w

06 aprile 2012

quasi un danubio...


Come al solito, in questo periodo, sono di corsa, ma come nasce questo "danubio" lo devo dire.
Avrei tanto voluto impegnarmi in una colomba... la mia pasta madre sta languendo nel frigo (fortunatamente ogni tanto la faccio "ringalluzzire" nutrendola un po') e quest'anno sembrava proprio quello adatto per cimentarmi. Purtroppo sono sorti alcuni impegni che mi stanno assorbendo non poco.
Allora, mi sono detta, perché non fare qualcosa di (molto) più semplice, ma che in parte abbia attinenza con il dolce pasquale?
Girovagando in rete ho trovato questo: un danubio salato che, dalle dichiarazioni, sembrava essere morbido ma non asciutto; quello che faceva a caso mio. Trasformarlo in un dolce è stato un attimo; coprirlo con questa meravigliosa glassa alle mandorle di Adriano, la glassa tipica della colomba, ancora più veloce.
Essendo un danubio ho voluto "imbottire" le palline di pasta, ma la farcia scelta non era un granché. Non mi sono scoraggiata neanche un attimo e, avendo avanzato della glassa, ho pensato di utilizzarla per un'altra preparazione (panbrioche) farcita, questa volta, con pasta di mandorle ed agrumi canditi tritati (tanto per richiamare un po' la colomba).
Peccato che... in questo secondo tentativo, mi sia "persa" nella lettura di un post di Pat (colpa tua, Pat!), abbia lasciato il dolce qualche minuto di troppo nel forno e la superficie si sia un po' troppo colorita (fortunatamente l'interno è rimasto perfetto)...
Insomma, da due dolci ne ricavo uno: l'impasto (semplice e morbidissimo, umido al punto giusto, sormontato da una glassa squisita; ottimo davvero, ve lo consiglio!) del primo e la farcia del secondo.  Ecco i miei auguri di buona Pasqua.
P.s. non lasciatevi spaventare dalla lista degli ingredienti; questa preparazione è molto facile e più veloce (tempo di lievitazione a parte) di quanto non crediate.



Ingredienti
per l'impasto:
370 grammi di farina manitoba
250 grammi di farina 00
100 grammi di burro
250 grammi di latte
un uovo più due tuorli
80 grammi di zucchero (questa quantità per un sapore appena dolce; di più se volete rafforzarne la percezione)
20 grammi di lievito di birra
un pizzico di sale
scorza grattugiata di un limone

per la glassa di Adriano:
65 grammi di farina di mandorle
60 grammi di albumi (i due avanzati dall'impasto)
115 grammi di zucchero
13 grammi di fecola
qualche goccia di essenza di mandorle amare

inoltre per la decorazione:
qualche mandorla intera
granella di zucchero
zucchero a velo


Esecuzione:
preparate la glassa mescolando tutti gli ingredienti e ponete in frigo per alcune ore prima di utilizzare.
Per l'impasto io ho fatto semplicemente scaldare leggermente il latte, ho unito il burro ed atteso che questo si sciogliesse. Poi ho messo tutti gli ingredienti nell'impastatrice (il sale andrà aggiunto all'ultimo) ed azionato per qualche minuto fino all'ottenimento di una pasta leggera e setosa.
Nel caso impastiate a mano dovrete fare la consueta fontana con le due farine setacciate; al centro metterete lo zucchero, l'uovo ed i tuorli, il lievito, la scorzetta ed ai margini il pizzico di sale. Versando il latte tiepido (mischiato al burro), comincerete ad impastare fino ad ottenere la medesima pasta liscia e setosa.


Lasciate lievitare per due/tre ore fino al raddoppio (il tempo dipenderà dalla temperatura esterna).
Riprendete la pasta e dividetela in sedici parti uguali da 70 grammi circa l'uno. Stendete ogni pezzo, farcitelo (io con 100 grammi di pasta di mandorle mischiata a 100 grammi di scorze di limone ed arance candite tritate) con un sedicesimo di ripieno preparato, chiudete formando una pallina e ponete in una teglia imburrata con la chiusura rivolta verso il basso. Lasciate nuovamente lievitare per un'oretta.
Scaldate il forno a 180 gradi. Coprite il danubio con la glassa preparata in precedenza, cospargete di zucchero in granella, decorate con qualche mandorla tagliata a metà, spolverizzate con abbondante zucchero a velo ed infornate per circa mezz'ora fino a cottura (da verificarsi con uno stecchino).


38 commenti:

  1. Mamma che bontà questa ricetta! soffice e delicata...sublime!
    baci baci

    RispondiElimina
  2. Buonissimo! Un pezzetto per me?
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  3. E' un vero spettacolo ! Quanto sei ingegnosa !
    Un bacione

    RispondiElimina
  4. Buono e soffice! praticamente da divorare....tienilo pronto che passo per un assaggio :-) Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  5. Ma sai che così risulta una colomba già "porzionata"? Carinissima l'idea! Auguroni!

    RispondiElimina
  6. Tesoro mi sa che sia meglio anche di una colomba! Buona Pasqua ed un abbraccio stretto stretto

    RispondiElimina
  7. ...Faustidda carissima, questa te la copio! Il danubio colombato è un'idea veramente fantastica, bravissima come sempre
    E ovviamente, un augurio affettuoso per una pasqua serena ed all'insegna del tempo tiepido che arriva!

    RispondiElimina
  8. E' meraviglioso e fantastico per sostituire la colomba! Buona pasqua!

    RispondiElimina
  9. fantasticooooo ti auguro una buona PASQUA

    RispondiElimina
  10. Che fameeeeee, poi adoro la glassa!!!!!

    buona Pasqua!!!!!!!

    RispondiElimina
  11. Bellissimo.....con tutte quelle belle palline da staccare!!! mi piace molto più della solita colomba!!! Grazie dell'idea e buona Pasqua!!! ciao

    RispondiElimina
  12. Ma bastaunpo' con 'ste balette?? Sono quelle che ti sono avanzate dal pane che hai rubato a quelle povere scimmiette??

    RispondiElimina
  13. Che belle queste palline vien voglia di staccarle e mangiarle, sei sempre brava cara :-)

    RispondiElimina
  14. Una di quelle "palline" la staccherei proprio subito! Sembrano delle piccole piume di sofficità :) Un bacione, tanti auguri di buona Pasqua anche a te

    RispondiElimina
  15. E chi l'ha detto che il dolce pasquale deve avere la classica forma della Colomba? È bello poter personalizzare la tradizione suggerendo sempre qualcosa di nuovo.
    Questo lievitato ti è venuto benissimo, urge carta e penna per prendere appunti. Peccato che il pan brioche farcito si sia bruciato... :-(
    Come sempre hai presentato la ricetta divinamente.
    Tantissimi Auguri per una serena Pasqua. Un bacione!

    RispondiElimina
  16. ma il tuo "quasi danubio" è deliziosissimo...mi piace forse più della colomba! con quei pezzi da staccare!ti è venuto una meraviglia!
    bacioni e una serena e felicissima Pasqua!

    RispondiElimina
  17. Potrei fare pazzie per quella glassa! La adoro!!!! Un bacio e buona Pasqua.

    RispondiElimina
  18. Fantastico,mi piace troppo.
    Domani sono invitata e se mi alzo di prima mattina lo preparo.
    Mi piacerebbe sapere la tua impressione sul ripieno di sola pasta di mandorla con scorzette candite.
    Intanto ti auguro una buona pasqua a te e famiglia,un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me è piaciuto tanto, in fondo mi sono ispirata almeno in parte alle "vere" colombe! Un abbraccio

      Elimina
  19. Ho un dubbio: nel latte dici di sciogliere il burro...ed il lievito non lo sciogli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io il lievito non lo sciolgo MAI, né lo "attivo" in acqua. Uso i comuni dadi di lievito di birra senza scioglierli in acqua e fargli fare la schiumetta. Impasto tutto insieme, facendo attenzione che il lievito non tocchi il sale. Funziona! Prova...

      Elimina
  20. ciao Fausta, complimenti davvero, questo mi sembra meglio della colomba, è di un morbido pazzesco.
    Io sono troppo pigra e cerco le cose super veloci. Quest'anno non ho voluto comperare la solita colomba confezionata pensando di fare qualcosa fatto in casa. Mi leggo bene il procedimento di questo dolce (ho letto solo dove hai scritto che è facile)e se è nelle mie capacità e possibilità ci provo.
    un bacione e Buona Pasqua carissima
    sabina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu i lievitati li fai sempre bene quindi sono sicura che questo ti riuscirà benissimo. Una buona pasqua anche a te

      Elimina
  21. Ecco perchè non ricevevo più gli aggiornamenti... non ero più fra i follower... mi mancavi.
    Auguri di buona Pasqua cara Fausta e perdona le mi assenza♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Marina, bentornata! Non mi ero che fossi sparita dai followers... pensavo solo che fossi molto molto occupata (anche a me succede di non avere il tempo di visitare tutti i blog che vorrei... purtroppo!). Sono contentissima del tuo "ritorno", un abbraccio

      Elimina
  22. Visto i miei disastri con la colomba ripiegherò volentieri su questo dolce che non mi dispiace affatto!!

    Buona Pasqua, cara Fausta!!

    loredana

    RispondiElimina
  23. E' soffice e bella a vedersi.
    Buona Pasqua Fausta.

    RispondiElimina
  24. ...e la peppa!!!!!, se riesci a trasformare anche un danubio in una simil colomba sei proprio il masssimo. Tantissimi auguri di una Buona Pasqua.

    RispondiElimina
  25. A me sembra proprio ok ed è un gran bel danubio colombiano! Tanti auguri di buona Pasqua!

    RispondiElimina
  26. una meraviglia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Buona PAsqua tesoro a te e ai tuoi cari!

    RispondiElimina
  27. Buono buono!!!! I tuoi esperimenti culinari sono sempre fantastici!
    Che soffice interno... Mi fai venire voglia di provarlo!
    Buona Pasqua cara! Un bacione!!! 😘

    RispondiElimina
  28. The food looks delicious and this collection is amazing

    RispondiElimina
  29. Che bonta!Buona Pasqua,carissima!Un bacione forte da Grecia!

    RispondiElimina
  30. Mamma che favola.. danubio o no.. focaccia.. chiamiamola come vuoi, ma è gioia per gli occhi.. peccato no poter allungare la mano! tanti auguri cara
    Luisa

    RispondiElimina
  31. bella bella questa colomba alternativa e il ripieno....una favola!!! Buona Pasquetta...con la Pasqua sono in ritardo!!! Bacioni

    RispondiElimina
  32. ci affonderei il muso... io non amo la colomba, e questa tua versione è spettacolare....
    gnammete!

    RispondiElimina
  33. questo lievitato che è quasi un danubio ma anche quasi una colomba è così bello e, si intuisce, profumato, che lo rifarei anche oggi!

    RispondiElimina
  34. Ecco perché me lo ero perso...ero di ritorno dal Molise malataaa....ma che meraviglia, e che imbarazzo essere stat la causa di una disattenzione (ma mi sono sentita anche un po' orgogliosa...eheheheh) . Non sai quanto mi faccia piacere sapere che certe passioni possono essere condivise. Di certo con te condivido una forte empatia. Ti abbraccio cara, e grazie di cuore. Una buona domenica ( domani sarò a Genova con un gruppo). Baci, Pat

    RispondiElimina