w

17 novembre 2014

hummus spinaci e noci con "crostini" verdi



Che si fa quando in casa entra un elettrodomestico nuovo? 
Se non ha le istruzioni scritte in ostrogoto, e non in italiano (cosa vietata dalla legge, ma, credetemi, succede!), lo si prova subito.
E così, mentre il bollitore elettrico giace ancora su uno scaffale della dispensa in attesa di un mio "impulso traduttivo", l'essiccatore è entrato a buon diritto a far parte della cucina. 
Dico subito, l'essiccatore Non è indispensabile, ma insomma, si tratta di un gran bel giocattolino. Elena, con il suo dado vegetale home made, m'ha scatenato la voglia di provare a realizzare miscele, basi per preparazioni dolci e salate e bevande, ad uso mio e per piccoli doni natalizi. In giardino ho moltissime piante aromatiche; se le sempreverdi le utilizzo fresche, e così sono meravigliose, è anche vero che diverse piante d'inverno si spogliano e allora addio ai loro profumi... 
Sto sperimentando quindi, sto provando "strade alternative" e l'essiccatore, al di là del consueto utilizzo, può servire anche per "cuocere" alimenti privandoli della parte acquosa. 
Dopo le meringhette, che rimangono bianchissime e croccanti, ecco arrivare questi "crostini" che hanno conservato assai bene tutta la loro tinta brillante. C'è anche da dire che "la base" (piccoli panini a lievitazione veloce) è cotta al vapore... come i Mantou cinesi, così niente crosticina, nessuna reazione di Maillard. 
Ora vengo (finalmente) al dunque.
Volevo fare una ricetta che contenesse noci o nocciole, per partecipare al loro contest e perché... mi piacciono, oltre ad essere molto salutari. Ma il mio intento era anche trovare un antipastino leggero e sfizioso, dal colore verde brillante, perché in questo nostro contest il verde sembra un po' abbandonato, eppure... cosa ci vuole a fare un contorno a base di verdura? Un'insalata mista, un piatto di verdure cotte, al gratin o ripassate in padella???
Vabbé, io qualche suggerimento l'ho dato... :( , ora torno a Luna e alle sue compagne.
Hanno lanciato una gara in cui le protagoniste sono due "stars" autunnali, noci e nocciole, appunto.
E se si tratta di alimenti che nei dolci trovano la loro classica collocazione, inserirle in antipasti stuzzicanti, in primi sfiziosi o in secondi dove il loro sapore si fonda perfettamente con gli altri ingredienti, risulta un po' più complesso; però, un po' d'immaginazione, perché si "rischia" di vincere fantastici premi!
Prima di rimettermi "al lavoro" per le altre categorie (se non tutte almeno una o due) al momento ho creato questo antipasto, un "hummus" in verde, che ha passato indenne (anzi, oserei dire brillantemente) la prova-marito (e chi lo conosce sa cosa intendo...).
Accompagnatelo con verdure di stagione (carote, sedano, finocchi... e perché no? anche broccoli e cavolfiori che sono tanto buoni anche crudi) e crostini in tinta per un allegro pinzimonio che soddisferà occhi e palato. 
Con questa ricetta partecipo a StagioniAMO. La categoria antipasti la trovate da Marzia, del blog Coffee & Mattarello... che aspettate a partecipare anche voi? 

 


Ingredienti (per 4-6 persone): 
500 gr di spinaci freschi (potete utilizzare anche quelli surgelati, direi che ne basteranno 250/300 gr)
50 gr di noci *
200 gr di ceci lessati
1/2 spicchio d'aglio
succo di mezzo limone
5-6 cucchiai d'olio extravergine d'oliva
sale e peperoncino d.b.
inoltre, per i panini:
160 gr di farina 00
120 gr di yogurt greco zero grassi
20 gr d'olio extravergine d'oliva
2 gr di bicarbonato
4 gr di sale



Esecuzione:
pulite e lavate gli spinaci e fateli appassire in una pentola, coperchiando, con la sola acqua di sgrondatura. Cuocete solo pochissimi minuti, il tempo di ammorbidirli senza far perdere loro la colorazione verde brillante (se utilizzate quelli surgelati saltate questo passaggio, lasciateli scongelare e procedete da qui).   
Scolate bene senza strizzare, per non perdere i sali minerali, poi fateli asciugare brevemente ripassandoli in una padella antiaderente senza alcun condimento. Lasciate raffreddare e utilizzatene un paio di forchettate per i panini. 
Panini. 
Il procedimento è questo, che io trovo davvero geniale. Nessun lievito istantaneo in bustina, solo la semplice reazione tra l'acidità dello yogurt ed il bicarbonato. Riporto tutto qui per vostra praticità; sono sicura che se li provate non li lascerete più.
Setacciate la farina col bicarbonato e il sale. Frullate lo yogurt con gli spinaci, poi aggiungete l'olio.
Unite il frullato alla farina e impastate tutto rapidamente fino ad ottenere un impasto molto morbido ma non appiccicoso. E' probabile che vi occorra ancora un po' di farina, in base all'umidità contenuta negli spinaci; aggiungetela fino ad ottenere il risultato desiderato (attenzione però a non esagerare per non alterare troppo il rapporto tra gli ingredienti e consentire la lievitazione). 
Dividete l'impasto in quattro parti di ugual peso, formate delle palline, appoggiatele su un quadrato di carta da forno e cuocetele al vapore per mezz'ora. In alternativa potete cuocere i panini in forno, ma naturalmente all'esterno perderanno la colorazione verde. 
Una volta cotti e raffreddati tagliateli a fette sottili e fate asciugare in forno a bassissima temperatura (max 70 gradi) oppure trasferite nell'essiccatore per un paio d'ore.  
Per l'hummus.
Frullate spinaci, noci, ceci e aglio, fino a ridurre tutto in pasta. Aggiungete man mano l'olio e regolate la fluidità con qualche cucchiaiata d'acqua. Condite col succo di limone, il sale e il peperoncino. Assaggiate spesso per bilanciare i sapori in base al vostro gusto personale. 
Servite accompagnando con i crostini e verdure fresche, ridotte a "bastoncino". 

*Le noci andrebbero possibilmente sbollentate e poi private della pellicola superficiale. Lo so, è un lavoraccio, ma permette di ottenere un composto più cremoso e delicato dal punto di vista organolettico. E' un procedimento che si utilizza anche per la salsa noci e vi garantisco che dà i suoi frutti, ma se proprio pensate sia troppo oneroso... procedete con noci non spellate.     
   

                     
   
                           
   

16 commenti:

  1. Ma meraviglioso !!! E poi, l essiccatore è da una vita che me li sogno :)
    Bravissima come sempre Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Cinzia bel giochino davvero e l'ho pagato una cifra abbordabilissima. C'è da dire che il mio è "basic"... tasto "accendi-spegni" tutto qui, nessun termostato, timer ecc ecc., ma è più che sufficiente per divertirsi :)))

      Elimina
  2. Ma guarda che roba!! Geniale direi. E quei paninetti tondi e sofficiosi che pare quasi un delitto tagliare a fette e far essiccare. Però certo, quando uno ha un gioocattolino nuovo come l essiccatore( con le istruzioni in ostrogoto!!) e non lo vogliamo collaudare?!
    Meravigliosa ricetta, Faustina mia. Come nel tuo stile inconfondibile del resto!
    grazie davvero. E quei paninetti li voglio provare assoluto esima mente!
    Ti abbraccio fortissimo. Con tanti baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao bella! le istruzioni in ostrogoto sono del bollitore... che in effetti dopo un paio di mesi non ho ancora messo in funzione. Fortunatamente l'essiccatore le aveva in italiano! I paninetti... mangiarli così? Nature? mah... la cottura al vapore li rende un po' gommosetti, non so se siano gradevoli (a dir la verità non li ho neanche assaggiati, prima dell'essiccazione). Ma essiccati sono come crostini. Se invece li vuoi mangiare morbidi ti consiglio la cottura tradizinale, in forno :)))
      Sto pensando a qualche altra ricetta, eh? ;) Baciiii

      Elimina
    2. No certo, intendevo dire che i paninetti li assaggerei cotti!! Magari in forno, sì. Ma guarda, non disdegnerei nemmeno i crostini..anzi!! Era per dire insomma che mi fanno già gola così, figuriamoci in tutti gli altri modi!!
      Li trovo carini e invitanti. Sarà per quella loro forma così simpatica, sarà per il bel colore...insomma, me piacciono, che ce devo fa?! E ti dirò, pensandoci bene li assaggerei pure gommosetti, usciti dal vapore...chissà. Sono curiosa!!
      Tu intanto vai, pensa, pensa!!!<3
      Baciooni grandissimi faustidda, buona giornata!!

      Elimina
  3. Guarda... hai proprio ragione, molte volte le istruzioni in Italiano non ci sono e, se ci sono, non si capisce un'h. Mio figlio che vive all'estero dice che sui libretti che ci sono lì le traduzioni fanno pena, sia in inglese che in francese ma soprattutto le traduzioni in italiano! consoliamoci và e riponiamo tutto nella nostra intelligenza tutta femminile (eeheheh beh ogni tanto bisogna tesserci le lodi da sole no? ), l'essicatore lo vorrei tantissimo! ed ora che ho letto il tuo post lo vorrei ancora di più! la ricetta beh.. parla da sola, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Simo, sto scroprendo un sacco di cose... insomma, indispensabile no, ma divertente lo è sicuramente. E ho appena scoperto che si scrive con due "C" (ovvio, no? come secco... come ho fatto a non pensarci???) :((( Vado a correggere (o coregere??? ahahahah)

      Elimina
  4. se ti dico che mi sembra una caccola di troll ti offendi? ....però non metto in dubbio la bontà!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah... beh, che fantasia!!! La bontà, quella no, non metterla in dubbio perché, lo dissi, passò la prova più avversa dell'universo :)))

      Elimina
  5. eeeh ma che buono!!! ho sempre adorato le noci con gli spinaci, ma non ho mai pensato all'hummus come "veicolo"! in effetti è una base abbastanza neutra che si presta molto bene a reinvenzioni, io lo faccio spesso alla zucca ma poi mi fermo lì :) ottima presentazione!! baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! hai ragione è anche perfetto per una tavola "colorata"... l'hai provato con un po' di barbabietola? Non ne altera il sapore ma viene di una tinta rosa carico che è davvero bella! Ciao :))

      Elimina
  6. Primo pensiero: ...che fame. :D
    Secondo pensiero: bellissimo antipasto! Con il verde si possono fare millemila cose, basta scatenare la fantasia. Grazie per aver partecipato....ora non ti daremo tregua e ti aspettiamo per le prossime categorie! :D un abbraccio, Fausta! Il tuo blog è una bellissima scoperta :)

    RispondiElimina
  7. Mi stuzzica molto il tuo humus di spinaci, ma soprattutto quei panini cotti al vapore. Devo provarli.

    RispondiElimina
  8. sicuramente eviterei di aggiungere l'aglio, che nelle cotture davvero non mi piace... al di là di questo ti ruberò volentieri la ricetta!

    RispondiElimina
  9. sia l'humma che i panini di spinaci è una assoluta novità per me...devo dire che li proverò sicuramente, quella vaporiera "stile cinese" ce l'ho pure io, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  10. Ciao Fausta! Bellissima questa ricetta...me l'ero persa! Un colore davvero splendido e mi piace l'armonia di sapori... Voglio assolutamente provare a fare sia l'hummus che i panini!
    Congratulazioni per la vittoria del contest di StagioniAMO e...ti aspetto al mio, di contest! ;-)
    Buona giornata,
    Alice

    RispondiElimina