Passa ai contenuti principali

torta speziata all'anice ispirata a...



Lo ammetto: sono incostante. Mi destreggio impunemente tra periodi in cui leggere è l'ultima delle mie attività e altri, in cui trangugio tutto, o quasi. D'altra parte non faccio altro che applicare il sacro decalogo di Pennac.
Però, quando trovo il "filone" giusto - giusto per quel momento e quello stato d'animo -, leggere mi piace e appassiona. 
Per questo non volevo farmi sfuggire la ghiotta occasione di divertirmi un po', tra libri e cucina, col nuovo contest lanciato da Betulla, il cui tema rimanda al compito di riprodurre o creare una ricetta tratta o ispirata da un libro.
Così pensa, scegli, fruga, cerca, rileggi, alla fine in testa avevo un gran papocchio: tantissimi romanzi, alcuni letti nella notte dei tempi - classici, polizieschi, noir, gialli, di fantascienza e umoristici ... - presi in considerazione, poi scartati uno dopo l'altro per i più disparati motivi.
Rimaneva il bellissimo La città dei ladri  - chi non l'ha letto non sa cosa perde -, ma, dico, una torta con 12 uova??? Un po' troppe, per me. Anche se la mia vicina avrebbe sicuramente apprezzato il cadeau.
Poi, la fulminazione. 
Mi capita sotto mano - a dirla tutta lo sottraggo a mio marito che l'ha già iniziato, perché tanto gli do solo un'occhiata veloce e te lo restitituisco - un libro che mi affascina e cattura fin dalle prime pagine. Finisce, ça va sans dire, che non solo non lo restituisco subito, ma letteralmente lo divoro, nonostante l'inconsueta forma in versi e le ripetizioni, sempre funzionali e mai noiose, tra giochi linguistici e strategie narrative che a trascurare una sola parola rischi di perdere tutto il senso del racconto.
Ed è lì, ben nascosta in uno dei primi capitoli di Qualcosa sui Lehman - capitolo incentrato sul cibo e non a caso intitolato Schmaltz / grasso in yiddish -, che trovo la mia ispirazione: l'accenno a una torta speziata all'anice appositamente preparata per annullare definitivamente le resistenze di potenti, ma ingordi, uomini d'affari, già abbondantemente fiaccate da pasti luculliani. La famosa stoccata finale, insomma.
Perché se l'uomo si prende per la gola, gli speculatori americani qui si conquistano a suon di pranzi interminabili, tra i fumi dell'arrosto e fiumi di liquore. Contratto firmato. Contratto firmato. Contratto firmato. E il girovita, neanche a dirlo, aumenta.


Mayer Lehman
pubblicamente
- con qualche rimostranza - 
ha perfino detto: 
"Un buon cuoco? 
Sarei disposto anche a pagarlo".
Per fortuna 
non ce n'è stato bisogno.
Babette e Zia Rose 
alla ricerca di un talento culinario 
hanno messo alla prova 
tutti i loro schiavi 
18 in tutto 
uomini e donne 
senza differenza 
qualunque età 
senza differenza. 
"Fateci vedere quello che valete!" 
"Farcire una quaglia!" 
"Insaporire un brodo!" 
"Candire un dolcetto".
Loretta, Tea, Reddy e Jamal 
per poco 
hanno infiammato la cucina: scartati.
Il bestione di Robbie 
ha confuso zucchero e sale: scartato.
Lo stupido di Nanou
non distingueva una coscia da un'ala: scartato.
Testatonda si occupasse, che era meglio, di cotone.
Mama Clara e le sue sei figlie 
hanno osato chiedere 
perché in casa Lehman 
sia vietato lo stinco di maiale: scartate.
E fra i pochissimi restanti
messi a confronto sul cappone in salamoia
fu il vecchio Holmer a guadagnarsi il trono.
...
Tovaglie nuove di zecca 
e brocche 
e caraffe 
e vassoi col cigno: 
l'investimento 
in sala da pranzo 
andava finanziato 
e con i fondi dell'azienda 
perché 
Lehman Brothers 
ha duplicato i suoi guadagni 
non a caso 
da quando il nuovo cuoco 
si è inventato 
in rigoroso regime kosher 
il pasticcio di tacchino al melograno.
   "Volete assaggiare?"
e poi la salsa di pomodori verdi
   "Mister Tennyson, un'altra porzione?"
e il pollo in fricassea
   "Mia moglie ne va matta!"
e la crema di barbabietole 
   "Mister Robbinson, vi posso tentare?"
e lo spezzatino d'anatra
   "Ancora un piatto, ne sono goloso"
e la minestra di fagiano 
   "Indimenticabile!"
ma soprattutto 
in primo luogo 
fieramente 
il dessert 
zuccheratissimo
"Vi piace? E' zucchero Lehman, dalla Louisiana!"
ovvero 
"torta all'anice speziato" 
che Zia Rose con le sue mani 
personalmente 
porta in tavola 
al momento delle firme, 
quando serve il tocco magistrale. 
E funziona. 
Tanto più se la torta è bagnata 
con un bicchiere di liquore raro, 
tenuto in serbo 
per gli eventi eccezionali.
"Un sapore straordinario!"
"Oddio che fragranza!"
"Voi ci volete viziare!"
"Ancora una fetta?"
"E come si accompagna col vino!"
"Ne è rimasta ancora?"
"Dov'è che firmiamo?"  



Qualcosa sui Lehman, da cui ho copiato il brano in corsivo, è di Stefano Massini, edizioni Mondadori e i Lehman di cui si parla sono proprio loro, quelli che tutti tristemente ricordiamo per la bancarotta del 2008.
E' il racconto estremamente godibile, quasi un'epopea, dei Lehman, ebrei tedeschi emigrati in America a metà '800 in cerca di fortuna. La storia dello sviluppo di un'azienda, da sperduto negozietto di stoffe con l'insegna dipinta a mano, a holding finanziaria messa in crisi dalle concessioni sconsiderate di mutui sub-prime, sullo sfondo di un'America attraversata dalla Guerra di Secessione e conflitti mondiali, tra nuove invenzioni e proibizionismo, New Deal e speculazioni forsennate in Borsa.    
Io l'ho divorato, esattamente come ho fatto con questa Torta speziata all'anice, mia libera interpretazione di quella di Zia Rose. 
Poiché è tempo di zucca e avevo voglia di una torta morbida e umida, ma senza troppi grassi saturi, ho trovato questa Torta di zucca di Chiarapassion e mi ci sono appiccicata come una cozza al suo scoglio, piegandola appena ai miei voleri.
Insomma, qualche variazione l'ho apportata. 
Meno zucchero, una giunta di marmellata d'arancia per una piacevole nota amarognola, ma soprattutto anice (molto) e spezie (poche). 
Ottima... firmo il contratto!
Ho cercato di dare un'ambientazione alle foto che fosse, se non proprio old America, almeno old, e l'anice utilizzato è quello in semini (pimpinella anisum), non l'anice stellato ritratto in foto solo perché più fotogenico.
E poiché sono stata davvero troppo lunga - spero almeno di avervi incuriosito - ... vi prometto una torta facile e velocissima!

http://www.betulla.eu/pagineaifornelli/
Con questa ricetta partecipo a #pagineaifornellicontest di Betulla


Ingredienti (per una tortiera da 22/23 cm di diametro o stampo da plumcake da 26 cm di lunghezza/ 1,3 lt) :
250 g di zucca cotta a vapore o lessata in poca acqua
180 g di farina 0
150 g di zucchero
100 ml di olio leggero (io extravergine d'oliva ligure)
100 g di marmellata d'arancia Bio non zuccherata
50 g di farina di mandorle
2 uova
1/2 bustina di lievito istantaneo per dolci (8 g)
un cucchiaio abbondante di semi di anice 
5 bacche di pimento  (pepe della Jamaica)
un pizzico di noce moscata 
2-3 cucchiai di succo d'arancia (se necessario)


Esecuzione:
riducete la zucca in purea.
Pestate in un piccolo mortaio i semi di anice insieme al pimento.
Setacciate la farina 0 con il lievito, aggiungete lo zucchero, la farina di mandorle, le spezie e mescolate. 
A parte, con una frusta elettrica, miscelate la purea di zucca, l'olio, le uova e la marmellata.
Unite gli ingredienti umidi a quelli secchi e amalgamate. Se necessario aggiungete il succo d'arancia per rendere l'impasto più fluido, in modo che "scriva".
Trasferite nello stampo, imburrato e infarinato o rivestito da carta forno, e cuocete in forno scaldato a 170°, per circa un'ora, coprendo a metà cottura nel caso la superficie si dovesse colorire troppo.
Fate comunque la prova-stecchino.
Una volta fredda, sformate la torta, decorate a piacere e servite. 
Si mantiene piacevolmente umida per diversi giorni e a parer mio migliora col tempo.
E se proprio desiderate fare come Zia Rose, servitela con un bicchierino di liquore raro. 
 

Commenti

  1. Sono incantata, dalle tue foto meravigliose, dalla tua ispirazione (sottile e arguta), e infine anche dalla tua deliziosa credenza con tazze sullo sfondo! Grazie di cuore...so di aver proposto un contest di non facile realizzazione, e so anche che è un periodo complesso per te...per cui apprezzo davvero tantissimo questo tua lavoro impeccabile. Ti abbraccio forte, e ti auguro di cuore un bel 2018!

    RispondiElimina
  2. ... e io ringrazio ancora te, perché mi hai saputo stimolare con il tuo gioco delizioso. Non sai quanto sia importante per me poter lavorare di fantasia. E poi... mi hai consentito di andare a rileggere pagine di grande letteratura, invogliandomi a rileggere tutti quei libri meravigliosi. Sono contenta di essere riuscita a partecipare! Ti abbraccio e ti auguro buon anno, di cuore

    RispondiElimina
  3. Non conoscevo il libro (e nemmeno la città dei ladri a dire il vero, adesso devo andare a cercare) ma sembra davvero molto godibile. Come lo è sicuramente questa torta, semplice e buona come quelle che amo. E le foto? Sempre belle! :-)
    Un abbraccio e tanti auguri per un felice 2018, Fausta!

    RispondiElimina
  4. quando si dice "prendere per la gola"! 😋 il potere del cibo ha illustri precedenti nel campo della finanza e della politica! questo dolce è proprio accattivante e va assolutamente replicato. Sulle foto poi non ci sono parole, lasciano senza fiato...
    Un saluto affettuoso e tantissimi auguri ❤

    RispondiElimina
  5. Ciao Fausta,
    piacere di conoscerti. Sono Anna e anch'io partecipo al contest di Betulla. Presa dalla curiosità, sono andata a vedere i blog delle altre partecipanti e sono rimasta incantata dal tuo. Ho trovato ricette estremamente raffinate e foto magnifiche nel tuo spazio, pieno di curiosità per il cibo e per il mondo che gli ruota attorno. Leggo lentamente le ricette per non rovinare il piacere di questi piatti.
    Ti seguo su Google+ e mi sono iscritta alla tua newsletter perché vorrei continuare a riempirmi gli occhi di bellezza e magari a sperimentare qualcuno dei piatti che proponi! Naturalmente se vorrai passare da me, sarai la benvenuta.
    Spero a presto!
    Anna

    RispondiElimina

Posta un commento