w

12 aprile 2013

biscotti all'avena e sciroppo d'acero


Credo che sia ormai chiaro a tutti quanto ami i dolci preparati con olio evo.
Insomma, anche quando la ricetta prevede l'uso del burro, spesso e volentieri io sostituisco.
In questo caso no, questi biscotti deliziosi (parere mio, naturalmente) nascono proprio così.
Ho letto la ricetta in un libro ed è stato amore a prima vista: niente burro ma olio, niente uova, niente zucchero.
In poche parole niente colesterolo ed in più l'avena, alimento utilssimo a far abbassare i livelli di quel malefico LDL. E per addolcire? Sciroppo d'acero che arricchisce col suo sapore particolare senza rendere il tutto troppo "stucchevole", come sovente accade con lo zucchero tradizionale.
Il mio scetticismo iniziale circa "ma come starà insieme il composto?" è caduto di fronte ai fatti.


Un vantaggio in più? la velocità d'esecuzione, e se vi pare poco...
Naturalmente (ma devo ancora specificarlo?) poiché il sapore e la qualità dell'olio sono fattori essenziali alla riuscita del piatto ho voluto utilizzare un altro degli olii eccellenti della nostra penisola: il dop Umbria "colli Assisi - Spoleto" dalle piacevoli note fruttate. 
Ho apportato qualche variazione alla ricetta iniziale, soprattutto perchè la pasta risultava un po' troppo morbida (molle, oserei dire...) et voilà il risultato: dei biscotti che, credetemi, creano dipendenza.   
La prossima volta aggiungerò, oltre all'uvetta (mia variazione), anche qualche noce o nocciola tritata grossolanamente; già pregusto (ed anche le noci abbassano il colesterolo...)!   
Cos'avranno preparato le mie compagne di viaggio con il medesimo olio? Lasciatevi tentare da pici, cacio e pepe ed agnello ed andate a visitare i loto blog: Pat, Teresa, Sabina e Stefania oppure cliccate qui!



Ingredienti (per circa 50 biscotti):
180 g di farina di farro
115 g di fiocchi d'avena 
1/2 bustina di lievito
130 g di sciroppo d'acero
70 g d'olio extra vergine d'oliva (dop Umbria "colli Assisi - Spoleto)
un pizzico di sale 
una manciata di uvetta (facoltativa)


Esecuzione:
tritate grossolanamente i fiocchi d'avena poi uniteli alla farina, al lievito ed al pizzico di sale. 
Aggiungete anche lo sciroppo d'acero e l'olio ed impastate; infine unite l'uvetta. 
Il composto risulterà molto morbido. 
Foderate delle teglie con carta forno oppure ungetele con un velo d'olio.
Con l'impasto formate delle palline che appiattirete sul palmo della mano, poi disponete in teglia. I biscotti non crescono molto in cottura, pertanto potrete anche disporli abbastanza ravvicinati.
Poiché l'impasto è un po' appiccicoso per lavorarlo di tanto in tanto inumiditevi le mani (anche con acqua, altrimenti poco olio). 
Cuocete in forno caldo a 190 gradi per 10 minuti circa o comunque fino a doratura.
 
                     
   
                           
   

37 commenti:

  1. farro e fiocchi d'avena...mi paice l'abbinata, soprattutto homezzo sacchetto di fiocchi d'avena con i quali non so cosa fare:-)

    RispondiElimina
  2. Cara anche io adoro quelle ricette dove si fa poco uso di burro e di zucchero, lo sciroppo d'acero è un perfetto sostituto naturale dello zucchero, poi fiocchi di avena, farina di farro e ottimo olio evo rendono questi biscotti perfetti e come dici tu non sono dannosi per la nostra salute! Concordo con te sull'aggiunta di noci o nocciole conferirebbero la giusta croccantezza :-) un abbraccio, Ros

    RispondiElimina
  3. Favolosi questi biscottini!
    Belli, buoni e sani, praticamente una colazione/snack perfetta!
    Amo molto anche io l'utilizzo dell'olio al posto del classico burro, e mi sto cimentando proprio in questi giorni con le frolle all'olio.
    Mi segno la ricetta di queste tue mini-delizie, anche se dovrò sostituire l'avena (anche se mi secca perchè mi piace tanto..) a causa di intolleranze varie..
    Ottima l'idea di aggiungere noci o nocciole...oltre a far bene danno una bella croccantezza e un sapore che adoro..
    un abbraccio scrocchiarello
    sara

    RispondiElimina
  4. Sai una cosa ??? Anche per me la ricetta di questi biscotti è stato amore a prima vista...ho messo l'avena nella mia lista della spesa ;)
    Grazie ! Un abbraccio e buon fine settimana :*

    RispondiElimina
  5. Dammi un pizzicotto che non schiodo gli occhi dall'ultima foto! E non solo perchè sgranocchierei tanto volentieri quei biscotti! Ci ho messo una vita ma per fortuna ci sono arrivata allo sciroppo d'acero. Mai più senza :D! Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  6. Ma io rimango ogni volta incantata dalle ricette e dalle foto Fausta... ma che meraviglia... Un bascione!

    RispondiElimina
  7. E' piuttosto difficile trovare dei buoni biscotti vegani,quindi mi terro' stretta la ricetta.
    Per di piu' l'avena non manca mai a casa mia,la mangio ogni mattino.
    Grazie per questi biscottini,buona giornata!

    RispondiElimina
  8. che buoni, li segno! ciaooooooooooo

    RispondiElimina
  9. Cucino pochi dolci e per quei pochi uso il burro (buono). Però i dolci con l'olio mi piacciono molto e inizierò a valorizzarli un pochino di più magari partendo dai tuoi biscotti.
    Baci mia cara

    RispondiElimina
  10. E io li rifaccio subitissimo. Perché tu devi sapere che il marito si era fissato con la dieta Dukan (che io ribattezzerei du can) e si è pure comprato il libro. Poi ha stipato la mia dispensa della colazione con sacchettate di avena perché per la dieta è fondamentale. Poi naturalmente ha smesso e l'avena è rimasta lì, che a me quella rumenta per colazione fa venire l'orticaria....Adesso so dove finirà, con più gusto di sicuro e magari con l'uvetta e le nocciole perché si sa, io sono golosa.
    In casa tua c'è sempre questa atmosfera fatata....che fotoooo.
    Pat

    RispondiElimina
  11. E dire che l'avena sarebbe anche senza glutine...
    Bellissima ricetta e foto meravigliose!

    RispondiElimina
  12. Un ottimo spunto per usare lo sciroppo d'acero oltre i pancakes... grazie ! Baci

    RispondiElimina
  13. lo sciroppo d'acero ce l'ho, quindi li posso preparare, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  14. Cara Fausta, una volta ho copiato una ricetta in cui era specificato...all'olio e io cosa dimentico di inserire? Proprio l'olio.
    In questi biscotti mi sembra fondamentale il suo utilizzo, sicuramente li proverò con una piccola modifica nelle farine.
    Che belle le tue foto...qui da te è primavera! :)

    RispondiElimina
  15. cara Fausta,i biscotti sono favolosi e le foto sono bellissime complimenti di vero cuore...un abbraccio grande.

    RispondiElimina
  16. certo che di biscotti se ne creano davvero un'infinità.. questi son davvero particolari cara, sicuramente hanno un sapore che non ho mai sentito.. caspita son curiosa!! un bacetto

    RispondiElimina
  17. Che buoni devono essere questi biscotti! Senti ma secondo te posso usare lo sciroppo d'agave al posto dello sciroppo d'acero? Ne ho un vasetto vicino alla scadenza... Buon fine settimana mia cara :)

    RispondiElimina
  18. Deliziosi biscottini e fotografie decisamente belle.....gran miglioramento ( il corso da i suoi frutti).
    Complimenti mia cara.

    RispondiElimina
  19. una favola questi biscotti, complimenti cara!!!

    RispondiElimina
  20. ottimi i biscotti e bellissime le foto!
    baci e buon we
    Alice

    RispondiElimina
  21. Chi non muore si rilegge! :-D Tutto bene, Faustì? Intanto che mi rispondi ti frego qualche buon biscottino! ;-)

    RispondiElimina
  22. Mi hai convinta! Subito subito... Non ci penso nenche un pò! Li rifarò subito! Mio marito da bravo medico mi incita a sostituire il burro in qualsiasi ricetta! Non solo! Vorrebbe anche che sostituisse il miele allo zucchero... Poi sai le tue ricette sono una garanzia... ed intanto ti abbraccio forte forte! A proposito Fausta, una domanda personale: quale è il tuo colore preferito?

    RispondiElimina
  23. Me la segno questa ricettina. Leggeri e buonissimi questi biscotti.Buona settimana,carissima!

    RispondiElimina
  24. mi piace per utilizzo dello sciroppo d'acero al posto dello zuchero dà un sapore nuovo

    RispondiElimina
  25. Proprio lo scorso sabato cercavo "disperatamente" lo sciroppo d'acere. Chissà perché mi era venuta questa voglia senza averlo mai assaggiato... :-) Forse perché era giunto il momento di provarlo?! Chissà! Però purtroppo non l'ho trovato: al supermercato non c'era e in erboristeria era in confezioni troppo grandi (e se poi non mi piaceva?).
    Peccato, altrimenti la prova di questi biscottini l'avrei fatta subito. Così li avrebbe potuti mangiare anche mia mamma che ha un po' di colesterolo.

    RispondiElimina
  26. congratulazioni tesorella, sei una dei vip! questo non è un premio ma un riconoscimento per i miei blog preferiti. tu sei tra questi. da oggi sei ufficialmente Betty approved! (maggiori info qui:http://elisabettapendola.com/2013/04/15/intermezzo-melodrammatico/ )- ti conferisco il fiocco lo puoi appuntare dove ti pare (anche in bagno) ;) ce l'ha anche Imma di DolciAGoGo nella sidebar e altre star! : http://elisabettapendola.files.wordpress.com/2013/04/betty1_02.png?w=600

    RispondiElimina
  27. Ciao, sono finita per caso nel tuo blog e mi sono accorta che siamo conterranee. Congratulazioni per il tuo blog è davvero carino.
    Manoela

    RispondiElimina
  28. Che ritardataria che sono!!! Non solo i tuoi biscotti buoni e salutari creano dipendenza, ma anche le tue foto. Sei molto brava. E mi piace immaginare questo olio sostenuto nell'impasto dolce ma non troppo. Ottima interpretazione.
    Ti abbraccio
    Sabina

    RispondiElimina
  29. cara Fausta è una vita che non passo ...ma da adesso non ti perderò più di vista un abbraccio ed un saluto allungami uno dei tuoi magnifici biscottini che lo assaggio bacio simmy

    RispondiElimina
  30. Cara Fausta,intanto grazie per essere passata a visitare il mio blog, è ancora tutto in fase iniziale ma la passione per la cucina mi sta incoraggiando a continuare. Spero di diventare anche una brava fotografa ma su questo ho ancora dei grossi dubbi. Io sono toscana solo d'adozione, sono una ligure doc, più precisamente un imperiese doc, mio padre è nato a Borgoprino (è un cacellòtto) mia madre a Castelvecchio ( è una ciantafùrche) La Toscana è meravigliosa, la provincia in cui abito ancora di più ma il mio cuore batte imperiese. Un abbraccio.
    Manoela

    p.s come faccio ad aggiungerti ai blog che seguo? come puoi vedere sono ancora molto imbranata. Ciao

    RispondiElimina
  31. ora metti curiosita' anche a me!!! per la colazione sono formidabili :) devo munirmi di sciroppo d'acero!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  32. Quindi se abbassa sto maledetto LDL, superiamo i sensi di colpa e ci fiondiamo voluttuosamente nei biscotti che all'avena e sciroppo d'acero.
    Ammesso che mi riescano ( e non è detto )

    RispondiElimina