w

22 febbraio 2013

stroscia: variazioni sul tema



Uno dei famosi "mali di stagione" mi ha tenuto distante per un po' dal blog, ma appena ristabilita, certo non potevo mancare a questo nuovo appuntamento sulla cucina a base d'olio extra vergine d'oliva.
Non potevo mancare anche perché era da un po' che aspettavo quest'olio, anche se in realtà lo conosco già molto bene; sto parlando dell'extra vergine d'oliva Riviera Ligure Dop.
Insomma, forse sarò un po' campanilista, ma non riesco ad apprezzare questo prodotto in modo meno che assoluto. Il suo sapore delicato e morbido e la bassa acidità lo rendono adatto ad ogni piatto, dolci compresi e quello che forse per alcuni, dal palato abituato a gusti più decisi, può essere sinonimo di "scarso carattere", per me è invece la carta vincente di un olio extra vergine che ha alla sua base una delle migliori cultivar presenti sulla nostra penisola, la taggiasca.
Parere mio, ovvio; amore viscerale e ciò sia scritto.
Avrei voluto proporre molte ricette della tradizione ma alla fine la scelta, come sempre, è stata dettata da un'esigenza di semplicità che tendesse a valorizzare la presenza di quest'olio delicato e delizioso.
Mi sono rivolta ad uno dei dolci tipicamente imperiesi (per dare a Cesare quel che è di Cesare,  la vera "patria" di questa ricetta è un comune della mia provincia: Pietrabruna), tanto per far sapere che la cucina ligure non è solo pesto alla genovese, minestrone alla genovese, stoccafisso alla genovese,  ... alla genovese.
In realtà alla stroscia avevo già dedicato più di un post, quindi, tanto per non ripetermi troppo, ho rimaneggiato un po' la ricetta originale e ne ho "tirato fuori" una versione leggermente diversa.
Questo dolce va "spezzato" a mano e non tagliato col coltello; lo suggerisce il nome stesso: strosciare, in ligure è "rompere" e la sua esecuzione è talmente rapida che sarebbe un peccato non lo provaste.
E poi è buona, buona, buona... 
Ancora io stessa un po' "strosciata" vi lascio alla ricetta ma non senza citare le altre compagne di viaggio: Pat, Teresa, Stefania e... la "new entry" Sabina, a cui voglio dare un saluto di benvenuto.     

Città dell'olio:le ricette dei blog!

Ok, mò basta, eh? 



Ingredienti:
300 g di farina
90 g d'olio extra vergine d'oliva Riviera Ligure
90 g di zucchero + più due cucchiai
30 g di rum
50 g di nocciole
scorzetta di un limone 
una manciata di gocce di cioccolato


Esecuzione:
fate la fontana con la farina e lo zucchero, versate l'olio ed amalgamate.
Unite il rum mischiato a 30 g d'acqua, la scorzetta, la frutta secca tritata molto grossolanamente e le gocce di cioccolato.
Lavorate velocemente.
Coprite con cartaforno una teglia di 22 cm di diametro poi disponetevi il composto in uno strato, anche a pezzetti, compattando man mano. La superficie dovrà rimanere molto irregolare.
Spolverizzate con i due cucchiai di zucchero semolato e cuocete in forno come per una normale frolla evitando un'eccessiva coloritura.
       
 
                     
   
                           
   

34 commenti:

  1. Deliziosi questi biscottini!!!

    RispondiElimina
  2. Golosi!!!!!!! Ne addenterei volentieri ALMENO un paio ;)
    Spero ti sia rimessa....

    RispondiElimina
  3. Molto bella e golosa,le foto dicono tutto!

    RispondiElimina
  4. Fantastici, come le foto, e con l'olio d'oliva ancora più accattivanti.

    Ho cambiato nome e indirizzo del mio blog, e ho perso tutti i lettori, se ti fa piacere ora sono qui:
    http://iltempoincucina.blogspot.it/

    A presto!

    RispondiElimina
  5. Eccoti!!!! Stai meglio ora? Direi di si, dopo questi biscotti bellissimi, non conoscevo (l'Italia è tanto lunga, quaggiù arriva sempre tutto... alla genovese)... Che foto, incantevoli! Bravissima, un bascio grande grande!

    RispondiElimina
  6. Che buoooni! Nocciole e gocce di cioccolato... sento già il gusto! Davvero una bella ricetta, la prendo:)

    RispondiElimina
  7. non mi è chiarissimo ma è un pò come per la sbrisolona una volta cotta si serve spezzandola a mano o si creano i pezzi a impasto crudo?
    buon we
    Alice

    RispondiElimina
  8. Ma che belli questi dolci da spezzare a mano!
    Mi dispiace che anche tu non stata bene, l'influenza quest'anno dilaga.
    Ma non conoscevi qualcuno, tipo un paramedico, un'infermiera, una farmacista, che potesse darti dei suggerimenti per guarire più in fretta? ;)
    Baci, Ellen

    RispondiElimina
  9. Ciao cara! Bentornata! Cavolo, questa influenza ha colpito proprio tutti!!! Ma mi raccomando, stai al caldo e riprenditi presto!!!
    Concordo con il tuo amore per l'olio ligure, anche noi in casa lo usiamo, ovvio che probabilmente ce ne sono vari tipi, ma quello che usiamo è buono ed è ligure, e di questo sono certa!
    Questi biscotti sono simili ai cookies americani? A guardarli mi attirano tanto e data la velocità dell'esecuzione, hai ragione, sono da fare!!!
    Un bacio cara e buona guarigione!
    More

    RispondiElimina
  10. Io , sono sincera, all'olio nel dolce ho qualche pregiudizio... però le tue foto e le tue argomentazioni mi hanno (ancora una volta) molto colpito.E proverò. Intanto grazie, bel post e splendide foto :*

    RispondiElimina
  11. Sublimi!!!!!!!! Li ho salvati e...........domani li provo!!!!!!

    RispondiElimina
  12. No...altro che basta..continua pure !! Ho scoperto che adoro il sapore e il profumo dell'olio nei dolci, ma lo uso ancora troppo poco rispetto a quanto vorrei..e magari, potrei provare la tua deliziosa ricetta di oggi..biscotti splendidi ! Un abbraccio :**

    RispondiElimina
  13. proprio come piacciono a me: rustici, croccanti, saporitissimi e senza burro! wow!

    RispondiElimina
  14. Sai che mi piace tanto l'olio nei dolci? Bravissima tu e bravissime tutte per questa interessante rubrica ;)
    Un bacione

    RispondiElimina
  15. Effettivamente è un olio davvero versatile, adatto a tutte le pietanze e la prova dolce ne è la conferma!

    RispondiElimina
  16. Brava come sempre cara...grazie per i tuoi ottimi consigli!!!bacioni ^^

    RispondiElimina
  17. Finalmente sei tornata, cominciavo a preoccuparmi... e sei tornata con una ricetta sicuramente da ripetere... croccante ( i dolci con l'olio lo sono sempre), profumata (limone e gocce di ciocco...) e soprattutto invitante...ed ora tu riguardati e un abraccio forte forte!

    RispondiElimina
  18. non sapevo cosa fosse la stroscia, ma appena vista mi ha colpito al cuore...e alla gola, deve essere buonissima e golosa! Complimenti!!

    RispondiElimina
  19. Anche io son latitante causa influenza..... Spero che ora tu stia meglio.
    Questi dolcetti sono davvero sfiziosi , da provare a me piace l olio nell impasto.) e mi piacciono che di rompono :)))
    Un bacio

    RispondiElimina
  20. non puoi fare così! mettere ste foto, sta ricetta e nasconderti dietro un monitor! e i dolcetti dove sono? perchè non ne mandi un poco ai primi 20 commentatori?? ;-) ha ha ha buon we e bravissima :-XX

    RispondiElimina
  21. Ma sai che questa stroscia assomiglia un pochino-ino alla torta di Lodi la tortionata, anche la nostra è fatta con frutta secca, un sacco di burro e si spezza con le mani, va beh dai l'avevo detto un pochino!!!
    Spero che tu ti sia ripresa e ti mando un bacione

    RispondiElimina
  22. Sai che sono una grandissima consumatrice di olio ligure, no?
    E non vedo l'ora di provare questo dolce.

    RispondiElimina
  23. buonissimi questi biscotti, da provare subito.

    RispondiElimina
  24. Da sempre abitutata all'olio del nonno, difficilmente riesco ad usarne altri. Ma se devo comprarlo, ligure e solo ligure, leggero e delicato.
    Tanti anni passati in vacanza in Liguria ma questo dolce non lo avevo mai sentito. Oh se ne sgranocchierei un bel pezzetto prima della nanna... :D! Mi calmerenne l'ansia da neve! Un baciotto, buona domenica

    RispondiElimina
  25. ogni volta mi piace come descrivi questi oli, piacerebbe anche a me riuscire a conoscerli così bene, sicuramente è molto importante per dargli il giusto abbinamento, per questo credo che nel tuo dolce ci stia benissimo e che questa stroscia sia davvero buona, e con quelle nocciole intere..mmhh!!!! bacioni

    RispondiElimina
  26. bentrovata Fausta e speriamo che quest'influenza,levi le tende,dalle nostre case,presto,almeno per quest'anno..non conoscevo questo dolce ligure e l'aspetto è a dir poco stragoloso!!il vostro olio dev'essere una bonta' ed impiegato in questa squisitezza,ancora di piu'!!complimenti e felice domenica,cara^;*

    RispondiElimina
  27. Non conoscevo questo dolce, ma sembra proprio uno di quelli che mangi un pezzetto per volta e, senza saper come, lo finisci :o)
    Spero tu stia bene ora.
    Un bacione.

    RispondiElimina
  28. Non ci credo! Mi hanno regalato dei biscotti simili ultimamente ma non ne conosce una ricetta… Sei sempre mitica. Un bacio

    RispondiElimina
  29. Eh quest'influenza non tralascia nessuno vero? Ma ti stai riprendendo alla grande vedo! Un dolce che non conosco ma che solo a vederlo sono sicura apprezzerei con l'olio ligure poi che è favoloso!!!! Molto buono mia cara!

    RispondiElimina
  30. anche io amo l'olio nei dolci, fantastici biscotti!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  31. ma è una sbrisolona con olio e nocciole.... buonissima...grande Faustidda!!
    ..e rimettiti che l'influenza di quest'anno è lunga e noiosa...ne so qualcosa... baci!

    RispondiElimina
  32. Fausta cara, grazie per il tuo caloroso benvenuto. Felice di averti incontrata. Condivido con te l'amore per questo olio. Dopo averlo assaggiato mi sono detta: "Ecco, questo è l'olio che fa per me!". Mi piace la tua versione della ricetta, confesso di non aver mai mangiato la stroscia, mea culpa. E mi piacciono le tue foto. Molto. Sei brava lo sai?
    Un abbraccio
    Sabina

    RispondiElimina