Passa ai contenuti principali

clafoutis in crosta



Il clafoutis; un dolce che a me non è mai piaciuto granché, lo confesso.
Eppure... nel libro del dolce di Ladurée (quel bel regalo di Natale, confezionato in un cofanetto verde pallido, lettere ricamate a oro, velina interna glicine, che pare una scatola di cioccolatini di gran marca... beh, sì, proprio quello) il clafoutis diventa un dolce di tutto rispetto, ai miei occhi. Insomma, lui ne fa due versioni quella "tradizionale" (a modo suo, ovvio) e quella in crosta di frolla. Messa davanti all'alternativa cosa scelgo? Quello in crosta. Naturale, no?
Ebbene, questo bel guscio esterno, fragile ma croccantino e la giunta di panna accanto al latte donano al dolce quel "quid" in più che a mio parere mancava e che me lo ha fatto apprezzare fino all'ultima briciola.
Poiché il "ripieno" era comunque un po' troppo, ho utilizzato l'avanzo per un mini clafoutis senza guscio (insomma, alla fine ci sono "scappate" entrambe le versioni!). Niente male, ma per i renitenti sottolineo che la versione "frollosa" è stata quella unanimemente più apprezzata.
Precisazione: la "frattura" che si è formata tra la "crosta" ed il ripieno credo sia dovuta ad una cottura troppo rapida (forse conveniva infornare ad una temperatura più bassa); però devo dire che anche il clafoutis di Ladurée presenta la medesima frattura, anche se un po' più contenuta; quindi... mi promuovo.


Ingredienti (per una teglia da 20 cm circa di diametro e per un mini clafoutis senza guscio):
300 grammi di pasta frolla (la vostra ricetta preferita; io ho utilizzato la mia, questa)   
300 grammi di ciliegie (pesate col nocciolo)
2 uova
30 grammi di farina
20 grammi di maizena
100 grammi di zucchero
100 grammi di latte
150 grammi di panna (da montare)
scorza di mezzo limone


Esecuzione:
foderate la tortiera con la frolla e bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta. Coprite con alluminio o carta forno, riempite di fagioli (o le sferette di porcellana) e cuocete a 180 gradi per 15/20 minuti. Al termine togliete la teglia dal forno, attendete qualche istante per evitare scottature, togliete fagioli ed alluminio e infornate nuovamente per un paio di minuti, in modo da far asciugare anche la superficie della pasta.
Nel frattempo preparate il ripeno:
mischiate lo zucchero con la scorzetta di limone, aggiungete la maizena e la farina, unite le uova e sbattete bene fino ad ottenere un composto senza grumi. Aggiungete latte e panna ed amalgamate.
Disponete le ciliegie (meglio se col nocciolo) sul fondo della frolla già cotta, versate il composto di uova ed infornate il tutto (meglio se a 160 gradi) per 40 minuti, fino a leggera coloritura (il ripieno risulterà consistente, al tatto). 
Gustate possibilmente tiepido (ma anche freddo è ottimo).

Commenti

  1. carissima, devo dire che pure ame il clafoutis classico non ha entusiasmato, l'ho fatto una sola volta e ti confesso che a casa mia è tra i pochi dolci che non sono finiti, tranne che in pattumiera :( Invece, avendo quella volta avanzato un po' di crema avevo fatto belle monoporzioni con la frolla... quelle hanno avuto un poco più successo!
    un'altro filo che ci lega :)
    baci!

    RispondiElimina
  2. guarda, frattura o non frattura, io una fetta la gradirei

    RispondiElimina
  3. Dai, visto che siamo in vena di sincerità neanche a me ha mai attirato, e forse per questo non l'ho mai provato...un pò come il crumble...chissà perchè!
    Certo per una versione di Ladurée potrei fare un sacrificio ;-)
    ciao
    Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il crumbre per me è bjuonissimo! (molto meglio del clafou amche se questo era ottimo). Ciao

      Elimina
  4. Pazienza per la frattura...io una bella fetta la gradirei !!!!
    Ciao da una tua nuova follower ;-)

    RispondiElimina
  5. Il clafoutis l'ho fatto solo due volte. La prima è stata per l'indigestione della pattumiera, una schifezza completa. Però la colpa era delle ciliege, belle quanto vuoi ma praticamente insapori e peggiorate ulteriormente con la cottura. La seconda è andata meglio, l'indigestione l'ha rischiata la cavia :) Ma a me sinceramente non fa impazzire, se devo scegliere preferisco una bella coppa di crema pasticcera addizionata di ciliege. La versione in crosta credo mi soddisferebbe di più. Ma sai che non l'avevo notata sul libro di Ladureè? Un bacione, buona serata

    RispondiElimina
  6. Credo proprio che avrei optato anch'io per la versione in crosta...a vederla è davvero deliziosa! :)

    RispondiElimina
  7. Anche io promuovo questa versione in crosta. A vederlo viene voglia di mangiarlo.

    RispondiElimina
  8. Solo vedendo le foto mi sembra un capolavoro! Mi immagino cosa sia a gustarlo :)

    bacione

    RispondiElimina
  9. A dire la verità a me è piaciuto tanto,proverò anche la tua versione!!

    RispondiElimina
  10. Non ho mai fatto un clafoutis ma l'ho assaggiato e non mi aveva conquistato un granché però il tuo ha un qualcosa che mi attira, intanto mi segno la ricetta.

    RispondiElimina
  11. ohsiggnoremio che spettacolo!! mai pensato di farla in crosta ;-) ma tu sei geniale..saranno i morsi della fame dovuti alla dieta ferrea a cui, vedo, ti stai sottoponendo?? e poi mi dovrei vergognare io?? m'aspettavo fagiolini e fettina di pollo scallàta ;-) baciuzzi :-XX

    RispondiElimina
  12. Fantasticoooooo!!!!! Mi ispira molto più di quelli classici!!! Ciao ciao

    RispondiElimina
  13. la clafoutis è un dolce strepitoso.. questa tua versione è la dolcezza cremosa racchiusa in un guscio croccante..la rende ancor più speciale! foto incredibili! brava.. come sempre
    baciotti
    luisa

    RispondiElimina
  14. a vederlo questo claufotis sembra deliziosissimo e si mangia con gli occhi...beh...sono proprio tentata a farlo!
    bacioni

    RispondiElimina
  15. questa versione in crosta secondo me è più buona della classica

    RispondiElimina
  16. che bello! chissà perché s'è formato il solco. anche a me è capitato con preparazioni di frolla e crema, dici che si tratta della temperatura?? cmq il clafoutis io lo feci una volta con le pere, avanzò e lo buttai. con le ciliegie, da allora, non ho mai osato farlo. Eppure a vederlo è così invitante. Decisamente intrigante la versione con la frolla, yum!

    RispondiElimina
  17. Che meraviglia! Davvero incantevole e "succulento"!!!
    Bravissima :)

    RispondiElimina
  18. AHAHAHAHAHAHAH ti si è rottaaaaa AHAHAHAHHAHAHAHAH!!!
    Se non conosci i tempi &/o le modalità di cottura, fai dell'altro!
    Tienti quella bella scatolina verde smeraldo con le sfumature in glicine, i bordi dorati ed il fiocco brillantato e mettici dentro i ritaglietti del punto croce, và!
    ...Baciniiii.
    P.S. la mia seconda personalità di quelle 23 che ho mi sta suggerendo di dirti che sei bravissima...mah!

    RispondiElimina
  19. Non l'ho mai fatto ma pensavo fosse buonissimo... leggendo tutti questi commenti "contro" credo proprio che me lo risparmierò! Resta il fatto che questa versione in crosta ha l'aria di essere deliziosa con quel solchetto regolare ;)

    RispondiElimina
  20. Non ho mai mangiato il clafoutis, ma la tua torta mi ispira davvero tanto!!!!

    RispondiElimina
  21. solo a guardarla bucherei lo schermo per una fetta

    RispondiElimina
  22. Ma.....è da mangiare subito subito... è bellissimo!

    RispondiElimina
  23. e meno male,che non ti attirava;Fausta!!e ne hai reso,un dolce fantastico!!!!figurt....se ti fosse piaciuto tanto tanto..le meravigliose immagini,rendono alla grande,l'idea di eccezionale bonta'!!complimenti di cuore ;0))


    p.s fammi un fischio,quando trovi le zucchine..^;*le cuciniamo insieme??magari :)))

    RispondiElimina
  24. Ma che buonooo! Ne ho fatto uno simile anche io anno scorso, ti dirò, a me piace più con la crosta che senza!

    RispondiElimina
  25. Ma dai!!!! Ma è una MERAVIGLIA!!!!
    Mai fatto ma a vedere questo mi viene una voglia!!!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  26. E ti promuovo anche io!!!!!!!! Mi hai fatto conoscere un dolce che non conoscevo proprio ( quel meraviglioso libro-gioiello purtroppo non ce l'ho!! ) e l' idea del clafoutis nella crosta mi piace assai!!! La proverò di sicuro...Un bacio grande!!!

    RispondiElimina
  27. A me piace invece la clafoutis non la faccio spesso perché sarà sciocco ma i dolci al cucchiaio non mi danno soddisfazione a mangiarli come una fetta anche se mi piacciono! Pero' ora provo con il "guscio" perché mi intriga:-) baci

    RispondiElimina
  28. Direi promossa a pieni voti. Non ho mai fatto questo dolce perchè mi ispirava poco, ma con la crosticina croccante di frolla tutto attorno mi attira mooooooooooolto di più.
    Bacio cara, e buona giornata

    RispondiElimina
  29. Ciao cara! Devo dire che, mea culpa, non ho ancora provato a realizzare un dolce di Laduree. Ogni volta che mi trovo ad acquistare un libro di cucina (e ne compro 3 al mese!), il suo è sempre in cima alla lista ma alla fine, non so perchè, non l'ho mai preso. Forse il motivo è che, quelli di Montersino li ho praticamente tutti e ho seguito però solo poche sue ricette... Ho "paura" di ritrovare in Laduree troppe cose complicate... Ma prima o poi lo compro!!!
    Ti promuovo anche io a pieni voti x questo dolce!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  30. Anche a me il classico clafoutis mollacchio non mi fa impazzire, si buono ma niente di entusiasmante! invece questa versione con la frolla la preferisco di gran lunga e mi chiedo come sia possibile non averlo visto sul libro che peraltro ho???? e mi sa che questo week potrei cimentarmi in questa versione :-) brava come sempre cara, ti auguro un buon fine settimana :-)

    RispondiElimina
  31. Il clafoutis non l'ho mai assaggiato e ne tanto meno ho mai provato a farlo..questo tuo mi sembra davvero favoloso, e questo guscio croccantino attorno mi stuzzica parecchio :) Buona giornata !

    RispondiElimina
  32. che dolce meraviglioso, sei troppo brava!

    RispondiElimina
  33. Io invece avendo vissuto in Francia per vari motivi, ho sempre amato i clafoutis e sempre preparati tanti...ma questo capolavoro ancora non l'avevo mai visto!!!!!Cpome riesci a creare sempre capolavori ancora non l'ho scoperto e quindi non mi rimane altro che ammirarti, essere una tua fan sfegatata e...mandarmi un abbraccio!!!!!^_^

    RispondiElimina
  34. Il clafoutis non l'ho mai fatto, nè assaggiato.
    Il tuo mi ispira moltissimo. Mi segno la ricetta, nel caso volessi provare a farne uno!
    Invece il Libro di ladurée lo consigli? Io sono un po' fanatica di libri, li comprerei tutti... Qs che dici tu mi manca. Che dici vale la pena comprarlo?
    Ciao...

    RispondiElimina
  35. Una delle idee più belle mai lette fra i blog, sul serio!

    RispondiElimina
  36. incredibile: ho finito di cenare da 1 ora ma tu mi hai fatto venire un'acquolina mistruosa! e chissenefrega della antiestetica crepa: io mangio anche quella!!! ; )

    RispondiElimina
  37. Favoloso! Mai visto questo dolce in vita mia! Non ne ero a conoscenza, deve essere fantastico fatto con la pasta frolla, la panna e tante altre golosità di cui mi ci sentirei male! Buon weekend.

    RispondiElimina
  38. Ciao Fausta, io ho mangiato il clafoutis di pesche, è possibile? Sicuramente non era in crosta però mi era piaciuto, questo tuo, con le ciliegie poi, mi piacerebbe di sicuro.
    Una buonanotte, a presto. Ti vedo bella produttiva in questo periodo, mi fa piacere. Baci

    RispondiElimina
  39. Anche a me il clafoutis non fa proprio impazzire (una frittata con la frutta!!!). Ogni tanto provo una nuova versione ma resto sempre della stessa idea.La tua ricetta è diversa,da provare.
    Buon fine settimana a te.

    RispondiElimina
  40. Che bella versione!! Io invece lo amo il clafoutis, e provo di certo anche questa versione...anzi, mi pare di sentirne il saporino...!! Ciao, buon we!!

    RispondiElimina
  41. Splendido, questo dolce manca nel mio libro di ricette e magari, in questa versione, lo provo...
    promossa con 110 e lode!!!

    RispondiElimina
  42. Be', in crosta è decisamente un'altra cosa! Perché quando ho assaggiato il clafoutis per la prima volta (gli ho anche dedicato un post) non è che l'abbia trovato poi l'ottava meraviglia del mondo, come i nostri cuginetti francesi vorrebbero far credere :-D Buono, sì... per carità... una specie di frittata dolce che ho mangiato anche volentieri, ma sempre frittata rimane :-) Proverò questa tua ricetta che mi incuriosisce parecchio. Cerca di passare a trovarmi, Faustidda, è da un po' che latiti! Altrimenti dovrò pensare che da quando sei diventata importante non ti ricordi più delle antiche... compagne di merenda :-D :-D :-D

    RispondiElimina
  43. sicuramente una versione particolere e molto chic!

    RispondiElimina
  44. Bello il clafoutis con la pastafrolla!!Sicuramente ottimo!Ciao, buon fine settimana.

    RispondiElimina
  45. Ciao Fausta, ricordo che un milione di anni fa ho provato a fare un clafoutis, esperienza disastrosa sembrava una frittata! Da allora guardo a questo dolce con sospetto ma il tuo sembra veramente buono!

    RispondiElimina
  46. non servono commenti...la foto parla da se!

    RispondiElimina
  47. ah guarda se c'è la stessa frattura di Laudrée ti promuovo anche io :)) ottima versione con la frolla, io la devo ancora fare per la prima volta mi sa che mi lancio sulla tua! che foto e che fette...superbe!

    RispondiElimina
  48. L'idea della crosta è geniale, trovo che davvero renda il clafoutis gradevole anche a chi lo trova troppo "budinoso"... (non io, a me piace comunque!^^).... bello, bellissimo!

    RispondiElimina
  49. Cosa vedono i miei occhi???una super delizia chiccosa!!!brava ^^

    RispondiElimina
  50. Bellissimo da vedere,e buonissimo da mangiare!Bravissima!Buona giornata,carina!

    RispondiElimina
  51. che meraviglia, sto per svenireeeeeeeeeeeeeeeeeee!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  52. Promossa a pieni voti!!! A me sembra meravigliosa questa tua clafoutis. Ho anch'io quel libro, ma non mi era caduto l'occhio su questo dolce, devo riguardare con più attenzione!
    Un bacione.

    RispondiElimina
  53. Ciao Fausta che piacere sentirti!!Leggo che sei a dieta,bravissima.Io ho tutte le scuse per non iniziare mai una dieta...per ora viaggio,faccio esami di stato fuori Trapani ed alzandomi alle 5.30 mi metto in forza,di prima mattina, con un bel panino pieno di mortadella...poi proseguo a scuola con gelati e/o granite con brioches...poi...meglio che non ti dica altro altrimenti inorridisci!!!!!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  54. Il clafoutis mi piace perché mi riporta all'idea che ho della Francia e della sua pasticceria anche se a livello gustativo, se non è fatto più che bene, sembra un frittatone con la frutta. Mio marito lo detesta. Ma credo che nella versione di Ladurée (ho anche io quel libro e per me è sacro!) sia super convincente. Infatti basta che ci sia un granello di frolla che in casa mia tutti fanno festa, io per prima.
    In ogni caso le tue presentazioni sono così belle che l'unica cosa che viene voglia di fare è provare immediatamente. Sei iperconvincente.
    Ti mando un abbraccione come sempre, Pat

    RispondiElimina

Posta un commento