!

    RispondiElimina
  11. Mai cimentata nella sfoglia ma la tua spiegazione di questa sfoglia leggermente semplificata mi ha incuriosito parecchio!!! Sicuramente la provo anche perchè il risultato mi sembra davvero ottimo! Dalle foto infatti si vede una bellissima sfogliatura e anche i due ripieni sono davvero ottimi!! Ricettina davvero interessante e molto utile...Grazie!! Un bacione carissima e buon fine settimana...

    RispondiElimina
  12. Sembra delizioso, nulla da inviadiare a quelli si vedono abitualmente in pasticceria!!!

    RispondiElimina
  13. bella la sfoglia! pere e amaretti è la mia preferita :P
    buon we

    RispondiElimina
  14. Favolose tutte e due versioni!Sei stata bravissima,cara Fausta!Un bacione!

    RispondiElimina
  15. Un strudel bien preparado eso sólo lo hace Fausta,luce hermoso y tentador,versión espectacular me ha encantado,grandes abrazos.

    RispondiElimina
  16. Ciao Fausta,con queste farine devo assolutamente provare il famoso pane nero di Castelvetrano....speriamo che mi venga bene!!!Oggi ho fatto i gnocculi,pasta fresca tipica delle mie zone.
    Senti una cosa: tu che fai fotografie meravigliose dovresti,se ti va naturalmente,darmi un tuo parere sulla prima foto del post che invierò domani:ho imparato a dare più luce alle foto e sono molto,molto contenta.Mi sembra di essere migliorata...forse...
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  17. ma che buono! bisognerà provare una versione mele e pere, come nella misteriosa torta alla frutta che il personaggio di Jodie Foster prepara in Carnage di Polanski...;)

    RispondiElimina
  18. Ciao, sono arrivata al tuo blog perché ispirata e incuriosita dal nome: caffè col cioccolato, per me un binomio vincente!! Adoro sia l'uno che l'altro e mi piace coccolarmi ogni tanto con una tazza di caffè bollente, amaro, e un pezzo di cioccolato!! Mi piace il tuo blog, mi unisco ai tuoi sostenitori!!

    RispondiElimina
  19. Allungo la mia manina verso la fetta con il ripieno n° 1... ma...alla fine... nonresistoeprendoancheilnumero2!!!!!!! ^_^
    Ciao ciccia!

    RispondiElimina
  20. Devo scegliere per forza? Mi piacciono entrambi tantissimo!
    Bacioni

    RispondiElimina
  21. Mi piace lo strudel, assaggerei i due ripieni. Devo provare la tua pasta, anche se per me è un po' difficile.

    RispondiElimina
  22. Mery: grazie! Un bacio

    Mariabianca: non so se sia la "vera" pasta per strudel... ma chi puù sapere? Sembra che alcuni dicano che dev'essere tirata sottilissima, ma ti confesso che, provata questa, non la mollo più! Provala! Un bacio

    Glo: buono buono, parola di scout

    Sar@: grazie per tutti i compli, sei davvero sempre molto gentile. Un abbraccio

    Tinny: tutto vero... se non fosse che io non ho parlato di pEstello, bensì di pAstello! La pasticceria la conosci anche tu; è quella all'angolo tra Via Menabelin e Viale Spacamaron... vie che frequenti molto spesso!
    Olà... un baciuz

    Nani e Loly: merci

    Lucia: dai, sei esagerata! Però provala perché è buona davvero! Un bacione

    Trilly: anch'io non sapevo quale scegliere... Ciao

    Cinzia: forse non ti piacciono le mele cotte? Io ne vado pazza... perciò lo strudel per me è uno "sballo"! Ti aspettiamo anche di là!!! Un bacio

    Meris: grazie, cara, una buona settimana

    Federica: grazie Fede, tu fai spesso preparazioni molto più complesse...

    Patrizia: ciao Patrizia, prova, vedrai che ti si aprirà un mondo... un bacione e una buona settimana anche a te

    Ludo: grazie... io l'ho preso in pasticceria!!! (parola di Tinny...)

    Gio: ok, la prossima volta pere ed amaretti per te! Un abbraccio

    Lenia: grazie Lenia, è sempre un piacere averti qui! Un bacio

    Rosita: per essere tentador lo era... altroché! Un abbraccio e a presto

    Mariabianca 2: Arrivo...

    Cannella: ecco... io uguale pura ignoranza in fatto di films... però mele e pere...gnammm

    B.B. anche per me è un "must"! Vedi? Abbiamo già qualcosa in comune. Passo da te, un bacio

    Luana: e prendi tutt'e due, no??? Dai, su osa pure... Un abbraccio carissima

    Giovanna: no che non devi... anche per te una fetta di ognuno. Tu ci metti il te, però, eh? Un bacione

    Fr@: Cimentati con la pasta, non è così difficile come sembra! Un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
  23. Ma che ghiotta questa ricetta, le strepitose immagini dicono tutto, complimenti e buona serata!

    RispondiElimina
  24. Oh Fausta!! Grazie per averlo fatto e postato, davvero sei gentilissima!! Proverò la tua base e ti farò sapere... un abbraccio

    RispondiElimina
  25. mhmhmhmhmh....delicius!!!!!!! Bacio gioia! ;-D

    RispondiElimina
  26. Fausta! C'è una mostra a Roma dedicata a te!!!! Perchè non l'hai detto???? Ho guardato e riguardato le foto e sei proprio tu!!!??? Naturalmente il nome è diverso, sei in incognita???
    Che figata!!!!
    Questo è il link
    http://www.tg1.rai.it/dl/tg1/2010/articoli/ContentItem-47cf7c81-688c-47bb-b114-4d1295a477a1.html

    RispondiElimina
  27. Ciao, perchè non partecipi al mio dolce contest?

    http://dolciechiacchiere.blogspot.com/2011/10/il-mio-primo-contest.html

    ti aspetto!

    RispondiElimina
  28. Maria Luisa: grazie carissima, era davvero buono (l'ho anche rifatto!!!) Un bacio

    Marifra: grazie a te! Un abbraccio

    Kiara: Uhmmm... sono d'accordo...

    Tinny: dovere. A chi mi fa domande io rispondo sempre! Sono educata, sai!

    Meris: o accidenti... E' VEROOOO! Se scopro chi ha organizzato una mostra su di me senza avvertirmi... lo denuncio! Grazie e un bacio

    Serena: vengo a vedere. Grazie e a presto

    RispondiElimina
  29. Lo so che sei moooolto educata! Mi dispiace aver tardato stasera, ma ho perso tempo nel Viale Spacamaron...mannaggia a me!

    RispondiElimina
  30. Gli strudel mi piacciono talmente tanto che mi avvolgerei nella "pasta matta" e mi ci cuocerei dentro. Non sarebbe un bello spettacolo, lo so, ma questo ti fa capire il mio amore per questo dolce. Adoro la tua versione con il mix di frutta. Ti mando un bacio grande. Pat

    RispondiElimina
  31. magnifico!!!! che maestria signora!! baci :X

    RispondiElimina