Passa ai contenuti principali

torta bilbolbul geneticamente modificata




Tranquilli! Qui non c'è nessun OGM, ma questa torta nasce pur sempre da un esperimento, un MIO esperimento.
Per farla breve qualche tempo fa ho provato a fare una Red velvet senza utilizzare coloranti artificiali... il risultato non è stato proprio soddisfacente ma pazienza. Non mi sono persa d'animo ed ho cominciato a studiare seriamente. Come scrivevo già in quel post, la famosa torta rossa nacque a causa dell'incontro delle antocianine contenute nel cacao e degli acidi del latticello e dell'aceto. Una reazione chimica in poche parole... ed una bella scoperta; chissà il cuoco che la fece per primo che bella sorpresa si ritrovò. Peccato che attualmente molti tipi di cacao siano "dutch processed", subiscono cioè un trattamento con degli alcali al fine di eliminare l'acidità. Con quel cacao la Red velvet non è più molto "red", anzi, non lo è per nulla e diventa una "banale" torta al cacao.
Ecco, io non sono certo un "piccolo chimico", per cui sono andata da chi ne sa, ho chiesto, ho ottenuto una risposta: se il cacao può essere trattato (non tutti lo sono, ma io come faccio a riconoscerli?) il cioccolato non lo è mai, quindi... se si usa un cioccolato al 99% la reazione è possibile!
Per farla breve mi serviva un ambiente sufficientemente acido (il latticello qui non si trova, l'aceto mi rende un po' dubbiosa... però, magari, limone e yogurth...) e che avesse meno contenuto alcalino possibile (uova, ad esempio). L'unica torta "senza niente" che conosco è la bilbolbul: niente uova; latte sostituibile con yogurt, cacao con cioccolato. Cioccolato al 99% non ne ho trovato, mi sono accontentata di quello al 90% e se l'esperimento non è riuscito per niente :((... almeno abbiamo mangiato una torta buona davvero!!!  
L'ho già fatta due o tre volte con dosi leggermente diverse e viene sempre! Le variazioni le metto tra parentesi. 




 Ingredienti:

100 grammi di cioccolato al 90% (oppure all'85 o all'80)
200 grammi di farina
200 grammi di zucchero
170 grammi (una confezione) di yogurt greco (oppure 150 di yogurt alla frutta)
il succo di mezzo limone (facoltativo)
il succo di un'arancia (120 grammi c.ca)
latte q.b. (circa 150 grammi)
una bustina di lievito
100 grammi di noci tritate grossolanamente (o nocciole)


Esecuzione:
fate sciogliere il cioccolato con 100 grammi di latte; procedete a fuoco lento per evitare che il cioccolato si attacchi al fondo del padellino e bruci. Quando il composto sarà ben amalgamato spegnete ed aggiungete il succo d'arancia e di limone e lo yogurt.
Setacciate la farina in una ciotola, aggiungete lo zucchero ed il composto al cioccolato ed amalgamate (dapprima a bassa velocità) con le fruste elettriche, o a mano, finché otterrete un composto liscio e senza grumi. Per ottenere il "giusto" impasto dovrete sicuramente aggiungere ancora del latte (circa i 50 grammi tenuti da parte); fatelo poco alla volta in modo da non ritrovarvi con un composto troppo liquido.
Aggiungete il lievito, amalgamate e da ultimo incorporate le noci tritate, tenendone qualcuna da parte per la decorazione.
Versate il composto in una teglia imburrata ed infarinata, cospargete con le ultime noci ed infornate a 180 gradi per 30 minuti circa. 

Tutte le volte che ho utilizzato questa miscela (tre volte facendo dei cupcakes più questa torta) ho notato che ad un certo punto, dopo la lievitazione iniziale, in centro l'impasto comincia ad abbassarsi. Poiché non mi succede MAI con altre torte ne ho dedotto che è questo impasto che provoca questo tipo di reazione, forse per la rpesenza del cioccolato in assenza di uova "a sostegno". D'altra parte succede anche per la caprese... no???


Commenti

  1. Imparo sempre cose nuove quando passo di qua! :o) Grazie e complimenti per la torta che deve essere buonissima Buon we

    RispondiElimina
  2. Beh hai studiato e dalla foto mi sembra bellissima e gustosissima, forse hai ragione, è la mancanza dell'uovo ma non saprei...buon week end! bellissima

    RispondiElimina
  3. Che bontà :) brava! Continua pure con i tuoi esperimenti che ne escono delle delizie :)

    RispondiElimina
  4. ciao, fantastica questa torta e poi tutta genuina che è pure meglio!
    baci baci

    RispondiElimina
  5. La sperimentazione e' un'arma vincente, certo c'e' una buona dose di rischio, ma se va bene, magari non si ottiene proprio ciò che si aveva in mente, ma qualcosa di altrettanto eccezionale come in questo caso ! Non deludi mai :) un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Sarà che ho una base chimica ma questi esperimenti mi intrigano da morire! Posso dirti la mia? Credo sarebbe venuta più "rossa" se avessi usato bicarbonato come agente lievitante e acqua come liquido. Se il cioccolato non è trattato, per sua natura è "acido" e nella ricetta come l'hai modificata manca una base con cui reagire, tutto l'ambiente è "acido". Ma anche se
    l'esperimento colore sarà "fallito" ma di sicuro non quello "golosità", la fetta è tentatrice abbestia:D! Baci, buon week end

    P.S. se ti va leggi qui. Questo libro è bellissimo ^_^

    RispondiElimina
  7. Questa torta è bellissima così, con il suo bel color cioccolato! :)
    Un bacione e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  8. Che bella!! La torta bilbolbul la faceva sempre una mia amica ed è una vita che non la mangio!! Mamma mia che nostalgia di assaporare quel sapore!!! Proverò sicuramente la tua variazione perchè mi fido ciecamente dei tuoi esperimenti...Un bacione cara e peccato non poterla assaggiare!!

    RispondiElimina
  9. E' bello leggere i tuoi post, ogni volta imparo qualcosa in più!

    RispondiElimina
  10. Beh guarda, l'esperimento non sarà riuscito, ma hai tirato fuori una torta a dir poco meravigliosa! Quanto ne vorrei una fetta! *_*

    RispondiElimina
  11. Posso dire solo... WOW!!!
    Buonissimaaaa:)
    Ricetta rubata!

    RispondiElimina
  12. Altro che piccolo chimico, qui viene fuori la scienziata che è in te! Mi piace questo tuo tentare sempre di approfondire non fermandoti al primo intoppo... Brava Fausta, ti auguro un buon fine settimana!

    RispondiElimina
  13. Tu continua a fare esperimenti....se ti riescono tutti così andiamo a nozze!!! copio e proverò questa delizia....e magari alla fine ci riuscirai ad ottenere un bel rosso!!! un abbraccio!!

    RispondiElimina
  14. Vabbè, se non sei capace, finiscila, no? Guarda che lo dico per il tuo bene...
    Questa versione della tortidda bigbabol mi sconfinfera...

    RispondiElimina
  15. ciao cara....già immagino la tua cucina trasformata in piccolo laboratorio chimico!!! però....ben vengano questi esperimenti deliziosissimi! da provare questa bilbolbul!!!
    bacioni

    RispondiElimina
  16. Cara Fausta, mi diverte tanto leggere i tuoi esperimenti, anche quando non riescono nel colore, ma sono sicuramente ottimi nel sapore!

    buon we

    loredana

    RispondiElimina
  17. Carissima, leggo affascinata di tutti i tuoi studi... sei sempre la numero 1!!! ne sai una più del diavolo... e uqesta torta è fenomenale!!!

    RispondiElimina
  18. bellissima questa versione della bilbolboul al cioccolato.
    ma poi sei riuscita a scoprire perché non si colora di rosso?

    RispondiElimina
  19. wow..pazzesca...con le noci poi è uno spettacolo!!

    RispondiElimina
  20. Bressanini è un mito...spesso me lo leggo e rileggo...ma tu non sei da meno!!!!
    La bilbolbul me l'ero salvata ma non sono ancora riuscita a provarla questa è golosissima ....mi piace questa GM!
    Non è che forse il cioccolato ha poche antocianine? In fin dei conti il cacao è legato al burro di cacao...e provare con bucce di uva rossa, strizzate??? certo il gusto è diverso.....
    bacioni e comunque questa torta è fantastica!!!!

    RispondiElimina
  21. un gran bel dolce favoloso, una leccornia,ciao un bacione e buon fine settimana:)

    RispondiElimina
  22. una volta l'ho fatta anche io ma non cosi'non c'era lo yogurt ora mi incuriosisci e voglio provarla!!! bacioni

    RispondiElimina
  23. Al contrario di Tinny, io ti dico di continuare con gli esperimenti ogni volta crei una torta fantastica!!!! BRAVISSIMA!!!
    BACIONI

    RispondiElimina
  24. Non so aiutarti con le reazioni chimiche perché sono scarsa in materia... :-) però da vera golosa di cioccolato posso assicurarti che questa torta è assolutamente fantastica.
    L'ho preparata anch'io, nella classica versione, ed è buonissima. Immagino che sia squisita anche con tutte le varianti che hai apportato.
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  25. Complimenti per esserti applicata a mò da piccolo chimico, anche io ho sempre cercato di scoprire cosa si nasconde dietro certi elementi in pasticceria e panificazione, cosa produce cosa. ...se mischiato a cos'altro! ... Mi segno le idee e chissà che non ci provi pure io! Bravissima e questa torta è comunque favolosa!!!!
    Terry

    RispondiElimina
  26. Ricordo il post sulla red velvet... non ti sei data pace, eh? :o)
    In ogni caso questa torta suscita tutto il mio interesse!

    RispondiElimina
  27. ma come mi incuriosisce però....l'aspetto è fantastico e gli ingredienti, insoliti e stuzzicanti...

    RispondiElimina
  28. non conoscevo la versione originale.. ma mi segno subito il tuo esperimento :) mi ispira propriooooooooooo, buona settimana! vale

    RispondiElimina
  29. Grande invidia il tuo filo diretto con gli scienziati...io non sono uno scienziato ma vivo in laboratorio ...ogni giorno... se hai bisogno di sperimentazioni ti aiuto molto volentieri...il mio laboratorio è al tuo servizio..fammi sapere, bacioni!!!!!

    RispondiElimina
  30. Mi e venuta una fame enorme!\Questa torta e una meraviglia!bravissima,carina!Un bacione!

    RispondiElimina
  31. veramente strepitosa,questa torta!!complimenti e baci ;0))

    RispondiElimina
  32. Ciao! non siamo molto eepr i dolci di cioccolato, ma qui gli agrumi e lo yogurt giocano un buon ruolo per smorzare il sapore, a volte pesante, del cioccolato!
    le nocciole poi danno un'aggiunta croccantina che ci stà benone!
    ok, ci risentiamo per la merenda ;)
    baci baci

    RispondiElimina
  33. Modificata, non modificata, rossa, nera, con o senza limone. A me sembra una torta "coi fiocchi"!!! E già ne ho divorata metà - purtroppo solo virtualmente!!!

    RispondiElimina
  34. mammamia! immagino i commenti della Tinnyna , sarà impazzita e farà su e giù come uno yo-yo!! sei la mia piccola chimica preferita ;-) torta grandiosa per chi ama lo chocolat noir come me! baciiii :-X

    RispondiElimina
  35. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  36. Ciao Fausta, grazie per essere passata a trovarmi, sei un tesoro, purtroppo è un periodo un po' strambo tanto che non riesco neanche a concentrarmi sul mio passatempo preferito, preparare dolci, passerà! Un abbraccio

    RispondiElimina
  37. Guardate che a giocare al piccolo chimichiddo son capaci tutti...poi quando esploderà la cucina, si incendierà la casa, marito (quel sant'uomo!) e gatta saranno costretti a star seduti sui gradini del terrazzo ad aspettare i pompieri, io non potrò far altro che confermare il mio "Ve l'avevo detto...!"

    RispondiElimina
  38. Al piccolo chimico gli fai un baffo!!! Super questa ricetta, bravissima!

    RispondiElimina
  39. ma tu così ci fai svenire una golosita' da paura

    RispondiElimina
  40. Hai aumentato la golosaggine della torta bidibibodibibu! Che buona tanto cioccolatosa!

    RispondiElimina
  41. un finale ...stragoloso...
    baci

    RispondiElimina
  42. sempre troppo simpatica.
    ma troppo, però!!!

    RispondiElimina

Posta un commento