Image Cross Fader Redux farinata bianca - caffé col cioccolato

venerdì 25 gennaio 2013

farinata bianca


Farina, acqua, olio. Ingredienti semplici per una ricetta semplice: la farinata bianca.
"Sorella" minore della più famosa ricetta a base di ceci, quella che in Toscana chiamano "cecina" ma che qui da noi si chiama farinata, la versione con farina di grano è una ricetta circoscritta e tipica del savonese e per questo forse ancora poco conosciuta.
Gli ingredienti sono quelli elencati o poco più; si può così facilmente intuire come la loro qualità sia essenziale per la riuscita ed il sapore del piatto.
Ho parlato di Toscana ed un motivo c'è: l'olio che ho utilizzato per questa ricetta proviene proprio da quella terra, più precisamente dalla zona di Siena.
Il Terre di Siena è un olio fruttato, dal sapore delicato ma ben caratterizzato da un retrogusto leggermente piccante; assaggiarlo e cercare di realizzare qualcosa che ne facesse l'ingrediente principe è stato tutt'uno.
La tradizione non prevede altre aggiunte, se non una macinata di pepe fresco, però... cosa sarebbe la cucina senza interpretazione personale? Ci si può sbizzarrire per arricchire l'impasto base con olive o rosmarino, cipollotto tritato (anche la parte verde) o quello che vi suggerisce la fantasia. Devo ammettere che, post foto, io ho rimesso la teglia in forno per qualche minuto per far fondere delle sottilissime fette di fontina.
Che dire? Una goduria...
Il rosmarino invece l'ho aggiunto all'uscita dal forno sulla pasta ancora bollente e poi eliminato qualche minuto dopo: così facendo ha lasciato parte del suo aroma senza diventare troppo "invadente" (anche perché il suo sapore non è tra i più graditi da mio marito... vi pareva?).
Il massimo sarebbe quello di utilizzare l'apposito "testo" in rame stagnato (come il mio) ed ancor più importante sarebbe la cottura in forno a legna, ma qui "casco"... il forno a legna ancora non ce l'ho!


Infine una piccola curiosità: la farinata (quella di ceci) da noi si taglia(va) a semicerchi, a "morsi", con un tipico coltello ormai sempre più in disuso ma che mi procurerò la prossima volta che vado a Genova; c'è voluto un po' di tempo per trovare qualche immagine sul web... alla fine ce l'ho fatta. Ecco qui un video, se vi è venuta almeno un po' di curiosità.
Questa ricetta andrà a far parte di quelle pubblicate sul sito "Città dell'olio" nella sezione dedicata alle ricette. Come sempre vi invito a scoprire quali piatti sono stati  preparati con quest'olio meraviglioso nelle cucine di Pat, Teresa e Stefania.




Ingredienti:
(per una teglia del diametro di 33/34 cm - dimensione interna)  
200 grammi di farina di grano 00
600 grammi d'acqua
olio extra vergine d.o.p. "Terre di Siena"
sale, pepe q.b.


Esecuzione:
stemperate la farina con l'acqua aggiungendo quest'ultima poco alla volta, in modo che non si formino grumi. Nel caso eliminateli con una frusta a mano.  Otterrete una pastella molto liquida, simile a quella per la farinata di ceci.   
Aggiungete tre cucchiai d'olio e salate la preparazione (io ne aggiungo 2 grammi ogni 100 di farina), poi lasciate riposare per un paio d'ore.
Scaldate il forno a 200 gradi; ungete abbondantemente con olio e.v.o. un testo in rame stagnato (o una teglia) ed infornate per 20 minuti circa, comunque fino a coloritura.
Sfornate, cospargete la superficie con pepe nero macinato al momento e servite subito.    


32 commenti:

  1. La farinata la conoscevo ma questa no... Però e' vero che se hai ingredienti di qualità ne bastano pochi ma il piatto riesce perfettamente !!!!
    Mi piace e la proverò anche se non ho ne il testo ne il forno a legna che desidero tanto:)
    Baci

    RispondiElimina
  2. grazie per questa versione che non conoscevo e anche per le dritte sulla preparazione ... deve essere davvero buonissima! buon week-end

    RispondiElimina
  3. Sul forno a legna casco pure io! Magari quando rinasco...in una casa sperduta in mezzo alla campagna...ben lontano da qualcuna!
    Ma mi accontenterò del forno di casa per provare questa delizia croccante e profumata. Non conoscevo la versione con la farina 00 e mo’ son curiosa come una scimmia :D! Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  4. Amante della farinata classica, ma aperta sempre a nuove idee, dichiaro solennemente che la proverò!Grazie!

    RispondiElimina
  5. è la prima volta che la vedo e già mi piace! faccio spesso delle fari-frittate visto che non amo l'uovo, ma così in purezza, con un'ottimo olio, dev'essere una delle cose più buone del mondo!

    RispondiElimina
  6. e casco anche io sul forno a legna che purtroppo non ho ma chissà se un giorno lontano magari in una bella casa di campagna potrò realizzare questo sogno :-)
    mi hai incuriosita con questa farinata croccante e voglio provarla...pensa che me ne mangerei una fetta anche in questo preciso istante :-P buon fine settimana cara!!

    RispondiElimina
  7. che meraviglia! non la faccio di ceci. ma non credo sia buona quanto questa. una vera goduria? ci crediamo!

    RispondiElimina
  8. Wow ma che meravigliosa delizia..ottima versione e la trovo bellissima quindi archivio. Buon fine settimana!!

    RispondiElimina
  9. Che idea curiosa questa farinata! certo, per l'utilizzo di una farina classica, per forza devi avere un ottimo olio che faccia la differenza nel sapore! :)
    baci baci

    RispondiElimina
  10. A casa mia siamo tutti a dieta... prenderei a morsi lo schermo del pc!

    RispondiElimina
  11. Fausta, solo tu potevi pensare alla farinata bianca!! La vedo sempre in quel di Savona, spotorno etc e non ho mai pensato a farla in casa..il testo ce l'ho e quindi grazie di avermela ricordata!:-) E' bellissima! Tra l'altro, io la farinata di ceci la metto a 280° per 10 minuti, ma ora proverò il tuo metodo di cottura!
    Ciao!
    cinzia

    RispondiElimina
  12. Accidenti c'è da leccarsi i baffi! Mio marito è siculo, palermitano per l'esattezza e anche lì si usa molto la farinata di ceci aromatizzata con semi di finocchio... ma la tua versione è strepitosa! Ne prendo nota e... ti abbraccio forte forte e buon W.E. Serena

    RispondiElimina
  13. Questa ricetta mi riporta all'infanzia!
    a presto bea

    RispondiElimina
  14. Hai ragione, io non la conoscevo, ma sono certa che fa parte di quelle cose semplici per cui però è facile perdere la testa. Voglio provarla.
    Grazie per avermela fatta scoprire :o)

    RispondiElimina
  15. Sono curiosa e ho visto tutto il video per vedere il coltello. :)
    Conosco quella con la farina dei ceci, ma anche questa deve essere molto gustosa.

    RispondiElimina
  16. ho sentito varie volte parlare di farinata ma non l'ho mai assaggiata e a dire il vero non immaginavo neanche che l'impasto avesse la consistenza di una pastella! quante cose s'imparando passando per blog!
    complimenti per le foto, mi sembra quasi di averla qui sul mio tavolo!
    baci e buon w.e.

    RispondiElimina
  17. Prima di tutto, voglio quel testo. E' favoloso, come favolose sono le tue immagini (ma che foto magnifiche stai facendo? sono strepitose). Non conoscevo la farinata bianca nonostante io sia ghiotta di quella tradizionale, da noi più nota come cecina. La ricetta è assolutamente perfetta per valorizzare quest'olio che da solo, con un pezzo di pane, ha già fatto un gran piatto.
    Sei grandissima. Un super abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  18. delzziosa idea assolutamente da provareeee buon fine settimana

    RispondiElimina
  19. Ma dai??? Non sapevo che ne esistesse anche una versione con la farina che usiamo di solito, e penso proprio che la proverò mi piace quasi di più si può dire? Ora mi vedo il video :-) Baci e buon w.e.

    RispondiElimina
  20. Già sono la più grande consumatrice italiana di farina di ceci, adesso aggiungerò il record di consumatrice di farinata bianca!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Tre ingredienti fondamentali in cucina, messi insieme splendidamente. Non tarderò a provarla! Baci ^_^

    RispondiElimina
  22. Non sapevo che la "cecina" si facesse anche con la farina 00. Da noi in Toscana, la farinata è tutt'altro... è un sorta di minestra. :-)
    Visto che la farina di ceci non mi piace tanto, forse questa farinata bianca sarebbe proprio l'ideale per me!
    Baci.

    RispondiElimina
  23. Ecco, in un sol colpo mi hai fatto venire due desideri: l'aggeggino (che avrò al prossimo giro a Genova) e il forno a legna!... Be' avrei anche un altro desisderio: fare le foto come le tue, si può? :*

    RispondiElimina
  24. Che buonaaaa!! L'anno scorso a Pisa da un'amica ho mangiato la cecina e mi è piaciuta tantissimo! Non sapevo si facesse anche solo con la farina! un bascio cara!

    RispondiElimina
  25. Le tue fotografie sono sempre favolose e questa ricetta la voglio provare al più presto, sembra ottima. complimenti, buona giornata. eleonora
    http://eilbasilico.blogspot.it/

    RispondiElimina
  26. Questa è una goduria,la tua interpretazione personale l'ha resa sublime, mi fa davvero tanta tanta gola. Poi che dire, hai parlato dell'olio della mia terra ( anche se io son fiorentina ) e non posso che essere d'accordo su quello che scrivi. Io il forno a legna non ce l'ho, ma la mia migliore amica sì :D quale miglior occasione§? Un abbraccioe complimenti, è davvero una ricetta che mi piace moltissimo.

    RispondiElimina
  27. Le tue foto sono bellissime e invogliano a provare questa farinata che sinceramente non conoscevo. Ora però ho copiato la ricetta e la proverò !
    bacioni
    Alice

    RispondiElimina
  28. la farinata l'ho scoperta da poco, e mi piace un sacco, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  29. Fausta ben trovata :)
    io questo piatto non lo conosco neanche nella versione classica. Altra terra la mia, altra cucina. Un'occasione in più per provare a farla, magari in versione gluten free. Baci

    RispondiElimina
  30. Sai che non la conoscevo fatta con la farina normale? Mi piacerebbe molto provarla!

    Ho appena scoperto il tuo blog, ora vado a curiosare tra le ricette che ho intravisto qui sotto, molto appetitose ;)

    Nel frattempo mi aggiungo anche ai followers :)
    Passa anche da me se ti va!
    A presto,
    Michela www.cook-alaska.blogspot.it/

    RispondiElimina
  31. basta, chiudo il blog e metto a fare la calza ai ferri....

    RispondiElimina