Passa ai contenuti principali

budino cremoso al cioccolato con chia


Dopo questa ricetta mi era avanzato un po' di latte di mandorle e ho deciso di utilizzarlo per un dolce al cucchiaio. Per la verità gli esperimenti sono stati due... ma le foto si riferiscono solo al "budino" perché la crema mi sembrava poco fotogenica (o sono io che non sono riuscita a immortalarla in tutta la sua cremosità).
Dunque: la chia (Salvia hispanica - origine Guatemala - Messico). 
Sicuramente tutte le persone che seguono un regime alimentare vegano sanno di cosa si tratta e ne conoscono le numerosissime proprietà nutrizionali e non; per coloro che non la conoscessero le illustro brevemente.
I semi di chia contengono tutti gli aminoacidi essenziali, sono ricchissimi di Omega 3 e Omega 6, quindi aiutano a tenere il colesterolo a bada, sono a basso indice glicemico, contengono antiossidanti e molti minerali. Stop.
Premesso che sì, tutte le proprietà racchiuse e concentrate in questi piccolissimi semi sono davvero incredibili (tanto per fare esempi, pare che siano presenti grassi Omega 3 nella misura di otto volte quelli del salmone e gli antiossidanti sono oltre il triplo di quelli dei mirtilli), mi domando anche quanti se ne dovrebbero consumare al giorno per ottenere risultati apprezzabili, visto che i calcoli sono effettuati... a parità di peso!
Quindi andiamo a quella che risulta essere la caratteristica che per me è più interessante: la chia riesce ad assorbire liquidi pari a 8/9 volte il suo peso e nel farlo produce un gel. Quest'ultimo può servire a sostituire le uova, ad esempio nelle torte, grazie al suo potere "legante", e la capacità di assorbire liquidi fa della chia un addensante naturale e semplicissimo da usare.
Nessuno stupore, quindi, se nel web si trovano moltissime ricette di "budini" e creme, preparati sfruttando proprio le proprietà di questo alimento.
Ho provato dunque a fare un budino al latte di mandorla e chia, a crudo, con aggiunta di cacao. Poi, non soddisfattissima del risultato (sapore ottimo, ma la consistenza, per me, era troppo cremosa-morbida) ho sostituito il cacao con cioccolato fondente... e ho trovato il mio budino velocissimo preferito.
Vista la presenza consistente del cioccolato anche questo non è un dolce leggero... in compenso è molto buono e ricorda vagamente una sorta di "bunét", fatto da mia mamma, con aggiunta di amaretti.
Io ho utilizzato latte di mandorla bio non zuccherato, più denso rispetto a quello di alcune note marche, già dolcificato, che si trova comunemente in commercio; può essere quindi che se utilizzate il secondo (o altri latti vegetali: soia, riso, avena...) la consistenza finale non sia esattamente come la mia. Nel caso potrete aggiungere ancora un po' di chia. 
Infine una piccola precisazione sul dolcificante utilizzato: non volevo diluire troppo la preparazione unendo altri elementi liquidi (sciroppo d'acero, d'agave ecc) per non alterare la consistenza del budino, né utilizzare la canna integrale, per non coprire il sapore di mandorla; chi non volesse mettere zucchero semolato potrà scegliere fruttosio o stevia.


Ingredienti (per due tazze da 160 ml l'una )
200 ml di latte di mandorla bio non zuccherato
20 g di zucchero semolato
80 g di cioccolato fondente al 70% (il mio senza lecitina)
20 g di semi di chia (2 cucchiai)


Esecuzione:
scaldate il latte con lo zucchero e il cioccolato spezzettato.
Fate sciogliere senza portare all'ebollizione (basterà intiepidire), sempre rimestando fino a ottenere un'emulsione.
Togliete dal fuoco, aggiungete i semi di chia, amalgamate e lasciate riposare un paio di minuti. Ripetete l'operazione per altre due/tre volte, poi trasferite il composto in cocottine. 
Trasferite in frigo per almeno un'ora e servite freddo. 
I budini si conservano bene un paio di giorni, sempre in frigo.

Per la crema al cacao (procedimentro identico): 
300 ml la dose del latte di mandorla, 30 g di zucchero, 20 g di semi di chia, 10 g di cacao amaro non zuccherato. 


Commenti

  1. Un'altra bellissima proposta. Sto leggendo un (bellissimo) libro di cucina veg, Green Kitchen, e i semi di chia sono tanto utilizzati. Il tuo budino mi alletta tantissimo, la consistenza è perfetta, il cioccolato lo rende delizioso. Ho segnato la ricetta. Un bacio

    RispondiElimina
  2. Li ho comprati per la prima volta l'altro giorno, non vedo l'ora di provare!!!

    RispondiElimina
  3. per accompagnare un quadrotto di brownie, un po' di budino ci sta tutto no?
    te l'ho detto che sono famelica in questo periodo, ti do la conferma :)))
    i semi di chia ce l'ho, ma l'unico modo in cui li ho usati è stato per pane e focacce. sono curiosa adesso...
    un bacione

    RispondiElimina
  4. Questi semi devono conoscere la mia cucina... e vorrei diventare anche amica della tua tazza perchè è perfetta per me... aria di bianco e parigina, la migliore che possa respirare! :-)
    I dolci al cucchiaio sono la carezza di cui ho sempre bisogno... anche ora. Quindi mi porgi la mano... piena? ;-)

    RispondiElimina
  5. La mia ignoranza culinaria si fà sentire purtroppo... ma ho gli occhi a cuoricino :)

    bello scatto

    RispondiElimina
  6. Ciao Fausta, io fino ad ora i semi di chia li avevo utilizzati solo nel pane. Mi incuriosisce molto la tua proposta. Ed è bellissima la tazza che hai utilizzato. Grazie delle spiegazioni e a presto!

    RispondiElimina
  7. Tu sei magica.la mia musa! Sono giorni che lkeggo di questi semi di chia, proponendosi ogni volta di approfondire, ma lasviuando alla fine tutto in sospeso. E opla ecco che trovo tutte le informazioni. Poi penso alla ricetta e mi chiuedo: che zucchero posso usare al posto di quello semolato per non alterare la consistenza del budino? E ri opla! Ecco che suggerisci il rimedio. Beh: io ti adoro! Fai tutte ricette adatte anche a me, non sai che gioia!!( a parte il cioccolato mna ora ogni tanto posso sgarrare!!). Cara faustina questo budino io lo divorerei ora, mentre aspetto il treno: ci vorrebbe proprio! Tanti baci♥

    RispondiElimina
  8. Ho un sacchetto di semi di chia e sinceramente non ho ancora deciso come usarli!!!

    RispondiElimina

Posta un commento