Passa ai contenuti principali

la pizza centrifugata di Mariabianca


La pizza (focaccia che balla) è quella di Mariabianca; il nome è di mio marito il quale, come spesso succede, tra il curioso ed il diffidente ha voluto sapere come l'avevo preparata. Devo dire che la pizza senza impasto a me non ha mai convinto; ho provato una volta a farla e non mi è piaciuta. Questo procedimento, che si potrebbe collocare a metà tra quello tradizionale ed il "senza impasto", ci ha invece soddisfatto in pieno, tanto che ho già rifatto la pizza più di una volta. Ma chi aveva dei dubbi, trattandosi di una ricetta di Mariabianca?

Rispetto alle sue ho solo leggermente variato le dosi, abbassando la percentuale di farina di grano duro, rispettando invece la percentuale d'idratazione; per il resto mi sono affidata alle sue spiegazioni: movimento rotatorio ed ondulatorio... meglio spiegato di così!
Avrei voluto fare un piccolo gioco di immagini, tanto per richiamare il titolo; poi ho evitato, lasciando questo genere di "manipolazione" all'altro blog, quello scherzoso di Tinny e mio che... a proposito, vi sta aspettando con un nuovo post! (et voilà, anche questa volta sono riuscita a ficcarci il link ;))





Ingredienti:
350 grammi di farina di grano tenero (00) 
100 grammi di farina di grano duro
15 grammi di lievito di birra
9 grammi di sale
un cucchiaino di zucchero
un cucchiaio d'olio
325 grammi di acqua tiepida (il 72% del peso delle farine)

Mettete il sale in una ciotola che possa essere coperchiata (io una ciotola di vetro munita di coperchio ermetico) ed aggiungete le due farine miscelate tra loro. Fate una fontanella, mettete al centro lo zucchero, l'olio ed il lievito. Versate l'acqua sciogliendo man mano il lievito (con l'altra mano; scusate il bisticcio).

A questo punto lascio la parola a Mariabianca che è efficacissima:
Ho chiuso la ciotola con il coperchio ed è iniziata la "danza":prima ho mosso la ciotola in senso rotatorio e poi in senso sussultorio, poi ancora in senso rotatorio.

Al termine della danza io ho dato ancora un paio di rimestate con un cucchiaio; infatti, forse perché non ho utilizzato l'apposito attrezzo, la farina non era del tutto miscelata. Però è stata davvero una cosa velocissima; pochi secondi.
Ho coperchiato ed atteso.


Dopo poco più di un'ora l'impasto era lievitato; l'ho allargato facilmente in una teglia oliata, ho aspettato ancora un quarto d'ora ed infine condito con la mia solita salsa di pomodoro "per pizza" preparata con pomodori freschi cotti in una base di soffritto leggero di cipolla (solo appassita!) e spicchi d'aglio interi, il tutto sfumato con un po' di vino bianco. Ho unito poi origano ed olive taggiasche. Mi mancavano i capperi sotto sale e non li ho messi, ma era ottima anche così.
  

Commenti

  1. Grazie della bella ricetta: mi incuriosisce questo procedimento ondulatorio e sussultorio, un po' da terremoto.. che andrò certamente a vedere meglio dalla Miariabianca, perché di pizza e pizzette e focacce non se ne sa mai abbastanza.. ho preso anch'io una ricetta da lei che mi è piaciuta moltissimo, le treccine dolci :)
    spero da te tutto bene con la buriana di questi giorni, siccome non ho sentito notizie relative ad Imperia non mi sono fatta sentire, però ti ho pensata.. mica mai che..!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Io adoro la pizzaaaaa !!!! E' stupenda!Si vede che è soffice gia dalla foto: spettacolare!!

    RispondiElimina
  3. wow mi piace che buona questa pizza!

    RispondiElimina
  4. Ha un aspetto squisito!!!! Io adoro anche la pizza senza impasto ma questa sembra favolosa! Da provare!!!! ;-D

    RispondiElimina
  5. Sì mi ricordo questa pizza di Mariabianca a ritmo di ballo.
    P.S. Meno male stai bene, niente sguaragnaus.

    RispondiElimina
  6. Soffice e ben condita, che fame!!! :)

    RispondiElimina
  7. Oh Signurrrr proprio a questìora dovevo venire qui?????la pizzaaaaaaaaaaaaaaaaaaa bontà bontà bontà!!!! come ti è venuta bene!!!! baci

    RispondiElimina
  8. MERAVIGLIOSA!!!!!E poi con il pomodoro cotto...e le olive...
    Fausta grazie per avermi più volte citato,un bacione a te.
    Il titolo mi ha fatto ridere come solo tu (e Tinny)sapete fare.
    Se mi permetti vorrei dirti che l'uso di una ciotola di plastica (più leggera di quella in vetro)è più conveniente in quanto i movimenti sussultori e rotatori sono più agevoli e permettono meglio il mescolamento degli ingredienti.Guardando le foto che avevo nelle mie cartelle ho visto che c'era anche quella della ciotola tupperware contenente l'impasto appena "scosso".L'ho aggiunta alle foto nel post da me tempo fa inviato.
    Grazie per la fiducia che riponi nella mia semplice cucina....un altro bacetto va....

    RispondiElimina
  9. Ah...mi avevi chiesto se stavo poco bene...si,ho avuto la sciatica (il nervo infiammato)....mamma che dolor!!!!!
    La mia nuova scuola è dislocata su due piani (più il pianterreno)ed ho fatto un saliscendi da "vecchia storpia dolorante".....che dolor!!!
    Se dovessi augurare il male a qualcuno (cosa che non farei mai)le direi: che ti venga la sciatica!!!

    RispondiElimina
  10. Oddio!!!Ho sbagliato a scrivere (non lo dire ai miei alunni!!): a qualcuno GLI direi.

    RispondiElimina
  11. voglia di pizza...questa e' splendida!

    RispondiElimina
  12. Ciao Fausta, questo impasto mi incuriosisce molto... anche se con quello tradizionale, ottengo ottimi risultati... mi piace sperimentare quindi lo proverò sicuramente. Vado a sbirciare! Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. bellissima questa pizza!! ma brava cara :) tu stai bene? bacioni affettuosi :X

    RispondiElimina
  14. Dalla foto sembra così soffice e perfettamente lievitata da assomigliare a quelle focacce pugliesi che contengono la patata. Io adoro questo genere di impasto. Odio le pizze sottili tirate con il mattarello. La pizza è sorella del pane e come tale deve assomigliargli. Viva la pizza di Fausta e Mariabianca. Un bacione e buona settimana. Pat

    RispondiElimina
  15. mmmmmmmmmmmmmmmmm..buonissima!!!!!

    RispondiElimina
  16. Ci credi che non riesco ad immaginare la consistenza di questa pizza "centrifugata"? Per scoprirlo non mi resta che provarla e sperare che piaccia anche ai miei uomini di casa!!! Una ricetta davvero molto particolare e sicuramente gustosissima!! Un bacio e aspetto il post di là!!

    RispondiElimina
  17. giudicando dalle foto la ricetta è più che valida!
    le fette di pizza hanno un aspetto così goloso :P
    mi sa che la metto alla prova presto :)
    buona settimana

    RispondiElimina
  18. Mi incuriosisce da matti questo impasto con i movimenti "danzanti". L'avevo persa questa pizza sul blog di MariaBianca, andrò a dare un'occhiata, in ogni caso la tua è venuta bellissima, invita proprio al morso e a quest'ora ci starebbe proprio bene. Un bacio cara

    RispondiElimina
  19. Premetto che ho già cenato ma alla pizza non riesco mai a dire di no...e questa poi, così soffice, ricca...basta guardarla per capire quant'è golosa!

    RispondiElimina
  20. Mamma che fame Fausta... l'aspetto è davvero invitante, con le olive taggiasche poi... un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Fausta che bell'aspetto, l'avevo vista anch'io questa ricetta da Mariabianca e mi aveva già incuriosito, adesso non ho più scuse, devo farla pure io la pizza ballerina!!
    Un bacio :-)

    RispondiElimina
  22. Pizza, pizza per tutti evviva la Fausta fa la pizza per tutti...a che ora veniamo??
    Questa pizza è super favolosa, o come dice una mia amica SUPER MEGA SUPER!!
    Buona serata

    RispondiElimina
  23. Sfiziosissima questa pizza, la voglio provare anche io...un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  24. Eh si le ricette di Mariabianca sono una certezza...immagino che bel balletto ti sei fatta per mescolare...visto il risultato!!
    buona giornata loredana

    RispondiElimina
  25. Caspita! la danza della pizza mi mancava! Che idea curiosa e originale!! Me l'ero persa anche da mariabianca e meno male quindi che l'hai riproposta perchè sì: la voglio assolutamente provare!!
    Oltre a sfiziarmi l'idea mi piace moltissimo il risultato che mostri nelle tue foto: DE LI ZIO SA!
    Bravissima Fausta, tanti bacetti e buona giornata!

    RispondiElimina
  26. Mica male faustina!!!!
    Non voglio sapere cosa uscirà dal post dell'altro blog riguardo al movimento rotatorio/ondulatorio... :-D
    Un bacio carissima!

    RispondiElimina
  27. dio mio che bontà questa pizza! complimenti, annoto la ricetta :) baci!

    RispondiElimina
  28. Divertentissima questa ricetta!! la tua pizza sembra davvero fantasmagorica Fausta!!!

    RispondiElimina
  29. Buonaaaaaaaaa, bellaaaaaaaaaa, che voglia di pizza. Porca miseria! Brava Fausta.

    RispondiElimina
  30. luce sabrosa y tentadora una verdadera delicia,grandes abrazos.

    RispondiElimina
  31. Mi e venuta una fame!!!Che buona questa pizza!Un bacione!

    RispondiElimina
  32. Per quanto mi riguarda risultato veramente eccezionale!!!!!!

    RispondiElimina
  33. Fausta ti è venuta benissimo! Mi piace l'idea di una pizza veloce, devo solo procurarmi un contenitore a chiusura ermetica alto. :-)
    Bacioni

    RispondiElimina
  34. A Tutti/e: questa pizza è davvero buona, provatela e mi saprete dire! Oltrfe tutto è facile e veloce, il che non guasta mai!

    Mariabianca: grazie a te che ci hai fatto conoscere questo metodo; i link erano (e sono sempre) doverosi! Quanto alla ciotola di plastica... da tempo le ho sotituite tutte con quelle di vetro, elemento che trovo più salutare e "naturale", ma si riesce bene lo stesso a sussultare ed ondulare (solo un po' di energia in più...)

    Un bacio e tutte e alla prossima...

    RispondiElimina
  35. Tra te e Mariabianca abbiamo, anzi Io HO, tutto un mondo da imparare! E questa pizzetta soffice senza sporcare quasi nulla a me piace tantissimoooo :-))
    Baci baci

    RispondiElimina
  36. ...Mmmmm che nervi...
    Dirò ad Abel di nasconderti la macchina fotografica...vergognati.

    RispondiElimina
  37. buona la pizza! ma mi sa che e' gia' stata mangiata tutta! ti seguo perche' hai delle gran belle ricettine:-) se ti va passa a trovarmi mi farebbe piacere! baci

    RispondiElimina
  38. Secondo me non era affatto (^_^) buona, ma proprio per niente... una pizza mal riuscita!!

    ecco il mio indirizzo:
    Pecorella di Marzapane
    Via Prato, 2x3(=5!)
    c.a.p. 1000(chili di pizza a me)
    Verdura fresca
    (uno staterello che si trova alle pendici dell'italia)

    Se me ne mandi una fornitura avrò modo e tempo di ricredermi e di smentire l'affermazione d'apertura ^____^

    Tiziana

    RispondiElimina
  39. Ciao cara, ti ho taggata per il 7 links project. Spero tu non me ne voglia. Non è obbligatorio ma penso che ti piacerà. Un bacio. Pat

    RispondiElimina

Posta un commento