Passa ai contenuti principali

cupcakes all'anice con swiss meringue buttercream




Avete presente una buona lettura? Beh, se ce l'avete non acquistate questo libro.
L'autrice, Franca Foffo, mal si destreggia tra i fornelli e questo niente sarebbe se almeno il suo libro mantenesse quel che la copertina promette: di essere elettrizzante, frizzante ed ironico; in realtà l'impressione che suscita è tutt'altra: patetico e banalotto.



Le oltre 180 pagine di diario dell'autrice/protagonista, da leggersi in 20 minuti  (ma quante battute sono???), tentano di condurci in un mondo fatto di grandi firme della moda italiana e shopping, amori finiti (consoliamoci col cioccolato), pseudo-consigli risibili e scontati, il tutto condito da "piccole perle di saggezza", citazioni di Wilde, Goethe, Baudelaire, De Sanctis ecc ecc. Vien da pensare che il libro sia stato costruito intorno a questi aforismi scovati casualmente qua e là, non viceversa.
O forse no, sono un po' una malalingua.
Franca Foffo sembra essere un'accanita lettrice tant'è che ci fa sapere che quando si reca agli appuntamenti con l'editor porta sempre con sé un bel libro, caso mai dovesse ingannare l'attesa. Il titolo non ci è noto, ma se tanto mi dà tanto, che sia "Teddy va all'asilo"? Lo sospetto.
Letture impegnate, insomma ed i risultati si vedono in questa che è già la seconda pubbicazione (non oso pensare alla prima!); prendo atto che, a meno di una svista, almeno non ci sono errori grammaticali.    
Tralascio i commenti di qualche invidioso ("andare a lavorare nooo???") e vado al sodo; la giovane rampolla di una famiglia-bene romana dedica molto tempo alla cucina ed in particolare alla preparazione di dolci. Non manca mai il calcolo delle calorie ma non sentiamoci in colpa se cadiamo in tentazione, tanto poi basta una bella corsa o quell'oretta di ginnastica. Difficile, peraltro, cadere in tentazione con queste ricette, ho infatti penato abbastanza per trovarne una che avesse almeno un particolare un po' intrigante... e vedrete che ricetta!
Tutte le preparazioni sono corredate da foto, peccato che, a guardar bene, credo proprio che le foto siano di repertorio (la ricetta della torta di mele non ha traccia di quel guscio di frolla presente nell'immagine, la "multipiano" da cerimonia non credo proprio sia rivestita da una semplice glassa reale come scritto nella ricetta, piuttosto da pasta di zucchero... e così via).
Una breve incursione della sorella, nota ristoratrice, ci fa capire quanto sia arduo vivere in certi ambienti dove sembra quasi una stranezza non usare il botox o non aver (ancora) bisogno di protesi al silicone.
Insomma, un libro tutto da leggere e da gustare alla modica cifra di 19 Euro (a me è stato regalato ma se penso che "un Camilleri" ne costa 16 sarei quasi disgustata se non prevalesse l'indignazione...) con tanto di test finale dal quale risulta che io e la cucina proprio no, non siamo in sintonia, non ci prendo, inutile insistere.
Vabbè, tant'è che ci ho provato lo stesso ed ho fatto questa torta. Una "sette vasetti" con una piccola variazione (almeno quella!), la giunta di sciroppo.
Per non copiarla proprio uguale ho sostituito lo sciroppo di menta con quello all'anice e, tanto per provare un'ebbrezza diversa, ho cotto il tutto come monoporzione "glassando" poi con una buttercream alla meringa svizzera. aromatizzata, anch'essa, con anice.


Era la prima volta che facevo questo tipo di "frosting" e ne sono rimasta conquistata... d'ora in poi sarà il mio preferito (naturalmente non ho preso la ricetta dal libro in questione...)! Il sapore è niente male, sempre che piaccia l'anice e quella tinta verdina è assolutamente intrigante...
Ah, volete sapere che fine ha fatto il libro?
Cestinato... con le sue pagine patinate non andava neanche bene per accendere il forno a legna.


Ingredienti:
un vasetto di yogurt naturale
un vasetto di zucchero
mezzo vasetto di olio (io e.v.o. taggiasco)
un vasetto di sciroppo di anice (o menta)
4 vasetti di farina
3 uova
una bustina di lievito
un pizzico di sale
per il "frosting" (ho seguito questa ricetta)
3 albumi
180 grammi di zucchero
500 ml di panna da montare (da cui ho ricavato circa 200 grammi di burro)
un paio di cucchiai di sciroppo di anice
qualche fiore di lavanda


Esecuzione:
montate le uova con lo zucchero; aggiungete l'olio, il sale, lo sciroppo e lo yogurt. Amalgamate bene poi unite la farina setacciata con il lievito. Versate il composto in una tortiera foderata con carta forno (oppure versate in stampini individuali imburrati ed infarinati) ed infornate a 180 gradi per circa 30 minuti. Fate la consueta prova stecchino.
Preparate la meringa svizzera "frustando" a bagnomaria gli albumi con lo zucchero. Una volta che lo zucchero sarà completamente sciolto (se avete un termometro la preparazione non dovrà superare i 65 gradi) togliete la ciotola dal bagnomaria e continuate a montare, possibilmente con le fruste elettriche, fino a completo raffreddamento. A questo punto aggiungete, poco alla volta, 200 grammi di burro morbido a tocchetti sempre continuando a montare. Ricordate che la meringa dovrà essere a temperatura ambiente, se dovesse essere calda il burro si scioglierà compromettendo la preparazione.
Io ho ricavato il burro dalla panna per avere un prodotto dal sapore delicato e più chiato, ma naturalmente potrete utilizzare la stessa quantità di burro già pronto in commercio. 
Quando la crema sarà morbida e ben amalgamata aromatizzate con un paio di cucchiai di sciroppo di anice.
Decorate le tortine con la "swiss meringue buttercream" e decorate spargendo qualche fiore di lavanda.







Commenti

  1. Delicatissime... e che presentazione!! Allestimento e fotografie splendide!! Brava, Pattipà

    RispondiElimina
  2. mi piace molto leggere ma questo libro, che peraltro ho visto in libreria, non so perchè ma non mi ha mai attratta sarà che immaginavo non ne valesse la pena acquistarlo?? ecco tu me ne hai data conferma!
    E nonostante dopo il test tu sia risultata una schiappa in cucina devo farti i complimenti per queste tortine deliziose e quel frosting di colore verdino che tanto mi fa gola! insomma niente male per una schiappa :-) Un abbraccio, Ros

    RispondiElimina
  3. che raffinate meraviglie.... la presentazione è come sempre impeccabile! hai proprio ragione quel delicatissimo verde intriga!!!!!

    RispondiElimina
  4. Delicate, eleganti..meravigliosamente invitanti! Bravissima!

    RispondiElimina
  5. Molto golose ...
    Un saluto dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  6. E dopo averlo sentito lodare a destra e a manca in giro per la rete...lo hai demolito su due piedi...il libro! Mitica :)) Se devo essere sincera non è che mi abbia mia tentato più di tanto (sarà forse la poca sintonia con il rosa? boh...) ora meno che mai. NOn ci azzecca nemmeno con i test! Vorrei essere anch'io una schiappa come te e avere questi magnifici risultati DA COPERTINA ^_^ L'anice lo adoro, mi riporta indietro nel tempo a quando ero bambina. E il tu frosting credo sia uno dei pochi di cui potrei innamorarmi. Baciotti, buona serata

    RispondiElimina
  7. Ahahahah mi hai fatta morir dal ridere con questo post..e mi hai convinta..non comprerò MAI questo libro :D...e poi, con chi te la vuoi prendere ??? Se tra te e la cucina non c'è feeling..è del tutto inutile insistere, non trovi ??? :) Magari potresti pensare ad una carriera come fotografa, vista la bellezza di questi scatti :DD ! Scherzi a parte, sono certa che con la tua rivisitazione, questi dolci siano buonissimi :)
    Un bacio grande e buona serata :)

    RispondiElimina
  8. Ah Ah Ah sto ancora ridendo!!! anche io l'ho visto idecantare in giro per il web come fosse una Bibbia della cucina e tu cosi' in 20 minuti ce lo smonti!!! chissa' perche' ti credo e te lo dico davvero! io amo leggere e dalla trama mi sembrava uno di quei libretti semplici che vanno ora per essere trendy:-) vabbe' dai ...
    Tu comunque ci fai sognare con il tuo frosting e hai sempre delle ricette da leggere e fare;-) bacioni

    RispondiElimina
  9. Una stroncatura a regola d'arte!!! :DDDD
    Ma quando ce vò, ce vò!
    Non basta pubblicare e fare tanta pubblicità per avere la garanzia di un prodotto editoriale valido, mi fido del tuo giudizio e salvo questa ricetta, verdina, ma molto molto graziosa!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  10. bellissimi, mi ci tufferei dentro!!!

    RispondiElimina
  11. eh caspiterina...se dal test ...tu e la cucina proprio no...beh allora quanto mi piacerebbe essere una pessima cuoca come te!!!! ma al diavolo il dolce della vita!!! sicurissimo mille volte meglio Camilleri!
    intanto passare da te ad ammirare queste foto è sempre un piacere immenso!!! le tue foto escono dallo schermo! e questi cupcakes devono essere deliziosi!

    P.S.: e pensare che avevo partecipato ad un contest dove il premio era proprio questo libro! mai piùùù!!!

    RispondiElimina
  12. fausta sono meravigliosi i tuoi cupcake, il frosting poi è sublime!!!! che voglia di affondarci i denti!!!! un bacio

    RispondiElimina
  13. lascia la finestra aperta che sta notte vengo in volo a papparmi tutti questi meravigliosi dolci:)

    RispondiElimina
  14. Mamma mia che demolita!! Ti dirò, io l'ho letto in anteprima e non mi è dispiaciuto..sicuramente non è una lettura impegnata, però ho passato un'oretta divertente leggendo una quotidianità così diversa dalla mia...
    Ho preparato proprio quella torta alla menta ed era davvero buonissima, è piaciuta molto infatti l'ho già rifatta molte volte. Comunque sia, se la tua opinione a riguardo è questa hai fatto più che bene ad esprimerla...ci sono sempre critiche positive e critiche negative! Ti abbraccio!!

    RispondiElimina
  15. certo che gli hai fatto una gran pubblicità a questo libro, non vedo l'ora di comprarlo ;-)
    per questi cupcakes sono deliziosi.

    e poi ... la meringa all'italiana, l'ho provata, quella francese, idem, mi manca la svizzera. mi toccherà rimediare? mi toccherà :-)

    RispondiElimina
  16. Io questa signora non l'ho mai sentita....poco male dunque!!! Non cercherò certo il libro, nemmeno per curiosità.....
    Invece questo frosting m'intriga assai!!...bisogna che me lo segni subito....baci.

    RispondiElimina
  17. Sono splendide, ma le foto di più!!!! hai fatto una vera magia, complimenti! Il libro è davvero simpatico anch'io ho pubblicato una ricetta...
    Sono passata per avvisarti che ho preso spunto da te..mia musa ispiratrice...e l'ho appena pubblicato... le mie foto sono davvero scialbette rispetto le tue e pensa che mi sono pure impegnata, alle 6,30 di stamattina sul terrazzo ...non c'è storia sono una frana... Grazie ancora e un bacione!

    RispondiElimina
  18. Sei un mito..lo dico sul serio..e non sollo perche crei capolavori culinari ma...per la persona che sei!!!!Troppo avantiiii:)))))Un abbraccio e..questo frosting lo proverò!!!!Un bacione!!!

    RispondiElimina
  19. a che meraviglia il tuo blog e questa ricetta e' fantastica. Ti seguo con piacere. Se ti va passa a trovarmi. Buona serata.
    http://dolciarmonie.blogspot.it/2012/06/chiamo-tutti-raccolta.html

    RispondiElimina
  20. Hai letto cosa ti hanno scritto? Che hai dei risultati da copertina.....non so se mi spiego! Tienilo a mente...
    Comunque, riguardo a"codesto libro di cui sopra", c'è stata qualcuna sul web che l'ha idolatrato ancora prima che uscisse, forse perchè aveva letto il primo e lo aveva trovato interessante (?).. A dire la verità mi hai fatto venire la curiosità di vedere e leggere tanta bruttezza! Però mi scoccia buttare via 19 euro. Ad ogni modo i tuoi cupcake sono una meraviglia, il frosting non l'ho mai fatto, proverò presto.
    Leggendo i commenti che ti sono arrivati ho notato che c'è sempre qualcuno che non legge i post!!!!
    Ciao, buona giornata....ti invio mail

    RispondiElimina
  21. Bravissima!Che dire!Le tue foto sono sempre stupende e mi fanno venire una fame enorme!Buona giornta,carina!

    RispondiElimina
  22. Ciao! Bravissima, anch'io non ho mai provato a fare il frosting...ho paura che venga una mezza schifezza ma vederlo qua nelle tue splendide fotografie mi mette curiosità Complimenti

    RispondiElimina
  23. Stupendeeeeee! mi piace tutto, l'aspetto, i colori, la presentazione... mi hai conquistata *_*

    RispondiElimina
  24. Sono fantastici questi cupckakes e che foto poi..assolutamente perfette. BRAVISSIMA!

    RispondiElimina
  25. l'avevo già visto ieri, questo dolcetto, e non ci ho dormito stanotte....

    RispondiElimina
  26. caspita, avevo sentito parlare in maniera entusiatica di questo libro...beh, grazie per avermi dato il tuo parere, ne terrò conto!
    Che dire dei tuoi tortini...?! Semplicemente meravigliosi! Chapeau!

    RispondiElimina
  27. ed io che amo il manuale di nonna papera e sto riproducendo alcune ricette...che riescono x altro...fino ad ora almeno...dici che ci sta il paragone?
    io sono proprio terra terra però...ma preferisco essere papera però....sai che come molte ero attratta dal libro...mi ha frenata il prezzo...qui ne costa 22...
    il tuo dolce è molto bello però ed elegante...ma ho capito che il tuo tocco non sbaglia mai...bravissima!

    RispondiElimina
  28. Yrma ha ragione!!! Sei avantiiiiiiiii!!!!!! Ho iniziato a leggere il tuo post, mi sono fermata e ho ricominciato a leggere dall'inizio, caso mai avessi letto male!!! Nooonooo, ho letto bene ^____^ !!!!
    Domani parto per il mare e come sai, sotto l'ombrellone si legge tantissimo!!! ..mi hai convinta il mio prossimo acquisto sarà: "Teddy va all'asilo". Grazie del consiglio!!!
    Meravigliosi cupcakes verdini (mio colore preferito), invitanti, golosi e perfettamente.. perfetti!!
    Si vede proprio che tu e la cucina non siete in sintonia!!!! O_o
    Bacioni enormi!!!!

    RispondiElimina
  29. Wow questi cupcakes sono davvero fantastici,complimenti mi sa che ti copio la ricetta! un bacio paola

    RispondiElimina
  30. Ma che meraviglia... gustarsi queste cupcakes con il profumo della lavanda che ti circonda deve essere come vivere un sogno.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  31. che bel blog, mi unisco ai tuoi lettori.
    passa a trovarmi:

    dolcementeinventando.blogspot.it

    RispondiElimina
  32. della serie:ormai mancano cani e gatti a scrivere libri..di tutta la tua storia,hanno attirato la mia attenzione,i magnifici cupcakes confezionati dalla "tua"fervida fantasia e non dalla ricetta della "scrittrice" e poi,dulcis in fundo,il fatto che tu abbia un forno a legna..^;*lo adorooooo!!compliemnti cara e felice weekend ;0))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao carissima... purtroppo ti devo deludere. Io non ho (ancora) il forno a legna; era solo una "licenza poetica"!!! Un abbraccio

      Elimina
  33. E' da un po' che desideravo passare a lasciarti un commento attratta da questo meraviglioso frosting...ma com'è splendido? Voglio provarlo assolutamente, liscio e setoso sembra paradisiaco. Ma poi mi sono messa a leggere il post e mi è venuto da sorridere. Apprezzo quando persone intelligenti e dotate di senso critico esprimono il proprio parere con onestà e coraggio. Non credo che serva avere peli sulla lingua per dire cosa si pensa. Io per esempio ho cordialmente detestato due libri che sono stati in cima alle classifiche per anni, tipo La solitudine dei numeri primi e Vai dove ti porta il cuore. Spero che ci darai delle belle dritte prossimamente. Nel frattempo, questa ricetta è veramente degna di nota! Ti abbraccio forte, Pat

    RispondiElimina
  34. Ciao Fausta!Complimenti per il tuo blog, mi piace molto,così come mi piacciono le tue foto. Ti abbraccio e ti auguro uno splendido fine settimana!:)

    RispondiElimina
  35. Lo vedi che mi hai costretta a tornare qui? I tuo commenti mi fanno sempre pensare ed ho voglia di dirti che Acciaio è uno dei libri che voglio leggere, perché mi è capitato tra le mani in libreria e come sempre io sono una di quelle che legge la prima pagina, e se l'incipit mi prende, allora sono prigioniera, devo leggerlo. Quella volta non lo comprai solo perché ne avevo altri 4 in mano e le mie tasche gridavano pietà, ma ricordo che era un libro esordiente di una giovanissima autrice e quell'inizio mi fulminò! Io sto leggendo " il profumo delle foglie di limone" e vorrei essere a casa tutto il giorno per finirlo. Mi sta piacendo molto. Ma volevo consigliarti un libro che sono certa ti piacerà e che ho letto qualche anno fa: "Vita" della Melania Mazzucco. Ha una scrittura magnifica e la storia è veramente intensa, vera, bellissima. Se tu come me e la maggioranza degli italiani, hai degli "ancestors" che se ne sono andati di qui a cercare fortuna in America, da quel libro puoi capire molte cose. Bellissimo, credimi. E dopo 'sto "papier" come diciamo noi, ti lascio al tuo week end, che sia bellissimo! Bacione grande. Pat

    RispondiElimina
  36. _____▒▒▒▒▒_____▒▒▒▒▒
    ____▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒
    ___▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒
    ____▒▒▒▒▒▓▓▓▓▓▒▒▒▒▒
    _▒▒▒▒▒▒▓▓▓▓▓▓▓▒▒▒▒▒▒
    ▒▒▒▒▒▒▒▓▓▓▓▓▓▓▓▒▒▒▒▒▒
    _▒▒▒▒▒▒▓▓▓▓▓▓▓▒▒▒▒▒▒
    ____▒▒▒▒▒▓▓▓▓▓▒▒▒▒▒
    ___▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒
    ____▒▒▒▒▒▒▒_▓▒▒▒▒▒▒▒
    _____▒▒▒▒▒_▓____▒▒▒▒▒
    ______▒▒▒__▓______▒▒▒
    ____________▓
    ___▓▓▓____▓
    _▓▓▓▓▓▓_▓
    ▓▓______▓▓
    _▓_______▓__▓▓▓▓▓
    __________▓_▓▓▓▓▓▓
    __________ ▓▓______▓▓
    __________ ▓________▓
    __________▓
    ___████████████
    _____█████████
    _____█████████
    ______ ███████
    ______ ███████
    Feliz fin de semana!
    ★MaRiBeL★

    RispondiElimina
  37. Ciao Faustidda, mi ero dimenticata quant'è divertente leggerti. Certo che è meglio averti per amica, 'sta poveraccia l'hai proprio distrutta senza pietà, ma mi sembra che se lo meriti, anche se non avrò modo di giudicare personalmente perchè certamente non comprerò il libro. D'altra parte quella copertina non mi attirava per niente, troppo leziosa.... Mi dispiace di non esser più passata da Pastina ma sono proprio messa male. Speriamo che dopo le vacanze le cose si rendano un po' più fluide. La tua torta è golosissima e il frosting mi invita così tanto che fra un po' lecco lo schermo ;) bacione a presto

    RispondiElimina
  38. Se non sei in grado di affrontare determinate letture non dar la colpa ad altri...
    Le serie problematiche dell'affrontar le giornate tra una ceretta, una seduta di yoga e lo shopping non ti si confanno per ovvie ragioni che non sto qui a spiegarti...
    ...
    Come czz si fa quel disegnetto lì sopra???

    RispondiElimina
  39. E perché io mi sono persa questo post esilarante??? Perché non è comparso nella mia elenco di lettura???
    Che sia stata la scrittrice del libro a boicottarti, dopo la tua recensione??? Meno male che passo sempre dalle mie amiche, dolcetto stupendo e foto FAVOLOSE!!!!
    Bacioni

    P.S. mi associo a Tinny ma come si fanno 'sti disegnini....

    RispondiElimina
  40. E meno male che tu e la cucina... niente da fare....!!!
    Se eri portata (secondo il test) che facevi?
    Mi fanno una gola! Saluti!!!!

    RispondiElimina
  41. Io ho visto l'autrice di questo libro un giorno ospite alla prova del cuoco e con Antonella parlava di moda e di cibo. Io mi occupo di moda ed insegno... e la cosa più giusta che ho sentito dirle è che... il nero invecchia dopo una certa età! Non avevamo di certo bisogno del suo trattato ne potevamo di certo fare a meno sicuramente per quanto riguarda la moda... e come affermi tu anche per quanto riguarda la cucina!!! Bravissima

    RispondiElimina
  42. Sei sempre bravissima in quanto a presentazioni e gusto!!!Complimentissimi....baci ^^

    RispondiElimina
  43. ciao ho scoperto il tuo blog per caso e mi hanno colpito molto le tue foto, le idee e l'atmosfera che riesci a regalare così da oggi hai una fans in più se ti va vienimi a trovare ciao rosa.kreattiva

    RispondiElimina
  44. Cara Fausta, credo che sia il tuo nome.... Sono meravigliato di fronte ai tuoi commenti sul libro della Foffo, non tanto per il atto che il libro possa non essersi piaciuto, perché ognuno è libero di giudicare come vuole, ma credo che il tuo sia un atteggiamento dettato da una forte invidia.... Sarai anche bravissima riguardo alla creazione e alla trasformazione delle ricette, complimenti per il tuo blog... Ma come si dice in Francia ( nel linguaggio destinato alla riva della Senna) SCIACQUATI LA BOCCA PRIMA DI PARLARE DI CIÒ CHE NON CONOSCI. Critica pure quello che vuoi, ma le critiche possono essere accettate solo dopo una conoscenza reale. Giudichi addirittura le foto... Non sai neanche quando sono state realizzate.... E a me chi lo dice allora che quello che vedo è veramente realizzato da te? Ti vorrei vedere a trattare con un editore.... Ti caleresti le mutande pur di avere un libro pubblicato....poi divertente chi ti risponde... Beh io il libro l'ho letto attentamente e conosco personalmente l'autrice ( e credo che la conosca anche tu) che oltre ad essere BIONDA é anche intelligente e coraggiosa perché si è esposta e paga con la sua faccia chi la critica e la tua faccia dov'è ???

    RispondiElimina
  45. Caro Stefano (credo che questo sia il tuo nome), il tuo commento mi ha lasciato un po' perplessa a causa delle sue argomentazioni un po' "spiazzanti". Mi dici che dovrei lavarmi la bocca prima di parlare di ciò che non conosco e tu, invece, senza conoscermi, parti dal presupposto che il mio post sia dettato da pura invidia. Ti assicuro che l'invidia è uno dei pochi peccati capitali di cui non ho frequentazione; questo come regola generale perché se andiamo alla situazione contingente credo che provare un simile sentimento per la pubblicazione di un "libro" come quello in questione sia davvero da masochisti.
    Non credo affatto di essere bravissima, ma quando vedo la foto di una torta in crosta di frolla e poi nella ricetta non trovo traccia di questa "crosta" faccio semplicemente due più due: la foto non è quella giusta. Purtroppo molti hanno l'abitudine di inserire foto non pertinenti, c'è cascato pure il grande Knam di cui posseggo un libro.
    Personalmente non ho nessuna velleità letteraria per cui non mi calerò le mutande davanti a nessuno (io non ho certo insinuato questo, per la Foffo...) però credo che se non si ha nulla da dire non sia obbligatorio pubblicare un libro a tutti i costi. Oppure il "voler essere presenti" è più forte? Nel caso si sa già in partenza che ci si espone ad ogni sorta di critica.
    Da appassionata lettrice di buona letteratura dico solo che mi spiace vengano pubblicati (e letti) libri del genere che trovo alquanto diseducativi mentre magari a giovani e valevoli scrittori (che non si calano le mutande) vengono sbattute le porte in faccia.
    Quanto alla mia faccia ed alle mie foto credo sia mio diritto mostrare di me solo ciò che voglio (cosa che d'altra parte vedo pratichi anche tu) e tuo diritto essere padronissimo di non credere che le immagini siano le mie.
    Questo ti avrei risposto se, leggendo attentamente il tuo commnento che credo non abbia né capo né coda, non mi fosse venuto il sospetto che tutto ciò sia uno scherzo...

    RispondiElimina
  46. Secondo me non è uno scherzo! Questo Stefano è proprio arrabbiato! Secondo me è anche molto maleducato nei confronti della Foffo!!! Questa cosa DI "CALARSI LE MUTANDE" cosa significa che la Foffo se le è calate? Se io fossi in lei Stefano, starei attento a scrivere....certe cose..

    RispondiElimina
  47. Proprio oggi ho visto su Raiuno la scrittrice ( franca foffo)e nn mi sembra cosi come tu la descrivi ! Sono meravigliato di fronte al fatto che tu parli della sua famiglia pur nn conoscendola( a questo pinto mi vengono dei dubbi) innanzi tutto forse tu hai un prpblema personale con la Foffo e credo che tu ti nasconda sotto falso nome per aggredirla . Seconda cosa, affronti il discorso delle foto in modo scorretto; io non trovo didascalie ne commenti quindi è chiari che le foto non sono appartenenti ad una ricetta specifica. Credo che sia superfluo affrontate alcuni discorsi con questa volgarità e credo anche che nn si possa utilizzare un blog serio per fare attacchi personali( pettegolezzi) buon lavoro! Se questo si io definire " lavoro" , proverò anche le tue ricette,mi sembra giusto in quanto ho già provato quelle della foffo con grande successo.

    RispondiElimina

Posta un commento